[GUIDA] [WINDOWS/LINUX/MAC] adb e fastboot - installazione - configurazione - utilizzo

Discussione in 'Guide modding' iniziata da MatteoV, 4 Feb 2014.

Condividi questa Pagina

  1. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    INDICE GUIDA
    POST #1
    • In teoria
      • ADB
      • FASTBOOT
    • Cosa possiamo fare con adb e fastboot
    • Installazione e configurazione
      • Windows
      • Linux
      • Mac OS X
    • Controllo funzionalità
    • Comandi di base ADB
    • adb logcat
    • adb shell
    • Comandi di base fastboot
    • Backup e restore con ADB
    ---------------------------------------

    ADB

    Android Debug Bridge, cioè¨ un "ponte" di unione tra il PC (strumento di sviluppo) e il device, sia questo fisico o emulato (macchina di sviluppo). Si tratta di un command line tool, cioè un eseguibile da utilizzare tramite riga di comando. ADB rappresenta un completo strumento pensato da Google e messo a disposizione di utenti e sviluppatori per controllare il proprio device o emulatore su cui si sta lavorando, E' contenuto in un grande set di strumenti, SDK (software development kit), per la creazione di applicazioni e software Android (rom). A sua volta SDK fa parte di ADT (android development tool) che racchiude la famiglia completa dei tool per sviluppatori.



    ADB si compone di 3 parti:


    I/il client: letteralmente un "cliente" cioè¨ un hardware o software che accede ai servizi forniti dal server. Il client è¨ ciò che ci interfaccia con ADB sotto forma di shell testuale. Il server al quale accede è¨ ospitato dal PC, sul quale gira in background.

    Un server: eseguito in background su PC e richiamato direttamente dal primo client creato. Gestisce le comunicazioni tra il client e il daemon. Il server è¨ sempre legato alla porta locale TCP: 5037 dalla quale riceve le comunicazioni del/dei clients.

    I/il demone (daemon): processo in background sul device collegato o sul terminale emulato. Il daemon è ciò che identifica un device o emulatore connesso al server. Tramite il server è possibile mettere in comunicazione ogni client con ogni daemon ed ogni daemon con un'altro daemon. Ad esempio sarà possibile mettere in comunicazione l'emulatore Android con un device reale collegato al pc. Ad ogni daemon viene legata una porta TCP presa nel range 5555 -> 5585.

    FASTBOOT
    Al pari di ADB, anche FASTBOOT fa parte della suite platform-tools, contenuta all'interno dell' Android SDK. Fastboot permette di impartire comandi al device quando questo si trova in una particolare modalità detta fastboot mode. Nei dispositivi Samsung il fastboot mode viene rimpiazzato dal download mode ma le funzioni disponibili sono pressochè identiche. In questa modalità è possibile manipolare il file system del dispositivo, ri-flashando porzioni di memoria o addirittura (come accade per le factory image dei Nexus) reinstallando interamente il software. Alcuni dispositivi necessitano dello sblocco del bootloader per avere accesso alla modalità fastboot. L'utilizzo scorretto di questa modalità rappresenta una delle poche reali cause di hard-brick. Proprio a causa della potenzialità di questo applicativo, nella maggior parte dei casi la modalità fastboot non viene utilizzata direttamente dall'utente finale tramite riga di comando, ma il controllo passa per tool o programmi sviluppati da utenti indipendenti o addirittura dalle stesse case di produzione, come accade per Odin per Samsung o Flashtool per Sony. Nei dispositivi bloccati, l'utilizzo del fastboot invalida la garanzia in modo definitivo, mentre per alcuni device nonostante l'utilizzo sia consentito, si viene avvertiti dei potenziali rischi che comporta ed eventuali malfunzionamenti apportati da operazioni errate non verranno coperti da garanzia.

    Cosa possiamo fare con ADB e Fastboot?
    Le possibilità sono completissime e vanno dalla semplice installazione di app, fino al backup di partizioni di sistema protette quale l' EFS. Con fastboot potremo poi flashare rom, kernel, recovery e ripristinare eventuali soft-brick. E' possibile estrarre direttamente dal sistema installato alcuni file quali applicazioni e dati. Le funzioni sono moltissime, in questa guida vedremo come installare, configurare ed utilizzare questi versatili tool.

    Installazione e configurazione


    • Windows:

    Link utili

    Recatevi in questa pagina per scaricare il pacchetto SDK
    Qui avete accesso all' elenco completo delle case produttrici ed i relativi link per il download dei driver.

    Video guida completa per installazione e configurazione su Windows




    • Linux:

    Installazione
    1. Scaricare da qui il file .tgz di Adnroid SDK per Linux
    2. Estraete il file nella vostra home. Il percorso dovrà risultare simile a questo (escluso l'user): /home/nome_user/android-sdk-linux
    3. Se avete un PC a 64bit è necessario rendere sdk compatibile con l'architettura della vostra macchina, se siete su 32 bit saltate questo step:
      • lanciate il terminale e digitate sudo apt-get update
      • poi digitatesudo apt-get install ia32-libs-multiarch
    4. Ora andremo ad installare OpenJDK. Il comando vale per le distribuzioni debian (come ubuntu). Se già presente saltate questo step:
      • Digitare su terminale: sudo apt-get install openjdk-6-jdk
    5. Entrate nella cartella "android-sdk-linux/tool ed avviate il file: "android"
    6. Nella finestra che si aprirà dovrete selezionare i pacchetti che desiderate scaricare. Gli obbligatori sono Android SDK tool e Android SDK platform-tool.
    7. Cliccate su Install packages e, poi accettate la licenza ed infine installate i pacchetti.

    Configurazione

    Con Ubuntu Linuxu sarà sufficiente editare, o creare se ancora non esiste, il file 51-android.rules che trovate in /etc/udev/rules/.
    Con questa operazione aggiungeremo all' Udev, gestore dei dispositivi per il Linux kernel, un codice IdVendor che garantirà i permessi necessari per modificare il dispositivo tramite ADB e Fastboot. L'Id è identificativo della casa produttrice del device.Qui trovate l'elenco completo dei vendor.
    Se il file 51-android.rules non non esiste, createlo in questo percorso:
    /etc/udev/rules.d/




    1. Dare il comando:
      Codice:
      gksu gedit /etc/udev/rules/51-android.rules
    2. Aggiungere questa riga:
      Codice:
      SUBSYSTEM==â€usbâ€, SYSFS{idVendor}==â€ID", MODE=â€0666" GROUP="plugdev"
      Al posto di ID dovrete inserire il codice idVendor corrispondente al vostro device. L'attributo MODE specifica i permessi per quel dato device. Esempio per Samsung:
      Codice:
      SUBSYSTEM==â€usbâ€, SYSFS{idVendor}==â€04e8", MODE=â€0666", GROUP="plugdev"
    3. Concludiamo l'operazione con il comando:
      Codice:
      chmod a+r /etc/udev/rules.d/51-android.rules
    Configurazione variabili d'ambiente: questo passaggio eviterà di dovervi spostare (con il comando CD) nella cartella platform-tools ogni volta che dovrete utilizzare adb o fastboot. In questo modo avrete accesso alla suite di comandi indipendentemente dalla posizione in cui aprirete la finestra di comando.


    • Mac OS

    Scaricare da qui l'archivio zip che contiene SDK. Attenzione a scaricare solo SDK (nella parte bassa della tabella) e non tutto il pacchetto ADT.
    Estrarlo in una cartella a vostra discrezione.
    All'interno della cartella tools cercate il file android ed eseguitelo

    [​IMG]
    Nella finestra seguente controllate che siano flaggati sia adroid sdk tools che platform-tools infine cliccate su install.
    [​IMG]

    Una volta conclusa l'installazione dovrete impostare nelle variabili di sistema il path di platform-tool. In alternativa per eseguire adb, dopo aver aperto una finestra di comando, sarà necessario spostarsi nella cartella platform-tools con il comando cd percorso platform-tools.


    Controllo funzionalità ADB
    Con il nostro smartphone entriamo in impostazioni -> opzioni sviluppatore. Se non è visibile la voce "opzioni sviluppatore" entrate in "info sul telefono" e tappare 7 volte consecutive in corrispondenza della voce "Numero build"

    1. Dalle opzioni sviluppatore abilitiamo il debug USB.
    2. Colleghiamo il dispositivo al PC. (su Windows evitate che vengano installati altri driver).
    3. Ora, da PC apriamo una finestra di comando e digitiamo:
      Codice:
      adb devices
    4. se tutto è configurato correttamente otterremo un risultato simile a questo:
    [​IMG]

    Le due righe *daemon indicano che è stato avviato il sistema client-server-daemon (vedi "cos'è adb" ad inizio post). Al primo avvio di adb può essere necessario ripetere il comando per renderlo effettivo. (al primo invio viene solo lanciato il server e stabilite le connessioni)

    Se invece ottenete una schermata con errori o l'elenco dei comandi adb è necessario autorizzare il controllo di debug sul dispositivo. Sul device sarà comparso questo messaggio:

    [​IMG]

    date conferma del permesso e ripetete dal punto1.

    Se non dovesse uscire il messaggio di richiesta autorizzazioni, scollegate il dispositivo e recatevi nuovamente in impostazioni->opzioni sviluppatore e tappate su "revoca autorizzazioni debug USB". A questo punto ricollegate il dispositivo al PC e dalla finestra di comando ripetete il comando "adb devices". Comparirà il messaggio che vedete nello screenshot sopra. Date conferma del permesso e ripetete dal punto1.
     
    Ultima modifica: 29 Gen 2016
    A MatVekk, ikee, beota e ad altre 6 persone piace questo elemento.
  2. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    COMANDI DI BASE ADB[HR][/HR]​

    adb [-d][-e][-s <serial_number>] [comando]: dirige il comando nell'istanza specificata. (emulatore o device)
    Codice:
    adb  -d|-e|-s <serial_number> [comando]
    -d: dirige il comando sul device collegato (se ce n'è più di uno restituisce un errore)
    -e: dirige il comando sull'emulatore collegato (se ce n'è più di uno restituisce errore)
    -s [serial_number]: dirige il comando all'istanza identificata dal seriale specificato
    ESEMPIO: adb -s 00a9f7e63b482b0e reboot recovery
    in questo caso ho diretto il comando "reboot recovery" al device collegato (Nexus4) identificato dal seriale 00a9f7e63b482b0e. Ho ottenuto il seriale con il comando "adb device".

    [HR][/HR]adb devices: visualizza tutte le istanze collegate al server

    Codice:
    adb devices
    ESEMPIO: vedi parte finale post precedente.

    [HR][/HR]adb bugreport: stampa a schermo o su file tutte le informazioni necessarie per un bug report
    Codice:
    adb bugreport
    adb bugreport >file
    ESEMPIO: adb bugreport >test_bug.txt
    ecco il file che è stato creato: link


    [HR][/HR]adb help: permette di visualizzare nella shell la lista di comandi di ADB con funzione e sintassi
    Codice:
    adb help
    adb

    [HR][/HR]adb reboot [bootloader/recovery]: comando usato per riavviare nella modalità specificata o semplicemente riavviare il dispositivo.
    Codice:
    adb reboot
    adb reboot recovery
    adb reboot bootloader

    [HR][/HR]adb install [-l] [-r] [-s]: utilizzato per installare un file apk direttamente nella partizione dati del dispositivo
    Codice:
    [FONT=courier new]adb install [-l] [-r] [-s] percorsofile/nomefile.apk[/FONT]
    -l : blocca l'app sul telefono in modo che non possa essere trasferita ad altri device senza autorizzazione
    -r: reinstalla applicazione mantenendo eventuali dati già presenti
    -s: installa applicazione sulla sd esterna anzichè nella memoria interna
    ESEMPIO: adb install C:\Users/matte_000/desktop/NovaLauncher_2.3.apk

    [HR][/HR]adb uninstall [-k]: utilizzato per disintallare un applicazione
    Codice:
    adb uninstall -k percorso/nomefile.ap[FONT=microsoft sans serif]k[/FONT]
    -k se inserito sperifica di mantenere in memoria i dati e la cache dell'app che si sta disinstallando
    ESEMPIO: adb uninstall system/app/GoogleHindiIME.apk


    [HR][/HR]adb pull <indirizzo remoto> <indirizzo locale>: permette di estrarre uno o più file di qualsiasi genere dal device
    Codice:
    adb pull percorso_file_su_device/file percorso_pc_in_cui_salvare
    adb pull percorso_cartella_su_device percorso_pc_in_cui_salvare
    se il percorso su pc non viene specificato, i file saranno salvati nella cartella root dell'utente.
    ATTENZIONE: rispettare anche gli spazi
    ESEMPIO: adb pull /data/app/com.google.chrome-1.apk C:/Users/matte_000/desktop


    [HR][/HR]adb push <indirizzo locale> <indirizzo remoto>: permette di inserire uno o più file di qualsiasi genere nel device
    Codice:
    adb push percorso_file_su_pc/file percorso_telefono_in_cui_salvare
    ESEMPIO: adb push C:/Users/matte_000/desktop/NovaLauncher_2.3.apk /system/app

    [HR][/HR]adb logcat [opzione] [filtro]: stampa a schermo il log di ciò che avviene nel dispositivo. Funzione utile ad esempio per scovare eventuali bug o per indagare i motivi di un crash. Funzione indispensabile per le operazioni di debug del softrware. E' necessario usufruire dei parametri "opzione" e "filtro" altrimenti il log risulta solo un lungo elenco di frasi illeggibili.

    opzioni:


    • [*=2]-c: cancella l'intero log ed esce
      [*=2]-d: stampa a schermo un'istantanea del logcat ed esce
      [*=2]-f nomefile: permette di salvare i messaggi di log in un file esterno.
      [*=2]-g: stampa la dimensione del log
      [*=2]-r: riavvia il file log ogni [kbytes]. Deve essere specificata l'opzione -f
      [*=2]-n: imposta il numero max di riavvi del file log. Devono essere specificate -f e -r
      [*=2]-s: permette di impostare un [filtro] come silente.
      [*=2]-v: imposta il formato di output del log. Il formato di default è "brief". A seguire una lista di tutti i formati disponibili:
    brief: visualizza priorità/tag e PID del processo che ha portato al messaggio (PID= process ID)
    process: visualizza solo il PID che ha portato al messaggio​
    tag/priority: visualizza solo il tag del processo​
    raw: visualizza il log dei messaggi, senza tag e PID​
    threadtime: visualizza il messaggio con tutti i metadati​
    long: come threadtime ma separa i messaggi con una linea vuota​

    tag+filtri: tutti i messaggi di log hanno un tag ed una priorità associata. E' possibile filtrare il log per tag, priorità o entrambi. Nel logcat i messaggi vengono ordinati in una colonna, i cui primi due parametri sono priorità/tag. Osservando il logcat possiamo quindi capire quanti e quali siano i tag disponibili.​


    • [*=2]V: bassa priorità
      [*=2]D: debug
      [*=2]I: Info
      [*=2]W: warning
      [*=2]E: error
      [*=2]F: fatal (errori gravi)
      [*=2]S: il tag associato viene silenziato (non visualizzato).
    ESEMPIO: adb logcat ActivityManager:D *:S
    In questo caso verrebbe visualizzato il log dei processi con tag ActivityManager. A questi però viene applicato il filtro di debug. Il [*:S] indica che tutti (*) gli altri processi sono silenziati.

    adb logcat -b [buffer]
    radio: log messaggi telefono/radio
    events: log messaggi eventi
    main: log messaggi completo
    ESEMPIO: adb logcat -b radio

    [HR][/HR]adb shell [comando]: crea una shell remota sul device/emulatore collegato. E' possibile far eseguire al device moltissime operazioni, senza avere accesso diretto al touch screen. Probabilmente la più versatile delle funzioni di adb e porta tutta una serie di comandi dedicati tra cui i più importanti: am (ActivityManager) e pm(PackageManager). Qui vedremo i comandi più comuni, per approfondimenti sentitevi liberi di chiedere rispondendo alla discussione.

    COMANDI GENERALI


    • adb shell: avvia

    • adb -d shell: avvia una shell nel device collegato (se più di un device/emulatore è collegato verrà restituito un errore)

    • adb -e shell: avvia una shell nell'emulatore

    • adb -s [serial_number]: avvia una shell nel deamon realtivo al device/emulatore specificato. Per esempio: adb -s emulator-5556 shell avvierà la shell sull'emulatore collegato alla porta TCP:5556
    • adb shell ls: stampa a schermo la lista dei pacchetti presenti in quel percorso. Utile ad esempio per conoscere i pacchetti presenti nella partizione dati.
    adb shell
    cd data/app
    ls

    • adb shell screenrecord: registra lo schermo del device e lo salva in un percorso specificato. E' possibile impostare diversi valori, quali bitrate, tempo di rec, dimensioni massime file ecc..Per le istruzioni sul comando digitare: adb shell screenrecord --help



    COMANDI AM
    start [opzione] [intent]: avvia l'Activity specificata
    Codice:
    am start <opzione> <intent>
    Opzioni
    -D : abilita debug
    --user <userID>: avvia l'activity come utente specificato
    force-stop [pacchetto]: forza l'arresto dell'app specificata
    Codice:
    force-stop <file.apk>

    kill --user <userID> | current | all [pacchetto]: forza l'arresto di tutti i processi collegati al pacchetto specificato. Le opzioni sono da intendere come il soggetto che intende terminare il processo, se non specifiato viene inteso come l'utente corrente.
    Codice:
    am force stop --user <userID>|current|all <file.apk>
    ESEMPIO: adb shell
    $ am force stop all com.teslacoil.launcher.Nova.apk

    kill-all: killa tutti i processi in background sul dispositivo collegato

    display-size reset | WxH: permette di sovrascrivere la dimensione dello schermo del device.
    reset: riporta la dimensione al valore di default
    WxH: dimensioni specificate in W:larghezza per H:altezza
    ESEMPIO: adb shell
    $ am display-size 1280x800

    display-density: sovrascrive la densità dello schermo espressa in ppi
    Codice:
    am display-density <ppi>
    ESEMPIO: adb shell
    $ am display-density 480


    COMANDI PM
    install [opzione] percorso/file.apk
    Codice:
    isntall <opzione> percorso/file.apk
    Opzioni:


    • [*=1]-s: installa il pacchetto nella memoria condivisa (sdcard)
      [*=1]-f installa il pacchetto nella memoria interna
      [*=1]-r: reinstalla un'app già presente mantenendone i dati
    ESEMPIO: adb shell
    $ pm install -r C:\app_test.apk

    uninstall [-k] pacchetto
    Codice:
    uninstall [-k] file.apk
    -k: mantiene dati e cache del pacchetto disinstallato

    disable [pacchetto]: disabilita il pacchetto specificato

    create/remove-user <name>: crea o rimuove un nuovo utente e ne specifica il nome identificativo[HR][/HR]
     
    Ultima modifica: 10 Feb 2014
    A negadon, MatVekk, ikee e ad altre 6 persone piace questo elemento.
  3. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    COMANDI DI BASE FASTBOOT[HR][/HR]​

    [TABLE="class: outer_border, width: 500, align: center"]
    [TR]
    [TD]ATTENZIONE: utilizzare in modo scorretto fastboot costituisce seriamente un rischio di hard-brick. Fate molta attenzione alle operazioni che effettuate e se non siete sicuri, affidatevi ad uno dei molti tool disponibili in rete. Io e TuttoAndroid non ci assumiamo responsabilità per eventuali blocchi o malfunzionamenti del dispositivo.[/TD]
    [/TR]
    [/TABLE]


    • fastboot erase [partizione]: permette di resettare la partizione indicata.
    Codice:
    fastboot erase <partition>
    ESEMPIO: fastboot erase recovery
    Le partizioni che si possono resettare (formattare) sono: recovery - boot - system - userdata - cache - data
    Opzione aggiuntiva: -w. Se combinata con erase system cancellerà anche userdata e cache prima di formattare
    ESEMPIO: fastboot erase system -w
    [HR][/HR]
    • fastboot update [file]: permette di flashare rom come update.zip
    Codice:
    fastboot update tuaRom.zip
    ESEMPIO: fastboot update Darkrom.zip
    Applicazione pratica: flash completo rom:
    Codice:
    fastboot erase system -w
    fastboot erase boot
    fastboot update miaRom.zip
    [HR][/HR]
    • fastboot flash [partizione] [file]: permette di flashare file.img nelle partizioni desiderate.
    Codice:
    fastboot flash <partizione> <file.img>
    ESEMPIO: fastboot flash system system.img
    fastboot flash boot boot.img
    [HR][/HR]
    • fastboot format [partizione]: formatta la partizione specificata
    Codice:
    fastboot format <partizione>
    ESEMPIO: fastboot format system
    [HR][/HR]
    • fastboot boot [file]: permette di avviare un kernel o una recovey direttamente sul dispositivo senza che questa sia installata
    Codice:
    fastboot boot <file.img>
    ESEMPIO: fastboot boot recovery-clockworkMod-touch.img
    [HR][/HR]
    • fastboot oem unlock: sblocca il bootloader nei dispositivi Nexus
     
    Ultima modifica: 9 Feb 2014
    A Giulio75, MatVekk, ikee e ad altre 4 persone piace questo elemento.
  4. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    Backup completo (no root) via ADB + ripristino

    Grazie ad adb è possibile eseguire un backup completo del nostro sistema. Inoltre con semplici impostazioni potremo scegliere quali file includere/escludere dal processo.
    La linea di comando completa è la seguente. Tra parentesi quadre le opzioni.

    Codice:
    [B]adb backup [-f <file>] [-apk|-noapk] [-shared|-noshared] [-all] [-system|nosystem] <pacchetti>[/B]
    Codice:
    adb restore file.ab
    Qui la documentazione sul comando. Accessibile da adb help

    [​IMG]

    Opzioni


    • [*=1]-f file: specifica il nome del file di backup (formato .ab) e il percorso in cui viene creato. Consiglio di utilizzare sempre questa opzione ad esempio indicando nel nome la data del backup. (es: data_100212.ab). Se non specificato crea il file "backup.ab" nella cartella corrente.
      [*=1]-apk/-noapk: specifica se il backup deve includere o meno i file apk. Se non specificato, di default è impostato su no.
      [*=1]-obb/-noobb: permette di includere/escludere le espanzioni .obb delle app nel backup. Di default è settato su -noobb
      [*=1]-shared/-noshared: abilita/disabilita il backup della scheda SD esterna. Di default il valore è -noshared.
      [*=1]-all: tutte le applicazioni installate vengono incluse nel backup
      [*=1]-system/-nosystem: specifica se includere o meno le app di sistema. Il valore di default è: -system
      [*=1]<pacchetti>: specifica i pacchetti da installare (scrivere anche l'estensione) separati da uno spazio. NB: se viene inserito il parametro -all, questa opzione non è necessaria. L'opzione -nosystem causa l'esclusione dei pacchetti specificati.

    Come effettuare il backup:


    1. Collegare il dispositivo al PC
    2. Aprire una finestra di comando sul PC
    3. Digitare il comando completo per il backup (vedi esempi pratici sotto) e premere invio
    4. Verrà visualizzato questo messaggio:
      [*=center][​IMG]
    5. Contemporaneamente sul display verrà visualizzata questa schermata:[​IMG]
    6. E' qui possibile specificare una password per criptare il file di backup. Altrimenti, lasciando il campo vuoto, il file non verrà protetto.
    7. Tappare su Effettua backup per avviare il processo di backup.

    Come effettuare il ripristino


    1. Collegare il dispositivo al PC
    2. Aprire una finestra di comando sul PC
    3. Digitare il comando di ripristino completo (attenzione a specificare il percorso corretto in cui è memorizzato il file di backup)
    4. Verrà visualizzato questo messaggio:
      [*=center][​IMG]
    5. Contemporaneamente sul dispositivo verrà visualizzata questa schermata:[​IMG]
    6. Digitate l'eventuale password di decrittazione e tappate su "ripristina i miei dati"


    Esempi di utilizzo adb backup



    • Effettuare backup dati di una singola app
    Codice:
    adb backup -f C:\Users\matte_000\desktop\[B]prova_backup.ab com.android.chrome-1.apk[/B]
    Nota: il backup si limiterà ai dati di chrome ma non al file.apk (poichè non è stata istruita l'opzione -apk). Il file di backup si chiamerà prova_backup e verrà creato sul desktop.


    • Effettuare backup completo di una singola app
    Codice:
    adb backup -apk -f  C:\Users\matte_000\desktop\[B]prova_backup.ab com.android.chrome-1.apk[/B]

    • Effettuare backup completo di applicazioni e dati di app utente e di sistema, no sd card
    Codice:
    adb backup -apk -system C:\backup_completo.ab

    • Effettuare backup solo dati app utente installate dell'utente (no sistema), anche dati salvati su sdcard
    Codice:
    adb backup -noapk -nosystem -shared C:\backup_solo_dati.ab

    • Effettuare backup solo dati app di sistema (preferiti browser, rubrica, sms, cronologia chiamate, personalizzazioni launcher stock ecc)
    Codice:
    adb backup -noapk -system -obb -f C:\backup_system_app.ab

    • Effettuare backup completo app_sistema + app_utente + dati app + dati app su sd
    Codice:
    adb backup -shared -all -f C:\backup_totale.ab
     
    Ultima modifica: 6 Mar 2014
    A ikee, sTrat0s, MarcusOptimus e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  5. breuf

    breuf Worker Droid

    Iscritto:
    31 Lug 2013
    Messaggi:
    52
    "Mi Piace":
    2
    Grazie per l'ottima guida avrei un paio di domande: 1) durante la fase di installazione del driver USB ( ho il nexus 7 2013) mi viene chiesto anche di installare i driver per un secondo dispositivo denominato "MTP", cosa è? 2) ho eseguito il backup completo come da ultima riga di comando del tuo post,volendo fare backup anche di foto e video presenti sul tablet come si fa? Grazie in anticipo

    Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
     
  6. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    Grazie :)
    Dunque MTP è protocollo di trasferimento per i file media. E' niente di più di una modalità di trasferimento dati via usb. Ultimamente tutti i dispositivi elettronici la stanno adottando ma per l'utilizzo del device con adb non ci interessa. In pratica rispetto al più comune MSC fa in modo che il tuo pc rilevi il tablet come TABLET e non come memoria di archiviazione. La funzionalità più comune del MTP è quella legata alla sincronizzazione dei dispositivi portatili con la libreria musicale del pc su programmi come Windows media player. In definitiva ti chiede se vuoi installare anche i driver per far leggere il tablet come MTP, la scelta è tua :) Nelle impostazioni memoria -> usb trovi il menù per abilitare/disabilitare la modalità MTP in modo che tu possa decidere se collegare il tablet con MTP o meno.

    Backup: puoi utilizzare il comando
    ad esempio, se vuoi backuppare le foto e salvarle nella cartella C:/foto-tablet. Innanzi tutto crea la cartella foto-tablet sul pc.
    Poi colleghi il tablet e apri la finestra di comando, digiti:

    adb pull sdcard/DCIM/Camera C:/foto-tablet

    Ovviamente il percorso sdcard/DCIM/camera potrebbe essere diverso sul tuo dispositivo, ma il succo è che nel comando devi prima specificare il percorso della cartella da backuppare e, dopo lo spazio, il percorso sul pc in cui salvare la cartella che stai backuppando.
     
  7. breuf

    breuf Worker Droid

    Iscritto:
    31 Lug 2013
    Messaggi:
    52
    "Mi Piace":
    2
    Grande☺

    Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
     
    A MatteoV piace questo elemento.
  8. Ale9302

    Ale9302 Baby Droid

    Iscritto:
    25 Lug 2013
    Messaggi:
    27
    "Mi Piace":
    2
    Salve,
    ho seguito la guida passo per passo (ho anche io windows 8) ho installato i tools che mi interessavano (gli stessi 4 che vengono installati anche nel video) ma quando vado nella cartella programmi non trovo la cartella Android (ho provato anche a cercarla, ma niente). Sono andato anche nella cartella programmi (x86) ma niente. Ripeto ho eseguito tutto alla lettere, l'unica cosa di diverso rispetto al video è che ho un portatile con windows 8 64bit. Sapete dirmi in cosa ho sbagliato!!? ???

    EDIT

    Ho trovato la cartella eseguendo una ricerca nell'intero disco locale . Per l'esattezza il percorso del file è
    C:\Users\Alessandro\AppData\Local\Android
    come ha fatto a finire lì?!..posso procedere con le operazioni riportate nel video o devo copiare la cartella in Programmi!??..
    Non riesco a trovare la cartella se non eseguo la ricerca, come mai!?..confido in un vostro aiuto. Ciao!! :gulp::gulp::gulp:
     
  9. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    Ciao, non la trovi perchè AppData è una cartella nascosta di default. Per mostrare le cartelle nascoste su windows8: apri esplora risorse nel percorso in cui sai essere presenti cartelle nascoste (C:\users\alessandro nel tuo caso), in alto clicca su "visualizza", poi sulla destra del menù, su "opzioni". Nella scheda visualizza trovi la voce per visualizzare cartelle e file nascosti.

    Comunque non dovresti avere nessun problema ad eseguire i comandi anche se l'estrazione dei file è avvenuta in una cartella nascosta.
    Tuttavia, devi fare attenzione ad inserire il percorso corretto nel momento in cui imposterai le variabili d'ambiente.

    In ogni caso puoi semplicemente tagliare/incollare la cartella Android, direttamente in un punto che preferisci (anche il desktop). Perchè i vari eseguibili dei comandi non vengono installati sul pc ma basta che risiedano in memoria. Se hai problemi facci sapere ;)
     
    A Ale9302 piace questo elemento.
  10. Ale9302

    Ale9302 Baby Droid

    Iscritto:
    25 Lug 2013
    Messaggi:
    27
    "Mi Piace":
    2
    Grazie mille..appena torno a casa e ne avrò la possibilità proverò a fare come mi hai suggerito..grazie ancora!

    Inviato dal mio Nexus 4 utilizzando Tapatalk
     
    A MatteoV piace questo elemento.
  11. Ale9302

    Ale9302 Baby Droid

    Iscritto:
    25 Lug 2013
    Messaggi:
    27
    "Mi Piace":
    2
    Ho reso visibili i file nascosti, copiato la cartella Android in programmi per poter eseguire i passaggi esattamente come dal video, ed è andato tutto a buon fine; ho controllato infine la funzionalità ADB è apparso il messaggio sul dispositivo, ho autorizzato la connessione e finalmente ci sono riuscito. grazie ancora!!
     
  12. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    Perfect!
     
  13. Lorenzo Minchio

    Lorenzo Minchio Baby Droid

    Iscritto:
    8 Mar 2013
    Messaggi:
    9
    "Mi Piace":
    0
    Domanda che forse ha una risposta molto semplice: se faccio un backup completo e sblocco il bootloader, quando mi ritrovo android "immacolato" posso fare il restore così da riavere il mio telefono tale e quale com'era (solo con il bootloader sbloccato)?:confused:
     
  14. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    esatto ;)
     
    A macrosf piace questo elemento.
  15. Lorenzo Minchio

    Lorenzo Minchio Baby Droid

    Iscritto:
    8 Mar 2013
    Messaggi:
    9
    "Mi Piace":
    0
  16. danielebrunelli

    danielebrunelli Baby Droid

    Iscritto:
    12 Gen 2014
    Messaggi:
    12
    "Mi Piace":
    2
    ciao! ho fatto tutta la procedura per l'installazione e configurazione di ADB. se vado nel prompt e digito adb mi da tutte le funzionalità. non sono riuscito a fare il controllo della funzionalità di ADB. ho messo dubug usb nelle opzioni sviluppatore e ho collegato il telefono(nexus 5) al pc. appena collegato mi ha iniziato a scaricare dei driver e io ho interrotto l'installazione(non so se ho fatto la cosa giusto ma nel video si diceva di interrompere l'installazione dei driver se partiva). quando vado nel prompt e digito adb devices non mi esce il "codice". cosa devo fare?
     
  17. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    Non ti vede il dispositivo, perchè hai qualche problema con i driver. Mi sa che hai saltato il pezzo con l'installazione manuale dei driver:) videoguida dal minuto 11:14
     
  18. danielebrunelli

    danielebrunelli Baby Droid

    Iscritto:
    12 Gen 2014
    Messaggi:
    12
    "Mi Piace":
    2
    quando collego il telefono al pc lo devo mettere sempre in modalità dubug usb? per esempio anche quando faccio il back up con adb? anche quando poi ripristino il back up?
     
  19. MatteoV

    MatteoV Moderator Membro dello Staff

    Iscritto:
    28 Feb 2013
    Messaggi:
    967
    "Mi Piace":
    837
    Zi
     
  20. danielebrunelli

    danielebrunelli Baby Droid

    Iscritto:
    12 Gen 2014
    Messaggi:
    12
    "Mi Piace":
    2
    grazie! scusa se sto facendo 8000 domande ma non vorrei commettere errori :)
     
    A MatteoV piace questo elemento.