Secondo un report pare che BlackBerry abbia fornito alla polizia canadese la chiave di accesso per alcune¬†conversazioni criptate di¬†BBM, che avrebbe portato all’arresto di 7 uomini per cospirazione a scopo di omicidio.

La società di Waterloo da sempre punta molto sulla sicurezza dei propri dispositivi e qualche anno fa ha lanciato la sua applicazione di messaggistica anche per Android, offrendo funzionalità specifiche per la privacy delle conversazioni.  Secondo alcuni documenti la Royal Canadian Mounted Police (RCMP) ha avuto la possibilità di decriptare i messaggi cifrati inviati attraverso il servizio: sembra che siano stati intercettati oltre 1 milione di messaggi.

Questo √® stato possibile anche grazie al fatto che i sospettati utilizzassero dispositivi personali non collegati a server aziendali, in quanto sono dotati di una chiave di crittografia unica, caricata sul telefono quando √® stato prodotto. Ma come hanno ottenuto questa “chiave” le forze dell’ordine? Stando ad alcuni documenti, BlackBerry avrebbe un qualche tipo di rapporto con la polizia federale canadese, anche se √® possibile che quest’ultima abbia ricevuto qualche aiuto esterno.

Se tutto ci√≤ fosse vero, la polizia potrebbe tutt’ora disporre della chiave di accesso di¬†BBM¬†(cambiarla richiederebbe un aggiornamento di moltissimi dispositivi), quindi¬†risulterebbe in grado di intercettare altri messaggi. Sembra che BlackBerry¬†si sia rifiutata di fornire la sua versione e di commentare l’accaduto. In caso di novit√† non mancheremo di aggiornarvi.

Via