KeyARt vi guida alla scoperta dei musei grazie alla Realtà Aumentata

KeyARt è un’interessante applicazione per Android che aiuta a scoprire il mondo dell’arte più da vicino. L’app è in grado di fornire informazioni aggiuntive grazie a contenuti audio, video, testuali e in Realtà Aumentata.

KeyARt offre una vera e propria guida per coloro che visitano i musei presenti nel database, nel quale figurano i Musei Vaticani, la Galleria degli Uffizi, la Pinacoteca di Brera, il Louvre, il Metropolitan Museum di New York, la National Gallery di Londra e molti altri. Può scansionare le opere d’arte al loro interno e fornirvi l’autore e ogni genere di informazione (anche audio/video) grazie alla Realtà Aumentata.

Oltre a questo KeyARt include altre funzionalità utili per coloro che amano visitare i musei: permette di acquistare i biglietti (salta la fila compresi) in collaborazione con Musement, salvare le opere tra i preferiti per visionarle successivamente (anche dopo aver lasciato il museo) o anche di visualizzare diverse informazioni pratiche, come gli orari di apertura e i contatti. È anche possibile condividere i momenti più belli della vostra visita su Facebook, Instagram e WhatsApp.

KeyARt, sviluppata dall’azienda italiana ARM23 Srl, è scaricabile gratuitamente dal Google Play Store seguendo il solito badge qui in basso. Per una lista completa dei musei presenti nell’app o per maggiori informazioni potete recarvi sul sito ufficiale.

Android app sul Google Play

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • MagicKnight

    Considerando che in quasi qualsiasi museo i “guardiani” ti sequestrano lo smartphone se anche solo vedono che lo tieni in mano figuriamoci se lo rivolgi verso un quadro o una statua l’utilità di una simile applicazione è praticamente nulla.

    • Simone Filardo

      Non è del tutto vero. Quando visitai il Louvre, qualcosa come 12 anni fa, era permesso fare foto purché senza flash. E così anche in altri musei.

Top