Grazie allo sviluppatore Giovanni Cappelletti, abbiamo avuto il piacere di provare in anteprima assoluta un’applicazione da egli stesso realizzata che permette di gestire il proprio smartphone Android dal PC, ovvero Android Remote Phone Tools. Abbiamo scoperto Giovanni direttamente sul Forum di XDA, dov’è presente il thread della sua applicazione. Personalmente mi sento di fare i complimenti a Giovanni poichè ha realizzato un’app davvero molto utile, ed anche di ringraziarlo per averci dato la possibilità di provarla in quanto attualmente è ancora una Beta privata destinata solo a pochi utenti.

Android Remote Phone Tools, come già si può intuire dal nome, è un’applicazione che permette di controllare da remoto il proprio smartphone, sia con Windows che con Linux che con Mac, senza che si abbiano i permessi di root o una versione in particolare di Android. Controllare da remoto in questo caso significa: controllare la potenza del segnale GSM, controllare lo stato di carica della batteria, poter visualizzare tutte le chiamate, i messaggi ed i contatti presenti sul proprio smartphone, ed inviare e ricevere messaggi direttamente dal PC.

Con Android Remote Phone Tools, quindi, si possono fare tantissime cose, per questo è un’applicazione davvero molto interessante. Dunque, andiamo per gradi.

Per poter utilizzare l’applicazione si necessita dei seguenti requisiti:

  • Java virtual machine (già dovreste averla installata, in caso contrario è scaricabile qui)
  • Driver ADB – solo Windows – installati correttamente per il proprio smartphone (alcune CM 10 Nightly potrebbero avere problemi con ADB); su Linux e Mac non c’è bisogno di installarli

Basta semplicemente scaricare un pacchetto di file compressi che include sia l’applicazione che va lanciata dal proprio PC che l’applicazione da installare sul proprio smartphone. Naturalmente, sul proprio device bisognerà attivare il Debug USB.

 

Una volta installata, sarà sufficiente lanciare l’app dallo smartphone che dovrà essere collegato con il cavo USB al PC. A questo punto, bisognerà solo lanciare dal PC l’applicazione ed il gioco sarà fatto. Non appena il collegamento tra smartphone e PC sarà stabilito, si visualizzerà una finestra principale grazie alla quale sarà possibile navigare l’applicazione attraverso 3 schede (Calls, Contacts e Messages) ed una finestra di Debug che terrà traccia di tutti i nostri “movimenti” nell’app. Inoltre, come si può osservare dalle immagini subito in basso, si potrà tenere d’occhio il segnale GSM in qualsiasi scheda ci si vada a recare (indicatore a destra) nonchè il livello di carica della batteria che, naturalmente, si ricaricherà essendo lo smartphone connesso via cavo USB (indicatore verde a sinistra).

  

Se si rimane nella sezione “Calls“, si potranno visualizzare tutte le chiamate effettuate cliccando sulle freccette di fianco ai nomi dei contatti. Se invece ci si reca nella sezione “Contacts“, facendo un semplice click su un contatto, si visualizzerà il numero o i numeri di telefono associati quel contatto, mentre con un doppio click si aprirà una finestra dove poter inviare un SMS al contatto scelto. Infine, se ci si reca nella sezione “Messages“, cliccando una sola volta su un contatto si espanderà leggermente la sua scheda, dove si potrà visualizzare il contenuto dell’ultimo messaggio (inviato o ricevuto da quel contato) ed il pulsante OPEN, che consentirà di aprire la finestra dei messaggi.

Inoltre, nella sezione “Contacts” e “Messages” sarà anche possibile cercare contatti con i quali si vuole comunicare attraverso la casella di testo in alto. In particolare, nella sezione “Messages” si sarà in grado di visualizzare anche l’ultimo SMS inviato o ricevuto da un contatto:

 

Andiamo ora a vedere com’è fatta la finestra dei messaggi, attraverso la quale si possono inviare e ricevere SMS senza minimamente toccare il proprio smartphone.

Come si può osservare, la finestra dei messaggi è composta essenzialmente da due frame: in quello in alto vi è l’intera comunicazione con il contatto in questione mentre quello in basso è dedicato alla scrittura del messaggio, che ovviamente potrà essere inviato grazie al pulsante “Send message” oppure premendo contemporaneamente i tasti MAIUSC+INVIO. Presenti, inoltre, anche il pulsante “Previous 10 SMS” che consente di pre-caricare e visualizzare i 10 SMS precedenti (è possibile modificare il numero di SMS che si vuole pre-caricare dalle impostazioni), ed il pulsante “Show all” che consente di visualizzare tutti i messaggi.

Da quello che si è abbiamo potuto apprendere, Android Remote Phone Tools risulta molto comoda e soprattutto funzionale, dando la possibilità di non staccare l’attenzione dal proprio PC anche quando giungono SMS che normalmente si scriverebbero dal telefono. In sostanza, Android Remote Phone Tools si comporta quasi come una PC Suite.

Oltre alle funzioni che offre, l’applicazione può anche essere personalizzata a proprio piacimento, come ad esempio scegliendo suoni di notifica che saranno riprodotti dal PC all’arrivo di un nuovo SMS ed altro ancora:

L’utilità di Android Remote Phone Tools si percepisce dopo pochi secondi di utilizzo. Giovanni promette che in futuro vi saranno dei miglioramenti e ci auguriamo che riesca ad implementare nuove funzioni gradite agli utenti. Noi gli diamo fiducia e confidiamo nelle sue capacità; inoltre lo ringraziamo per averci dato la possibilità di realizzare questa recensione in anteprima ed esclusiva.

Per suggerimenti, richieste di prova dell’applicazione o altro, basta contattare lo sviluppatore al suo indirizzo e-mail: [email protected]