Xiaomi al lavoro su uno smartphone da 50 euro con SoC Leadcore

xiaomi

Xiaomi, produttore cinese che sta registrando una enorme crescita, dovuta sopratutto alla massiccia presenza nel suo Paese d’origine (date un occhio ai dati sulla diffusione degli smartphone in Cina, che potete trovare qui), sarebbe al lavoro su uno smartphone in grado di garantirgli la possibilità di dominare la fascia low-cost. Parliamo infatti di un dispositivo dal prezzo davvero basso, 399 Yuan, equivalenti a circa 50 euro.

Il dispositivo dovrebbe montare un processore prodotto da Leadcore, azienda sconosciuta ai più: il chip LC1860, che è costruito attorno ad un’architettura a 28nm Cortex-A7 che lavora a 2,0 GHz, dovrebbe essere in grado di supportare display LCD fino a 2K di risoluzione; inoltre, una GPU Mali T628 si occuperà dei processi grafici, offrendo la possibilità di registrazione video a 1080p a 60 FPS. Non manca poi il supporto alla rete LTE, oltre a prime informazioni sugli altri componenti che andranno a costituire lo smartphone: display da 720p e 1 GB di memoria RAM.

Nell’immagine qui sotto potrete trovare le informazioni complete:

LC1860 xiaomi low cost

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Mod

    poi (se) arriva in italia costa 150 euro

  • Tito73

    Bene, la mano d’opera sarà composta da veri schiavi, altrimenti va in perdita, sono specifiche d 100 euro almeno!

    • Elias Koch

      la produrranno in italia allora..i lavoratori cinesi hanno piú diritto oggigiorno

      • peppe

        ti auguro di andare a lavorare in cina allora!

        • Elias Koch

          grazie, preferisco restare in germania, ma ho amici proggettisti li, e apparte il duro lavoro le condizioni non sono affatto peggiori dell´italia, anzi

Top