Sharp presenterà un tablet con display MEMS-IGZO nel 2015

mems

Sharp ha ufficializzato quest’oggi il progetto di un nuovo tablet Android che vedrà ufficialmente la luce nel 2015. Si tratta del primo dispositivo al mondo dotato di display MEMS-IGZO, termini con i quali vengono identificate le tecnologie sviluppate rispettivamente da Qualcomm e Sharp.

Con MEMS si indica un tipo di display dotato di retroilluminazione RGB (al posto della classica retroilluminazione bianca) mentre con IGZO (Indium Gallium Zinc Oxide) viene indicato un tipo di display nel quale i transistor sono realizzati con Ossido di Indio-Gallio-Zinco invece che con il classico silicio.

Combinando le due tecnologie si ha la possibilità di ottenere una migliore riproduzione dei colori, tempi di risposta più veloci e un grande risparmio energetico rispetto ai pannelli LCD tradizionali.

Le altre caratteristiche del tablet Sharp sono le seguenti:

  • display da 7 pollici HD (1280 x 800 pixel);
  • SoC Qualcomm Snapdragon 800;
  • Android 4.4 Kitkat;
  • connettività LTE;
  • impermeabilità.

Il device arriverà sul mercato durante il primo semestre del 2015.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • markisha1979

    Ormai non mi fido più di questi fantomatici risparmi energetici rivoluzionari… Cpu big little rivoluzionari, Bluetooth low energy rivoluzionari, giga amoled rivoluzionari e via discorrendo. Anni di rivoluzioni di risparmio energetico Ma comunque siamo in carica tutte le sere…

    • Ivan Belli

      Concordo..

    • Skhammy

      Hahahahaha… è verissimo.

    • bomdias

      il bluetooth 4.0 le se collegato ad un altro 4.0 le consuma veramente poco questo è possibile notarlo se si ha per esempio uno smartwatch che nonostante tenga acceso il bluetooth 24h su 24 incide pochissimo sulla batteria

Top