[Rumors] Il prossimo dispositivo di Google sarà il Nexus 4G?

È noto che Google ha due smartphone propri in commercio: il Nexus One, prodotto da HTC, ed il Nexus S, prodotto da Samsung. Entrambi sono serviti per “alzare l’asticella” del livello medio dei telefoni Android, aggiungendo caratteristiche innovative e cambiando le carte in tavola. Soprattutto il Nexus One è stato un notevole salto in avanti nella qualità e nella potenza dei dispositivi Android, che prima si fermavano a caratteristiche che oggi diremmo essere proprie della fascia bassa del mercato: basti pensare all’HTC Magic, con caratteristiche simili a quelle del Vodafone Smart, che verrebbe oggi considerato come un telefono appartenente alla fascia più bassa quando all’uscita era in realtà posizionato nella più alta. Il Nexus One, presentato neanche un anno dopo, ha rivoluzionato totalmente il concetto di smartphone di fascia alta: processore ad 1GHz di frequenza, 512MB di RAM, schermo AMOLED, nonchè l’ultima versione di Android disponibile. Un notevole salto in avanti, che ha portato tutti i principali attori del mercato ad adeguarsi al dispositivo di Google proponendo soluzioni simili (Galaxy S per Samsung, Desire per HTC, ecc). Il Nexus S è stato il primo telefono Android a vedere preinstallato Gingerbread e ad avere supporto hardware e software per il protocollo di comunicazione NFC.


Il successore del Nexus S, di cui si è già parlato per alcune foto (false) trapelate in rete, sembra che sarà una nuova rivoluzione così come lo fu il Nexus One. Il nome che le fonti hanno rivelato è Nexus 4G, che sottolinea la connettività 4G/LTE di cui dispone il dispositivo. Anche se le fantasie (e le speranze?) di tutti andavano nella direzione di un processore nVIDIA Kal-El, molto probabilmente così non sarà: le fonti parlano infatti di un processore dual core di prossima generazione operante ad 1,2/1,5GHz di frequenza prodotto da Qualcomm o Texas Instruments. Si tratterà dunque di un OMAP 4460 nel caso dell’ultima o di uno Snapdragon con architettura Krait a 28nm nel caso della prima. Il display sembra essere di dimensioni generose e con risoluzione 1280×720: considerando uno schermo da 4″, siamo ben oltre i 350ppi (pixel per inch). Oltre a questo sembra saranno presenti 1GB di RAM, capacità di riprodurre e catturare (grazie ad una fotocamera da 5 megapixel) video in FullHD. Si parla anche di un avanzato sensore per la fotocamera, in grado di garantire una eccezionale qualità anche in condizioni di poca luce. Il tutto in uno spessore ridotto a pochi millimetri.

Android sarà presente sotto forma di Ice Cream Sandwich, e la disponibilità dovrebbe attestarsi a Novembre. Tuttavia, viene giustamente ricordato che il dispositivo potrebbe essere un reference per Ice Cream Sandwich, e non un dispositivo marchiato Google. In ogni caso, un prodotto con queste caratteristiche sarebbe sicuramente interessante e meritevole di attenzione: la speranza è che serva davvero ad “alzare l’asticella” del mercato, magari proponendosi ad un prezzo davvero competitivo.

[Via BGR.com]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Puccio

    Abbasta che nun me fanno lo schermo da 4.3" che senno' ar posto der videofonino famo er citofonino… -_-

    • Alessander

      4.3" è ormai lo standard…mi dispiace ma dovrai abituarti ai 4.3".

  • Silver

    A mio avviso l'innovazione dovrebbe spostarsi su schermi e durata delle batterie. Con la serie Top dei modelli Galaxy, Samsung ci ha fatto vedere che Oled è un passo avanti come tecnologia, e ne stanno uscendo altre anche migliori ( in termini di risparmio energetico e luminosità ) e pare che anche Apple ci stia facendo un pensierino. Affiancato allo sviluppo degli schermi, di pari passo ci deve essere una adeguata risposta in termini energetici. Processori più performanti e di schermi con altissima risoluzione non mi sembra tanto un esigenza primaria, parlando da utente finale.

Top