Nomofobia, la dipendenza da smartphone

dipendenza smartphone

Anche a voi è capitato di sentirsi rimproverare di passare troppo tempo con lo smartphone? Ebbene, la dipendenza da smartphone esiste, ed ora ha anche un nome: nomofobia, abbreviazione di no-mobile-phone fobia.

A svolgere studi su questo argomento è il Dott. David Greenfield, professore di Psichiatria presso l’Università del Connecticut, che è riuscito ad identificarne i sintomi. Questi includono sensazioni di panico o di disperazione ogni volta in cui non abbiamo il nostro smartphone, la separazione dalle cose e dalle persone che ci circondano quando lo usiamo, o più semplicemente il controllare le notifiche per tutto il tempo. In alcuni casi, si può arrivare a pensare di sentir squillare il proprio smartphone, un fenomeno conosciuto come lo squillo fantasma o come la sindrome da vibrazione del cellulare.

Ma cosa rende possibile questa dipendenza? Gli studi del Dott. Greenfield hanno trovato un legame tra il nostro smartphone e i trasmettitori della dopamina nel nostro cervello.

La dopamina è una sostanza chimica prodotta dal nostro corpo: quando ci accade qualcosa di buono, il cervello rilascia una piccola dose di dopamina, che agisce come ricompensa dal corpo. La nomofobia si verifica proprio a causa di una cattiva regolazione della dopamina associata all’uso dello smartphone. Infatti, ogni volta riceviamo una notifica, nel nostro cervello avviene un piccolo aumento della dopamina dovuto alla possibilità che ci sia qualcosa di interessante. E questo anche se effettivamente non sappiamo ne di cosa si tratta ne se sarà una cosa buona: con una metafora, immaginiamola come una piccola slot machine.

Da uno studio di Harris Interactive, emerge come il 63% degli utenti controlli lo smartphone una volta all’ora, mentre il 9% almeno una volta ogni 5 minuti. Alcune persone non riescono nemmeno ad uscire di casa senza il loro smartphone, anche nel caso di una commissione veloce.

Come in ogni dipendenza, il primo passo da fare è quello dell’ammissione: la negazione è il primo scoglio che le persone si ritrovano a dover superare.

Ma ci pensa lo psichiatra Dale Archer a tranquillizzarci: infatti, secondo lui, solamente l’1% della popolazione avrebbe raggiunto un livello tale da riguardare la propria vita.

La nomofobia, tra l’altro, non è ancora stata aggiunta al DSM, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Tra gli psicologi che ne hanno proposto l’aggiunta, ci sono due italiani, Nicola Luigi Bragazzi e Giovanni Del Puente, dell’Università di Genova, convinti che i dispositivi mobili in alcuni casi possano avere un impatto pericolo sulla salute umana.

La nomofobia è intesa come sottoinsieme della dipendenza da Internet: infatti, gli smartphone non sono altro che dei semplici punti di accesso alla rete, e la facilità non fa altro che peggiorare le cose.

In alcuni paesi, come la Cina e gli Stati Uniti, sono già stati creati dei campi che mirano a curare la nomofobia scollegando completamente i loro ospiti, a favore di attività più salutari.

Ma secondo gli esperti, è solamente una questione di semplici regole che possiamo seguire facilmente, come darsi dei limiti di tempo nell’uso (ad esempio 5 minuti ogni 90), o tenerlo in tasca quando siamo fuori con gli amici.

E voi cosa ne pensate? Fate parte anche voi dei dipendenti dallo smartphone?

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: ION Belt è la cintura che ricarica i vostri dispositivi - Tutto Android()

  • benedetto

    credo che a nessuno importi di limitarsi un po’ con smart .ma ci pensate un po’ a chi vi sta’ al fianco moglie marito fidanzato-a che non piace che si sta’ molto tempo sul tel. prima o poi ci sara’ motivo di litigio e credo anche pesante ne vale la pena?

  • Vincenzo Signoriello

    Arrivare a crisi di panico per aver dimenticato lo smartphone mi sembra esagerato… Io non lo porto sempre dietro ma lo uso spesso vuoi perché seguo aste, vendo sulla rete, gioco a poker on line, ansa, geopolitica, etc,per me è una comodità molllllto comoda, scusate il gioco di parole. Ma quando sono a casa, abbandono lo smartphone e lo uso come un normale cellulare, ovvero se squilla lo prendo o molte volte dimentico dove sia finito… Non mi francobollo allo schermo.come fanno molti per vedere se qualcuno ti scrive su fb, whatsapp o altro, non ho fb e wapp di solito avvisa quandi arriva un messaggio… La cosa che più mi preoccupa è vedere in un locale, la maggioranza dei tavoli composti da persone che quasi mai siberiano e passano il tempo sullo smartphone…

  • Vito Loconsole

    Lo confesso, sono moderatamente nomofobico.
    Non riesco ad uscire senza smartphone e lo controllo almeno una volta all’ora.
    Twitter non mi ha preso, Facebook mi intriga, ma la dipendenza vera è da what’s app.
    Non credo di poter guarire, soprattutto perché non voglio… per ora.
    Un saluto alla comunità di nomofobici…

  • Daniele Binelli

    Io faccio mediamente 5 ore di schermo acceso al giorno…praticamente un terzo della mia giornata…mi sa che ci sono proprio dentro!!!

  • flashy

    Oddio D: a me capita spesso di sentire il suono delle notifiche, ma controllo e non ce ne sono D:

  • Michele B.

    perchè dovrei allontanarmi dal mio smartphone….con tutto quello che lo pago tra cover, pellicole, app….

  • iBacco

    Io lo sono di sicuro. E sticazzi.

  • Theo

    Trovo ridicola questa corsa alla ricerca della “nuova patologia” solo per guadagnar rguadagnare un po’ di visibilità tanto le dipendenze si curano tutte allo stesso modo, bene o mmal.. Trovo anche fastidiosa la moda tutta anglofona di inventare nomi anziché usare il greco (come si è sempre fatto nella pratica medica) :se leggo nnosocomiodevo sapere il significato dell’acronimo e potrebbe essere confuso con “paura della legge” nomo dal greco… Scusate il papello.

  • Andrea Pietrobono

    Posso smettere quando voglio.

    • Daavide Magni

      dicevano

  • Giuseppe

    Ho scoperto la mia fobia , non pensavo né che esistesse ne che non fossi l unico , adesso so qual è il mio problema ahahahaha

  • Gabriele eleirbaG

    …interessante…nemmeno uno che ammette di essere nomofobico. non siamo riusciti ad arrivare nemmeno alla fase uno.

Top