GameBoy modificato per giocare con il Galaxy Nexus

gameboy

Con il passare degli anni, gli smartphone, sono sempre più presenti nelle nostre vite sia come strumento per un uso quotidiano e sia come dispositivo di svago con il quale possiamo giocare ad innumerevoli giochi. Come ben tutti sapete, i dispositivi Android, senza alcuna modifica, possono usufruire di molti emulatori delle diverse piattaforme uscite fino ad ora: playstation, nintento 64, gameboy, ecc…

Quest’oggi siamo qui a mostrarvi un gadget molto utile e carino ed unico nel suo genere. Il gadget in questione permette di giocare, impostando l’emulatore del GameBoy, tramite la struttura dei nostri vecchi GameBoy. Praticamente la struttura che possiamo osservare è uguale a quella che possiamo ricordare dei nostri vecchi GameBoy. Il gadget è unico nel suo genere poichè, l’autore del video che seguirà a fine articolo, ha modificato in ogni sua parte interna il suo vecchio GameBoy rendendolo interfacciabile con l’emulatore ma lasciando quasi inalterata la parte estetica. L’unica zona modificata esteticamente è la parte dove era alloggiato il display, ora non più presente, sostituito da un vano nel quale è possibile mettere lo smartphone, in questo caso un Samsung Galaxy Nexus.

Veramente una bella trovata e l’autore di questo gadget si merita tutti i nostri complimenti. Di seguito è presente un video dimostrativo del gadget. Buona visione.

 

[Via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Damiano Comin (FB)

    fantastico!!!!

  • Quello che ha fatto non è difficilissimo, ma geniale :D congratulazioni

  • MaxArt

    Ma roba da matti!
    Questo tizio non solo ha cannibalizzato un vecchio GameBoy (proprio uno dei primi, in bianco e nero), ma anche un WiiMote, da cui ha preso il circuito per l’interfaccia Bluetooth con cui comunicare col cellulare.
    Ottimo lavoro davvero.

Top