Samsung vs Apple: Galaxy S III, Note e Note 10.1 nel mirino di Apple

samsung-galaxy-s3-bluewhite

Pensavate che gli scontri tra Samsung ed Apple fossero finiti con il verdetto del tribunale di San Jose? La risposta è, ovviamente, no. Apple aveva avviato una denuncia contro Samsung a Febbraio, e sembra che abbia aggiunto quattro nuovi dispositivi prima dell’inizio del processo.

Finora i dispositivi indicati come colpevoli di violazione dei brevetti Apple erano 17: Galaxy S II Skyrocket, Galaxy S II Epic 4G Touch, Galaxy S II, T-Mobile Galaxy S II, AT&T Galaxy S II, Galaxy Nexus, Illusion, Captivate Glide, Exhibit II 4G, Stratosphere, Transform Ultra, Admire, Conquer 4G, Dart, Galaxy Player 4.0, Galaxy Player 5.0, Galaxy Tab 7.0 Plus e Galaxy Tab 8.9. La maggior parte di questi sono versioni create appositamente per gli operatori telefonici statunitensi.

A questi 17 sono stati aggiunti il Galaxy S III, il Galaxy S III per l’operatore Verizon, il Galaxy Note ed il Galaxy Note 10.1. Curioso notare che Apple ha avuto neanche due settimane per acquistare un Galaxy Note 10.1 e verificare che il dispositivo viola i brevetti. I brevetti tirati in ballo sono quattro, e sono già noti a chi ha seguito il caso Samsung vs Apple.

Il brevetto ‘604 è già stato reso inoffensivo sul Galaxy S III, visto che Samsung ha rilasciato un aggiornamento in cui ha eliminato la ricerca locale. Il brevetto ‘647 è il più pericoloso, perchè è già stato usato con successo contro HTC. Il ‘721 è pericoloso, ma ci sono delle possibilità che venga dichiarato nullo a causa degli esempi di prior art esistenti (il Neonode N1, ad esempio). Il brevetto ‘172 potrebbe potenzialmente costituire un pericolo per Samsung.

Il Galaxy S III è in pericolo solamente per il brevetto ‘172, poichè gli altri possono facilmente essere aggirati – e il brevetto ‘721 è già stato aggirato con il sistema di sblocco particolare dell’ultima TouchWiz. Anche gli altri dispositivi possono facilmente essere resi immuni, ma non conosco la situazione dei firmware americani.

Ad una breve analisi Apple risulterebbe perdente su questo fronte: aspettiamo e ne vedremo delle belle.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Apple può vincere tutte le cause del mondo contro qualsiasi costruttore di device, ma resta sempre una perdente!! Se non erro sono ben due anni, e questo è il terzo consecutivo, che non sforna niente di innovativo; se iPhone 5 sarà migliore, sarà migliore di iPhone 4s, non del resto della concorrenza! Apple illude il cliente facendogli credere di avere “il meglio in una mano” e fino ad ora ci è riuscita; adesso le illusioni restano in Apple perché le persone hanno a che fare con il mondo reale, non con il mondo Apple!!!!

  • matteo luigiriso

    L’172 potrebbe essere facilmente invalidato dimostrando le innumerevoli prior art esistenti: il completamento delle parole esiste da prima dell’iPhone e io l’avevo su Windows Mobile 5.

  • Non ho ben capito cosa sia il “DATA Tapping”. In pratica è il TAP sulle icone?

  • Mi hanno davvero rotto i cosiddetti sti mangiamela del cappero!

    Dovrebbero pensare a rendere i loro dispositivi migliori anzichè spendere soldi e risorse per queste boiate!

    Vanno a rompere le balle solo perchè si sentono schiacciati dalla potenza di Android!

  • Tutta prior art dal primo all’ultimo brevetto, compreso il completamento delle parole.
    Cmq ribadisco l’assurdità dei brevetti software, c’è secondo voi modo o speranza che li aboliscano in USA? Sono validi solamente in USA o ci sono altri Stati che li recepiscono?

    • Riccardo Robecchi

      Sul completamento delle parole non so onestamente niente.
      Sulle speranze di abolizione: pochissime. Su altri Stati che li recepiscono: Giappone, Australia, Korea, forse Cina, credo anche il Canada. Sui primi tre sono sicuro, gli altri invece sono da controllare.

Top