Samsung: niente lettori di impronte digitali sui dispositivi almeno per 1 anno

fingerprint-137201864-617x416

Ormai è più una moda che una necessità. Il lettore di impronte digitali su di un dispositivo ha certamente i suoi tanti vantaggi ma non bisogna affatto dimenticare gli altrettanti svantaggi che comporta avere una tecnologia del genere su di un dispositivo che utilizziamo ogni giorno.

Il trend sembra infatti essere quello di installare sui dispositivi un lettore di impronte digitali anche se il lato “sicurezza” non sembra essere ancora pronto ad affrontare tale passo. Lo stesso dicasi di Samsung, che desidera dotare i suoi nuovi dispositivi di un meccanismo di riconoscimento delle impronte digitali.

Stando ad ultime voci, Samsung si sarebbe rivolta ad una delle maggiori aziende produttrici di scanner di impronte digitali della Corea, cioè la Crucialtec, ma ad oggi il livello di tecnologie e di conoscenza di quest’azienda risulta inferiore rispetto a quello di Authentec, altra azienda leader del suo settore.

Affichè varie difficoltà vengano superate, sarà necessario almeno 1 anno di lavoro da parte degli ingegneri. Secondo però il ricercatore Yoon Jung-sun che lavora per Hyundai, i nuovi dispositivi Samsung adotteranno per certo un lettore di impronte digitali, anche se questo non rappresenta attualmente una vera e propria esigenza stringente. Più che altro, secondo Yoon, sugli smartphone dovrebbero essere installati ben altri componenti più innovativi.

Probabilmente, quindi, il Galaxy S5 non avrà uno scanner di impronte digitali, cosa che invece potrebbe avere il futuro Galaxy Note 4.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Besos

    L’ultimo cellulare senza lettore di impronte digitali sarà l’ultimo cellulare che comprerò

  • salvo12

    Sono d’D’accordo!! invece di spendere inutili soldi per lo sviluppo del lettore di impronte perché nn usano budget maggiori per lo sviluppo di batterie !!

  • Vincent Ammattatelli

    Il peggio è che oltre ad essere diventato di moda il lettore di impronte digitali, leggo in giro anche assurdità del tipo “…Apple è stata la prima ad inserire in un telefono un lettore di impronte digitali…”. Ma stiamo scherzando!? Ok che tutto quello che fa Apple è oro colato ma adesso anche questo. HP, Toshiba e poi HTC dove le mettiamo? Loro sono state le prime case produttrici di Pad e poi di smartphone ad inserire lettori di impronte digitali.
    Che poi non abbiano fatto successo….. questo è un’altro discorso.

    • Giuseppe_Iovene

      Il Motorola Atrix 4G del 2011 è stato il primo smartphone al mondo con lettore di impronte digitali ;)

      • Vincent Ammattatelli

        Ti sbagli. Se parliamo di smartphone è stato il Toshiba G900 nel 2007. Se parliamo di pad…. HP li aveva già integrati negli iPaq prima. HTC lo mise nella sua serie (Windows mobile) professionale nel 2010 se non ricordo male.

  • Mario

    non si possono sviluppare applicazioni, spingere sempre più in su la velocità di clock le prestazioni grafiche se tutto ciò non viene sostenuto da un adeguato ncremento delle prestazioni delle batterie che, ahimè, allo stato attuale è molto scadente

  • land 110

    batterie bastardi batterie piu grosse i lettori di impronte non servono a nulla

    • Mario

      concordo pienamente

Top