Samsung Galaxy S5 può essere “brickato” in caso di furto

sm-g900f_charcoal-black_02

Prima di tutto, in gergo, il termina “brick” (letteralmente mattone) si usa in senso figurativo per indicare un dispositivo non più utilizzabile se non, appunto, come mattone. Quando sbagliamo nell’eseguire un’operazione di flash di un terminale. ad esempio, questo potrebbe diventare inutilizzabile ed allora lo si chiama come “brickato”; su Samsung Galaxy S5 esiste un’interruttore che lo può “brickare”.

Questo, ovviamente, sarà attivabile da remoto su Galaxy S5 in caso di furto; non solo è uno strumento utile per la protezione dei dati personali, ma rivela una grandissima beffa per il ladro (o chi indebitamente se ne è appropriato) non poterlo usare. Stando a quanto emerso in un report di ZDNet Corea, la stessa possibilità è presente anche su Galaxy Note 3. Il terminale, dopo la cancellazione dei dati, si spegnerà e non sarà più utilizzabile.

Purtroppo non sappiamo dirvi, in caso di ritrovamento, se è prevista la possibilità di “riportarlo in vita” o meno. Fortunatamente non solo i top di gamma Samsung avranno questa nuova caratteristica, ma anche altri produttori, come LG, implementeranno questo metodo per rendere inutilizzabile il terminale sottratto. Il “kill switch” potrebbe essere presente su tutti i prossimi top di gamma, che ne pensate?

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Monzi

    Riuscire a fare un hack sul comando di brick e diffonderlo in rete: uccidi tutti gli S5 connessi… :-D

  • leodis

    Dovrebbero averlo tutti.

  • sarabanda

    Non c’è rischio per un catorcio samnsung non lo vuole nessuno

  • ale

    Che stupidata, temo che questa funzione verrà usata anche per fare in modo che non si possano installare rom o software modificato sul telefono, spero solo che lo one plus one che voglio acquistare, fatto in collaborazione con cyanogenmod quindi con una community open source non abbia queste limitazioni, perchè io le considero tali, perchè sono sicurissimo che queste funzioni ti si ritorcono contro appena vuoi moddare il tuo telefono (ed io un sistema unix in cui non ho l’ accesso a root, ossia non posso essere io a decidere cosa fa o no non lo concepisco)

  • Davide

    Ottimo, ma questa funzione dovrebbe saperla sopratutto chi vuole rubare il telefono. Così magari abbandona l’idea. Magari un bel adesivo dietro al posto del cerottone?!?! SE MI RUBI BRIKKO! :D

  • Trannete

    Brikkoncelli!

  • Mario

    Anche tutti gli iPhone ce l’hanno questa funzione con iOS 7

  • stevenb

    Ottimo Eros, come si chiama l’app ? grazie

  • Eros Missaglia

    Io ho installato un software che sbagliando un determinato numero di volte la password di accesso, scatta una foto di chi l’ha fatta tramite la fotocamera frontale e me la manda via email, così ho la foto segnaletica di chi mi ha eventualmente ciulato il Cell e con la posizione lo trovo e gli cambio i connotati.

    • Renton

      Il problema è che se il ladro toglie la sim, il telefono non può inviare nulla..

      • Eros Missaglia

        Funziona anche se cambia la scheda e mi avvisa del nuovo numero, ma la cosa interessantw è che spedisce la email appena trova una rete, anche wifi

    • oronzo

      si ma se gli cambi i connotati lui poi ti denuncerà perché poi risulterà diverso dalla foto… xD

      • Eros Missaglia

        Beh, ma mica sa la mia identità e poi io lo prendo da dietro con una cricckettata prima ancora di avere il tempo di vedermi in faccia… Quando si riprende, se si riprende è già uscito il Galaxy S10

        • Davide Vonk

          Io ho utilizzato Airdroid,tramite la fotocamera anteriore gli ho fatto una fotogreafia e sono riuscito a capire il posto dove bazzicava,mi sono appostato il giorno dopo senza beccarlo,l’ho rifatto il giorno successivo e ho beccato il tipo,mi sono fatto ridare il telefono yooo

  • stevenb

    Certo che e’ possibile riportarlo in vita un Android dopo un brik, basta acquistare per 2 e dico 2 euro un JIG. Per distruggerlo bastano 10gr di C4 depositato sul circuito stampato e basta la sostituzione della SIM per innescare la carica e farlo esplodere. Semplice ed efficace.

  • Pingback: Samsung Galaxy S5 può essere “brickato” in caso di furto | RSS News.it()

  • Renton

    Potrebbero implementare anche un sistema per l’autodistruzione da remoto con una piccola carica esplosiva, questo si che sarebbe un deterrente per i ladri lol

    • oronzo

      beh allora visto che ci siamo la carica esplosiva la facciamo grande così dall’esplosione sapremo dove sarà (o era) il nostro telefono…

    • jajacq

      Poi scopri che te l’ha fottuto un tuo amico che in quel momento è vicino a te, e boom! XD

    • Eros Missaglia

      Io preferisco una bella scarica Tezer da poterlo riconoscere dai capelli tipo Blanka di Street Fighter,

    • Ionut

      E poi forniamo di S5 tutto il governo italiano.

Top