Samsung Galaxy S5: lettore di impronte digitali confermato da @evleaks

samsung-galaxy-s-logo

Samsung potrebbe o meno presentare Galaxy S5 il 23 Febbraioquindi un giorno prima del fischio di inizio del Mobile World Congress 2014. Questa volta @evleaks ha postato sul proprio profilo Twitter un paio di informazioni molto interessanti.

La prima, come potete intuire dal nome del pacchetto apk pubblicato, sarà l’applicazione che implemeterà su Galaxy S5 la possibilità di leggere le impronte digitali dai polpastrelli delel nostre dita. Qualcosa del genere l’avevamo vista su HTC One Max, ad esempio, ma comunque questo andrebbe a confermare la presenza di questa particolare funzione sul prossimo top di gamma coreano.

 

L’altro tweet, che vedete qui sopra, lascia intuire che su Galaxy S5 sarà presente anche un’applicazione multimediale chiamata 3D Tour Viewer. Oltre al nome o alla funzione, quello che interessa è che c’è anche un cenno sulla risoluzione del display. In particolare notiamo la dicitura WQHD, che dovrebbe corrispondere ad una risoluzione di 2560×1440 pixel. Questo di per sé andrebbe a confermare la risoluzione del display della prossima ammiraglia Samsung, ma ancora aspettiamo conferme più sicure.

@evleaks è stato sempre abbastanza affidabile, ma vi ricordiamo che, trattandosi di rumor, un po’ di sano scetticismo non guasta. Aspettiamo altre informazioni, per il momento possiamo solo ipotizzare che Samsung Galaxy S5 avrà un lettore di impronte digitali e che la risoluzione del display dovrebbe proprio essere pari a 2560×1440 pixel.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • JackStrambo

    Non mi stupisco. Ormai Samsung è da lasciare ai Fanboy. Non che disprezzi le innovazioni si intende, ma detesto l’inutile che appesantisce.

Top