Rivolta degli operai in fabbrica Samsung in costruzione: 4 feriti, forse 8 morti

SamsungLogo

Samsung sta costruendo il suo più grande impianto produttivo al mondo in Vietnam. Una meraviglia tecnologica da 2 miliardi di dollari per produrre dispositivi di alto livello, tra cui anche smartphone e tablet. Gli operai edili che stanno costruendo l’impianto però hanno avviato una protesta che è presto sfociata in una vera e propria rivolta, per fermare la quale sono intervenute forze di polizia e di sicurezza privata.

Allo scontro hanno partecipato i lavoratori, una banda di motociclisti e le forze dell’ordine in assetto anti-sommossa. I lavoratori hanno utilizzato sassi ed altri corpi contundenti da lanciare contro i poliziotti, ma hanno anche incendiato i container dove risiedevano le guardie ed alcune motociclette. La rivolta è durata in totale poco più di tre ore, dopo le quali è tornato l’ordine.

samsung-thai-nguyen

Secondo le fonti ufficiali ci sono stati 4 feriti, ma secondo alcune fonti locali ci sono stati anche 8 morti. Non è chiaro dove sia la verità, ma si tratta con certezza di uno dei più grandi episodi di violenza degli ultimi anni nel Paese comunista, tenuto rigidamente in ordine dal partito al potere.

Alla costruzione dell’impianto lavorano quasi 10’000 persone. Samsung ed altre aziende multinazionali come Nokia ed Intel stanno spostando in Vietnam gli impianti di produzione per via del minor costo della manodopera rispetto alla Cina.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Eugene

    Ma la rivolta da cosa è scaturita?

    • Non è chiaro. Secondo le fonti ufficiali, da un litigio tra un operaio ed un uomo della sicurezza, ma secondo le fonti non ufficiali dalle condizioni di lavoro.

  • Roger

    “…per via del minor costo della manodopera rispetto alla Cina.”
    Una corsa senza sosta al massimo sfruttamento. Dopo il Vietnam cosa ci sarà ?

    • fg

      l’Italia

    • Gigiofriz

      Italia….. hehehehehehe…..!!!!!!!??????

    • Io direi l’Africa. Già ora lì stanno sfruttando tutto lo sfruttabile in termini di risorse, soprattutto la Cina sta facendo investimenti e sta sfruttando notevolmente il territorio. Il problema è che prima o poi crolleremo noi o non ci sarà più alcun posto dove sarà così conveniente produrre, dunque il sistema crollerà come un castello di carte.

    • Davide78

      ci saremo noi italiani,se questi politici continuano cosi

Top