Il Samsung Galaxy S5 è difficile da riparare: 1 ora solo per rimuovere il display

383608

Dopo il nuovo HTC One (M8), anche il Samsung Galaxy S5 riceve il primo teardown hardware, ovvero un disassemblaggio completo da parte, stavolta, non di iFixit ma del sito russo Ferra. Al contrario dei suoi predecessori, il nuovo Galaxy S di quinta generazione sembra molto difficile da riparare, non tanto per la complessità delle operazioni quanto per il tempo materiale richiesto per la riparazione.

Il Samsung Galaxy S5 è infatti stato realizzato in modo differente rispetto al Galaxy S4 ed ai modelli che lo hanno preceduto, poichè il display è fissato al telaio tramite una particolare colla che impedisce all’intero modulo display di essere estratto con facilità. I bordi dello smartphone vanno infatti riscaldati ad una temperatura di 150 gradi centigradi e bisogna poi attendere un po’ di tempo affinchè la colla inizi a sciogliersi e permetta dal display di staccarsi. In tutto, il tempo impiegato per staccare solo il display è stato di circa 1 ora.

Dato che però il Galaxy S5 è dotato di certificazione IP67 – che lo rende un dispositivo resistente ad acqua e polvere – possiamo immaginare che la difficoltà nel rimuovere il display sia data proprio da questa caratteristica dello smartphone, il cui display viene sigillato al case proprio per impedire infiltrazioni. Qui di seguito vi riportiamo alcune delle immagini del teardown e vi invitiamo, naturalmente, a non ripetere l’esperienza a casa se non ci tenete a buttar via oltre 700 euro.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Andrej Rupel

    Questo telefonino e’ una mezza truffa. L’assistenza, a differenza delle notizie ufficiali, afferma che il telefonino è solo impermeabile e in caso di infiltrazioni di acqua dolce o salata che sia, in un solo paio di mesi, si limita a ritornare il telefono, neanche aperto al proprietrio, con l’affermazione che la garanzia non è applicabile per via delle ossidazioni sulla scheda madre, dovute ad infiltrazioni di acqua!!! Mai più un samsung. Piuttosto compro online dalla cina telefonini dalle prestazioni già superiori ad un quinto del prezzo.

  • michele

    ciao scusate..io ho preso un galaxy stamani e credo di aver rotto un pezzettino dove va messo la sim..ora volevo sapere i prezzi più o meno per cambiare dove va messo la sim in modo che possa leggerla correttamente?
    grazie

  • Ivn

    Se guardate i video di ifixit sulla smontabilità dei device e andate a vedere l’iphone 5s (voto: 7) e il nexus 5 (voto: 8) noterete che i pezzi si smontano come fossero lego. A differenza dell’ultimo modello di HTC che è molto difficile da smontare. Google e Apple stanno puntano su cellulari con un design modulare e questo facilità la sostituzione dei pezzi rotti. Con l’avvento di un vero cellulare modulare (progetto ara e co) gli utenti potranno sostituire i pezzi anche da soli. Aspetto il video di ifixit per farmi due risate.

  • Bio’

    Ancora una volta samsung si reputa ridicola!!! Avrei preferito una variante certificata ip67, e non un s5 incollato. Iphone insegna sugli assemblaggi dei device, questo deve essere detto, e parlo da possessore di s4 ed ex possessore di s2! Ogni anno la stessa storia di inserire quel tasto centrale soggettissimo a rotture e scricchiolii dopo pochi mesi di utilizzo. Per sostutuire il tasto bisogna buttare il blocco display vecchio e metterne uno nuovo perchè il display è incollato allo chassis che lo ospita, e adesso mi fanno cosa? un display super incollato per la certificazione ip67? ridicoli.. Persino sony è migliore.. Hanno fallato di brutto definitivamente quest’anno! Io personalmente scelgo samsung per l’assistenza e per la facilità di poter riparare o sostituire qualche componente in caso di rotture accidentali e non, scoperte da garanzia, però adesso hanno legato le mani a tutti. Scelta di marketing o no, è una gran cattsata.imho

    • Stefano

      Ma si può sapere che diamine stai dicendo? Ma ci pensi a quello che scrivi? Secondo te la certificazione IP67 è data solo dal metodo di incolaggio del display?!

      Piuttosto è stata una scelta in favore della solidità ed è completamente scollegata dalla certificazione IP67 (visto che altri dispositivi con la stessa certificazione adottano altri metodi di incollaggio del display).

      E mi spieghi a te, utente finale, che ti frega che ci vuole un’ora per rimuovere il display? Non è meglio visto che puoi stare tranquillo che non avrai infiltrazioni di alcun tipo e non ti si staccherà dopo una brutta caduta?!

      Smettetela di parlare contro Samsung a sproposito per favore.

      • Bio’

        Nessuno sta parlando a sproposito e datti una calmata per piacere!

  • Ivn

    Se una cosa è difficile da riparare spesso succede che il tecnico invece di riparartelo te lo rovina o peggio te lo finisce di rompere. Ricordo un mio amico…poverino. Portò il suo smartphone in assistenza… per aprire lo schermo lo forzarono credo con un cacciavite o roba simile. Morale della favola… gli hanno cambiato lo schermo ma gli hanno rovinato la scocca. E intanto ha pagato tantissimo. Sti bastardi. Dubitando della bravura dei tecnici ripatori…preferisco buttarla una cosa quando si rompe e ricomprarla nuova. Per non regalare i soldi a sti ladri…che poi si inventano anche problemi in più inesistenti per gonfiare i costi. Generalmente questi ti chiedono 160 euro con iva per riparare uno schermo.
    Ad esempio lo schermo del mio portatile non funzione bene…ma quando si romperà lo butterò o venderò i pezzi funzionanti e mi ricomprerò il portatile. Una volta (stupidamente) portai un portatile in assistenza perchè non funzionava lo schermo. Loro si inventarono che doveva essere cambiato l’hard disk e reinstallato anche windows. Mi telefonarono per dirmi questa cosa e io gli dissi che stavano dicendo delle caxxate! Insomma sono andato a riprendermi il pc! alla fine si doveva cambiare il cavo flat che collegava la scheda madre allo schermo. Una spesa minima per comprare il cavo e montarlo. In assistenza avrei pagato il cavo, l’hard disk e il sistema operativo, più altre cose! Dal quel giorno non ho più portato nulla in assistenza e le cose rotte le ho buttate o vendute su ebay. Sicuramente si risparmia!

    • ale

      Si non conviene mai portare i dispositivi in assistenza quando sono fuori garanzia, di solito me li riparo io con la sola spesa dei componenti, dato che non è difficile se si hanno gli strumenti giusti…

      Anche perchè oggi i tecnici ormai non riparano più nulla, se una volta portavi a riparare qualcosa il tecnico stava li a cercare il guasto effettuando misurazioni con il multimetro o l’ oscilloscopio, e individuava e sostituiva il componente difettoso, oggi cambiano solo le schede e basta, complice anche il fatto che ormai saldare sulle schede è diventato più difficile, e per mollare un pò di viti e cambiare una scheda sono capace anch’io…

      • THE opinion leader-EX Gianluca

        Bravissimo!

      • Tommaso

        A Genova c’è un centro dove lavorano solo cinesi… riparano tutto, per poco denaro ed in breve tempo davanti a te senza farti tornare un’altra volta! sono davvero bravi e riparano pure tutti i dispositivi samsung compresa la gamma galaxy. Provare per credere… nemmeno io ci credevo

  • Felice Zingarelli

    ma volete far passare anche questo come difetto?

Top