600’000 cover del Galaxy S III sono state distrutte

Le cover difettate non sono certo un problema da poco, soprattutto nell’ottica della qualità e della cura dei propri prodotti di un’azienda che vuole contraddistinguersi per la bontà degli smartphone. Tutto questo è ulteriormente amplificato nel momento in cui si sta parlando del top di gamma nonché prodotto tecnologico dell’anno: Samsung non può permettersi di introdurre sul mercato uno smartphone con evidenti problemi qualitativi facendolo pagare 700€ e trattandolo come il meglio che si possa avere (che, di fatto, lo sia è un discorso differente). La società koreana è ben cosciente del fatto che sarebbe stata una situazione estremamente scomoda quella in cui si sarebbe trovata se non avesse preso provvedimenti, dunque i provvedimenti sono stati presi e prevedono – secondo le ultime voci – anche un cambio del colore del Galaxy S III.

La notizia più tragica, in tutto questo, è sulla fine delle cover difettate. Esse sono ben 600’000 e sono tutte state distrutte, come riporta Tweakers.net. A questo punto la domanda sorge spontanea: non sarebbe stato meglio regalarle, o lasciar scegliere se tenere la vecchia cover (magari con un po’ di sconto sul prezzo finale) al posto della nuova? O ancora, lasciarla come cover di ricambio per le “situazioni difficili” in cui si sarebbe potuta danneggiare? Penso che nessuno avrebbe avuto da ridire, trovandosi un messaggio nella confezione sul genere “Gentile utente, questa cover è difettata e la puoi quindi usare quando non vuoi rovinare la cover definitiva. Te la regaliamo sperando di fare cosa gradita”. I soldi per produrre le cover erano già stati spesi, perchè distruggerle? Continuamente si fa riferimento all’esaurimento delle risorse, ma perchè allora si continuano questi sprechi?

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Ales Sandro (FB)

    Se se…40% di sconto per un difetto su oggetto che costa tipo 1 euro la tonnellata.

  • La Apple avrebbe messo lo stesso in vendita i telefoni, dicendo che si trattava dell’ “iColor”, la nuova tecnologia che simula macchie di vernice.
    “I nuovi colori. Ma nel modo giusto.”
    ;)

  • Se avessero venduto i telefoni con quel difetto con un 30/40% di sconto secondo me avrebbero guadagnato di più…

  • Speriamo davvero siano state riciclate. Altrimenti sarebbe drammatico.

  • ZuCicciu DeCecco (FB)

    sinonimo di un controllo di un elevato qualità, e serietà. brava Samsung!!!

  • Bartolo Garofalo (FB)

    riciclaggio no?

  • Il policarbonato è plastica, le cover sono state sicuramente macinate per creare nuovo policarbonato e verrà sicuramente riutilizzato, questi soldi a samsung chi li dava?

  • Andrea M Poppa (FB)

    ovvio che andavano distrutte e riciclate. ricordatevi che voi di questo blog siete i primi che rompete l’anima se c’è anche solo un puntino di vernice non perfetto su qualsiasi terminale. non stupitevi se samsung ha preferito rifare tutto, anzi onore al merito. avesse fatto apple così avrebbe dovuto ritirare tutti i telefoni per l’antenna gate, ma chi compra apple si sa, sopporta tutto….

  • Vinny Cognaman Orlando (FB)

    non è esatto…. perché loro dicono “distrutte” mentre magari le hanno smantellate e poi riciclati i pezzi come potevano…. quindi bisogna vedere in che senso “distrutte”

  • con quelle cover ora ci fanno bottiglie di plastica riciclata…. ah no, non è plastica XD

  • Salvatore Calogero (FB)

    non si butta niente! la plastica si ricicla al 100%

  • potevano venderle su ebay come originali sotto un venditore improvvisato

  • Gaetano Di Lauro (FB)

    LOL

Top