Recensione Softwinner XW-I8 Android Smart TV

Copertina-970

Android non è solo smartphone e tablet: la natura open source del sistema operativo mobile più diffuso al mondo permette di sfruttarlo anche per dispositivi innovativi ai quali Google, probabilmente, non aveva pensato.

È questo il caso delle “chiavette HDMI”, piccoli mini-PC che assomigliano alle ben note chiavette USB la cui unica esigenza è quella di essere collegati ad un televisore tramite il connettore HDMI integrato. Grazie a questi piccoli gioielli d’ingegneria è possibile trasformare qualunque televisione in una smart TV che può accedere ad Internet, visualizzare video su YouTube, mostrare le previsioni del meteo e tanto altro.

Ringraziamo Manhattan Shop per averci fornito il sample oggetto della recensione.


Video Recensione


Hardware

Il Softwinner XW-I8 si presenta con un involucro plastico con dimensioni pari a 100 x 32 x 12 mm (incluso l’attacco HDMI) e di colore bianco o nero. Le dimensioni sono enormi se pensiamo ad una classica chiavetta USB, ma risultano molto ridotte se paragonate a quelle di un mini-PC come Raspberry Pi. La costruzione è solida e la plastica impiegata per l’involucro risulta di buona qualità; sul retro del dispositivo sono presenti dei piccoli fori per l’aerazione ed il raffreddamento del processore.

Il design è essenziale e funzionale. Gli angoli arrotondati rendono più piacevole l’aspetto, anche se le giunzioni non sempre combacianti alla perfezione rovinano leggermente l’aspetto estetico. Lo stato del dispositivo (acceso/spento) viene indicato da un LED presente sul lato corto.

Softwinner XW-I8

Processore Single-core Allwinner A10 @ 1.2GHz
GPU ARM Mali-400MP
RAM 1 GB
Memoria interna 4 GB, 2.5 GB disponibili
Espansione memoria
Display Collegamento a TV o schermo tramite HDMI
Risoluzione Dipendente dal display
Fotocamera anteriore Non presente
Fotocamera posteriore Non presente
Connettività WiFi b/g/n, Bluetooth 4.0
GPS No
NFC No
Porte micro-USB, microSD, USB, microUSB per alimentazione
Batteria Non presente
Sistema Operativo Android 4.0.4 Ice Cream Sandwich
Dimensioni 129,8 x 68 x 10,9 mm
Peso 143 gr
Prezzo (indicativo) 79€

L’hardware scelto per l’XW-I8 non è all’ultimo grido e non presenta quad-core o 2GB di RAM, ma è più che sufficiente a gestire i normali contenuti. All’interno infatti troviamo un processore single-core Allwinner A10 operante a 1GHz e accompagnato da 1GB di RAM e da una GPU Mali-400MP. Troviamo anche 2.5GB di memoria disponibile all’utente, di cui 1GB per le applicazioni ed 1.5GB per i dati.

111_1057

Il comparto hardware è adeguato all’utilizzo tipico di questo dispositivo e riesce a garantire una buona velocità e fluidità. L’unica pecca, che è però relativa, è la quantità di memoria interna che potrebbe essere troppo poca in caso di installazione di moltissime applicazioni o di applicazioni particolarmente ingombranti.

111_1058

L’alimentazione avviene tramite una porta microUSB dedicata: non viene fornito in dotazione un alimentatore da parete, ma qualunque alimentatore con una corrente in uscita di 500mA è idoneo ad essere utilizzato.


Software

Quella che troviamo installata è una versione stock di Android 4.0.4 Ice Cream Sandwich. La fluidità offerta si attesta su buoni livelli, anche se si nota qualche piccolo lag con pagine web molto pesanti o applicazioni particolarmente esigenti.

Interfaccia

L’interfaccia presente non è stata alterata in alcun modo e si tratta a tutti gli effetti di un terminale “Google Experience”, in quanto non è stato modificato. Le modifiche fatte sono pressochè nulle e si limitano all’aggiunta nella barra in basso di un pulsante per lo spegnimento, di due per la regolazione del volume e di uno per nascondere la barra stessa. Questa scelta è apprezzabile poichè rende l’esperienza omogenea a quella dei tablet e degli smartphone, tuttavia la natura del prodotto ed i suoi controlli – per forza di cose non immediati come il tocco sullo schermo – lo rendono in certi contesti meno intuitivo e facile da maneggiare.

Una volta nascosta, la barra non può essere ripristinata a meno di riavviare il dispositivo. Utilizzando una tastiera esterna, in ogni caso, è possibile sfruttare a dovere il dispositivo anche senza ausilio dei tasti software. È impossibile fare a meno di uno strumento per il puntamento, sia che si tratti di un mouse che di un “air mouse” che di un touchpad, poichè l’interfaccia di Android non è stata pensata per essere gestita senza un sistema di puntamento.

Applicazioni preinstallate

Non sono presenti applicazioni preinstallate al di fuori del FireAir Receiver, utile per condividere tramite la rete i propri contenuti (DLNA). Questa scelta è apprezzabile poichè lascia all’utente la piena libertà di scelta delle applicazioni senza occupare utile spazio di archiviazione con applicazioni non rimovibili od integrate nel sistema.

Browser

La navigazione è veramente apprezzabile su uno schermo da 20 pollici e ancora di più su uno schermo da 37 pollici o più. Lo scrolling è veloce e fluido. Non è possibile fare il pinch-to-zoom, ma d’altronde non è nemmeno necessario su schermi grandi. Lo zoom, invece, risulta molto elevato e permette quindi di visualizzare solo una piccola porzione della pagina visitata per volta: questo costringe ad un continuo scorrimento della pagina, che alla lunga può diventare fastidioso.

Tastiera

Inutile dire che usare un prodotto di questo genere con la tastiera a schermo è un inferno. Semplicemente la tastiera di Android non è pensata per questo utilizzo e non risulta quindi adatta con dispositivi senza input tattile. Di contro, invece, è possibile collegare tastiere USB che rendono l’esperienza di digitazione più semplice e piacevole. Unica pecca è l’impossibilità di far sparire la tastiera a schermo completamente: questo fa sì che una parte dello schermo sia sempre occupata quando si scrive.

Gaming

Essendo buona parte dei giochi pensati per sfruttare uno schermo tattile e/o l’accelerometro, giocare con questo mini-PC è possibile rinunciando ai titoli più complessi ed a quelli che richiedono necessariamente touch o accelerometro.

Aggiornamenti

Gli aggiornamenti per questo dispositivo sono, come è facile immaginare, inesistenti. Visto il prezzo molto contenuto e visto il fatto che si tratta di un prodotto cinese con un ciclo vitale molto breve, infatti, è più conveniente per il produttore progettare un nuovo modello con una nuova versione di Android. Ice Cream Sandwich sarà totalmente datata, in ogni caso, almeno tra un paio d’anni ed anche in quel momento sarà presente un gran numero di applicazioni compatibili.

Quanto si presta al modding?

Non abbiamo trovato online ROM alternative a quella di default, e questo rende pressoché non moddabile il dispositivo a meno di non volersi “sporcare le mani” e creare da sé una ROM.

Test riproduzione video

Abbiamo testato i video disponibili a questo indirizzo ottenendo ottimi risultati: tutti i video vengono gestiti correttamente, eccezion fatta per due video che hanno riportato alcune problematiche.

Test video

Birds Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
HD-DVD Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
Monsters Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
Suzumiya Interruzione improvvisa dopo pochi secondi
Matrix Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
Harry Potter Audio con un leggero ritardo
Planet Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
Shrinkage Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
Shrinkage 2
Riproduzione fluida, nessun problema rilevato
Planet 2 Riproduzione fluida, nessun problema rilevato

Nonostante l’hardware non eccezionalmente potente, il dispositivo riesce a gestire correttamente anche il video “Birds” a 40mbps e non presenta problemi con alcun codec.

In conclusione

Si tratta di un ottimo prodotto, soprattutto guardando al rapporto qualità/prezzo. Trasformare il proprio televisore in una Smart TV può essere allettante per molti e può costituire una valida aggiunta alle opzioni di utilizzo che si hanno. Poter guardare i video su YouTube o navigare dalla comodità del proprio divano su uno schermo grande e con un audio di qualità elevata può davvero fare la differenza. Il solo limite di utilizzo per un dispositivo di questo genere, un po’ come accade con Raspberry Pi, è la fantasia: decine di altri utilizzi (mini-NAS, mini-PC da attaccare allo schermo, digital signage…) lo rendono eccellente per chi vuole sperimentare nuove idee.

VOTI

Ergonomia N.D.
Hardware 7
Display N.D.
Fotocamera N.D.
Batteria N.D.
Software 7
Modding 5
Giudizio finale

7

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

Top