Recensione MODE Life One

MODE-Life-One-1

MODE è un’azienda italiana poco conosciuta, principalmente per la giovane età. La società importa smartphone prodotti in Cina su sue specifiche, come tutte le altre case italiane – NGM, Brondi, Stonex… – e propone prodotti con un buon rapporto qualità/prezzo. L’attuale top di gamma, Life One, è uno smartphone davvero sottilissimo con un design accattivante e prestazioni degne di nota.

È uno smartphone che si usa con piacere e che, nonostante qualche piccolo difetto, si fa davvero apprezzare per le sue qualità. Vediamolo insieme.

Ringraziamo MODE per averci fornito il campione oggetto della prova.

Hardware & Ergonomia

Se vi aspettate un dispositivo sobrio, con colori tenui e pacati, vi sbagliate di grosso: Life One è uno smartphone che dà davvero un tocco di vitalità, con la scocca posteriore di un giallo molto acceso che, nonostante tutto, risulta molto gradevole a chi ama i colori. Il fronte totalmente nero bilancia quest’esplosione di colore e rende il tutto più equilibrato. Il design è, in generale, minimale e ben pensato, con i tasti fisici che sporgono il minimo necessario dalla scocca e con le dimensioni corrette (né troppo grandi, né troppo piccoli); l’unica pecca in questo senso è l’altoparlante posteriore, coperto da un ovale che non spicca certo per bellezza.

L’ergonomia è ottima e lo spessore di soli 6.1mm non è un contro: gli spigoli posteriori sono smussati e questo aiuta a far sì che l’impugnatura sia piacevole e ben salda. Anche le dimensioni del dispositivo risultano ottime: nonostante lo schermo da 5 pollici, Life One è leggermente più largo di Nexus 4 (appena 3mm), risultando quindi maneggevole anche con una mano.

MODE-Life-One-4

Un neo da segnalare è il connettore USB, che spesso sembra non voler accettare i cavi: si fa una certa fatica a trovare l’angolazione corretta e serve comunque un po’ di forza per far entrare il connettore maschio.

Parlando di specifiche tecniche, troviamo a bordo i seguenti componenti:

  • Schermo LCD da 5 pollici HD (1280×720)
  • Processore octa-core MediaTek MT6592 @1.7GHz
  • 2GB di RAM
  • 16GB di memoria interna, espandibile tramite microSD
  • Fotocamera posteriore da 13 megapixel (interpolata 8 megapixel) con flash LED, anteriore da 5 megapixel (interpolata 2 megapixel)
  • Supporto dual-SIM (micro-SIM + SIM full-size)
  • Bluetooth, WiFi, GPS

Sono caratteristiche di fascia media e rientrano perfettamente nella media dei dispositivi di questo genere. Le prestazioni sono buone e sono perfettamente paragonabili a quelle di smartphone che montano lo stesso processore.

Degno di nota è il fatto che nella confezione sono incluse due cover, di cui una di plastica rigida tipo bumper e l’altra di plastica morbida tipo cover S View di Samsung (con, quindi, una finestra sul fronte), nonché una batteria aggiuntiva e due pellicole per la protezione dello schermo.

Display

MODE Life One presenta un display abbastanza ampio: con 5 pollici di diagonale rientra ormai nella media, ma rimane comunque uno schermo dalle dimensioni tutt’altro che contenute e non indicato per chi vuole maneggiare un dispositivo con una sola mano – anche se poi non è così difficile.

Il pannello IPS impiegato appare di buona qualità, con angoli di visione decisamente buoni e colori sufficientemente fedeli. I bianchi sono della giusta temperatura e non tendono, quindi, né al giallo né all’azzurro. I neri sono profondi, mentre i colori in generale appaiono brillanti e ben saturi pur rimanendo fedeli. Gli angoli di visuale sono sufficientemente buoni e si assestano nella media degli schermi IPS.

La luminosità è decisamente buona e si assesta su livelli alti, con una buona visibilità anche sotto la luce diretta del sole.

Fotocamera

Le fotografie scattate con MODE Life One non sono, purtroppo, particolarmente degne di nota. In modalità automatica, il sensore posteriore da 13 megapixel riesce ad effettuare scatti di qualità mediocre, con colori che appaiono spesso slavati e spenti nonostante condizioni di luce complessivamente buone.

MODE-Life-One-3

Le foto sono estremamente rumorose, tanto che è difficile distinguere i dettagli anche quando le condizioni di luce sono mediamente favorevoli. La spiegazione di questo comportamento potrebbe essere che il sensore non sia, in realtà, da 13 megapixel, ma abbia una risoluzione inferiore (es. 8 megapixel) e aumenti il numero di pixel tramite interpolazione.

Complessivamente, comunque, MODE Life One è più che adeguato per scatti al volo senza troppe pretese.

Batteria

Un aspetto per cui complimentarsi con MODE è la batteria. Il Life One ha una durata della batteria ottima, soprattutto se si utilizza la modalità di risparmio energetico che garantisce una durata davvero lunga. La batteria ha una capacitàdi 2500mAh.

Abbiamo testato lo smartphone con uso intenso con due SIM attive in contemporanea e siamo arrivati senza problemi a fine giornata (con circa il 15% di batteria residua), mentre un uso con singola SIM abbassa ulteriormente i consumi e permette di usare lo smartphone per quasi due giorni.

MODE-Life-One-2

Abbiamo provato a lasciare lo smartphone in modalità aereo per verificare i consumi “di base”, non influenzati dall’utilizzo: lo smartphone ha superato la settimana di standby con più del 50% di batteria rimanente; il che fa capire che i consumi di base sono veramente ridotti ed evidenzia un lavoro più che egregio di ottimizzazione del software.

Con un utilizzo intenso si superano le due ore di schermo acceso con una sola SIM, mentre si arriva intorno a 1:30h con due SIM attive. Con un utilizzo più morbido, invece, Life One supera le due ore e mezza con una singola SIM attiva.

Software

Il MODE Life One è nato con Android 4.2.2 Jelly Bean, ma la casa produttrice ha rilasciato un aggiornamento ad Android 4.4.2 KitKat che porta lo smartphone (quasi) in pari con l’ultima versione rilasciata di Android. L’impegno ad aggiornare lo smartphone nonostante il prezzo contenuto fa onore a MODE, che dimostra serietà ed attenzione al cliente – ed il pensiero corre ad altri brand più famosi. L’aggiornamento non è tra le procedure più semplici (anzi…) e richiede obbligatoriamente l’uso di Windows – un ostacolo non da poco per chi usa Linux od OSX.

Il software è pesantemente personalizzato, a partire dalla schermata di sblocco totalmente modificata. Le sono state strappate tutte le funzionalità introdotte a partire da Android 4.1 Jelly Bean, come la possibilità di aprire la tendina delle notifiche e di accedere alla fotocamera. In buona sostanza, per svolgere qualunque azione è necessario sbloccare il telefono – con un’animazione simpatica, ma che avremmo scambiato volentieri con le funzionalità di Android stock.

Particolare la scelta di inserire non solo i quick settings nella tendina delle notifiche, ma anche il controllo del volume delle suonerie e – cosa più strana – delle SIM. Le SIM infatti vengono gestite in maniera rapida dalla tendina e solo all’interno di quelle applicazioni (es. messaggi, telefono, ecc) che necessitano di utilizzarle. Non è un fatto immediato: mi ci è voluto diverso tempo per capire come gestire le SIM e quale SIM utilizzare per svolgere una certa azione (es. mandare un SMS). Da questo punto di vista, l’esperienza utente non è propriamente positiva ed un’attenzione maggiore a questo aspetto avrebbe potuto migliorare nettamente le cose; ciononostante, una volta capito il meccanismo risulta molto semplice e pratico.

Un problema a nostro avviso non da poco è quello della fluidità delle animazioni: le animazioni del sistema sono molto veloci, ma risultano non essere per niente fluide perché sono istantanee. Un esempio tipico è la chiusura di un’applicazione nella schermata del multitasking: mentre normalmente l’applicazione successiva scende per occupare il posto della prima con un’animazione, sul MODE Life One l’applicazione successiva semplicemente compare più in basso, senza un’animazione dedicata. Questo dà un’idea di velocità, ma non di fluidità.

Ci sono poi difetti minori come traduzioni parzialmente mancanti nelle impostazioni, ma si tratta di casi isolati e su impostazioni che difficilmente si andrà a modificare più di una volta.

In conclusione

MODE Life One è un dispositivo abbastanza completo su tutti i fronti e le uniche mancanze riscontrabili sono nel software, dove si fanno sentire ma non sono poi così pesanti. Life One è adatto a chi cerca un dispositivo dal prezzo accessibile con buone prestazioni, uno schermo ampio e definito e una durata della batteria sopra la media.

MODE Life One viene offerto a circa 280 euro.

VOTI

Ergonomia 8
Hardware 7.5
Materiali 7
Display 8
Fotocamera 6.5
Audio 7
Batteria 9
Software 6
Qualità/Prezzo 7.5
Esperienza utente 7.5
Voto Finale

7.5

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • paola

    Non condivido affatto i giudizi espressi per questo marchio. Io ho acquistato uno smartphone life one da meno di un anno e ho riscontrato numerosi difetti:
    1. la batteria non dura niente e anche se ne hai un’altra in dotazione cmq a meno di un anno le ho esaurite entrambe
    2. si blocca spessissimo e si è costretti a farlo ripartire
    3. spesso si attiva il ripristino con perdita di tutti i dati

    Sono 280,00 euro buttati al vento….datemi retta!!!!!!

  • Francesco

    Ciao Volevo sapere ma questo device supporta la videochiamata classica??
    Grazie mille

  • ncerozz

    un mio parente vende lo stesso cellulare, ma con il suo marchio piuttosto che “MODE” a circa la metà del prezzo…se l’autore vuole posso inviargli le foto per mail…

  • gg1987

    A quel prezzo compro un nexus 5 oppure uno xiaomi mi3 (mio da settembre) direttamente da uno store italiano.

  • san

    Bah…ricorda un pò “color os”…

  • Emanuele

    Comunque sono 280€ … mica tanto economico … no ?

  • fabrizio

    sí, sí…ma il prezzo? perché nei voti mettete Qualitá/Prezzo 7,5 e non pubblicate il prezzo? Perché cosí ci incuriosiamo e andiamo sul sito del produttore per vedere quanto costa?

    • Emanuele

      Subito ho pensato “marketta!!!”
      Poi pensanto “ma no, per una volta che si fa qualcosa di quasi buono”
      Alla fine non so che dire : sembra davvero una marchetta bella e buona.

      Tutto grazie all’assenza del prezzo eh!

      • Fosse stata una “marketta” avremmo dovuto inserire obbligatoriamente almeno un link al sito del produttore, cosa non fatta. Non lo è e nemmeno siamo disposti a farci comprare le nostre recensioni, vorrebbe dire buttare al vento giornate intere di lavoro per provare questi prodotti e redigere le recensioni.

        • the master

          batteria 9 senza dire la capacità e senza nominare neanche le ore di schermo acceso sembra oggettivamente messo per alzare la media voti

          • Si era perso nelle revisioni. Ora è stato aggiunto di nuovo!

          • ncerozz

            azienda italiana un corno… un mio parente si rifornisce dagli stessi cinesi, e lui questo cellulare con il suo marchio stampato sopra lo vende a circa la metà del prezzo…

          • Non dico di leggere TUTTA la recensione, ma almeno la seconda riga… “La società importa smartphone prodotti in Cina su sue specifiche, come tutte le altre case italiane – NGM, Brondi, Stonex…”

          • Email me

          • andrea

            Dove prende questi telefoni questo tuo parente?? Su quale sito li acquista?

    • Oddio, mai ci avrei pensato sinceramente. È troppo macchinosa come cosa.
      Molto banalmente il prezzo è andato perso nelle varie revisioni della recensione ed ora è stato aggiunto.

Top