Recensione HTC One Max

HTCOneMax

HTC One Max va a completare la famiglia degli HTC One alla quale si era aggiunto HTC One Mini durante il mese di Settembre. Si tratta di un phablet da ben 5.9 pollici, quindi dalle dimensioni piuttosto elevate che fornisce l’ottima esperienza utente della Sense 5.5, e va ad inserirsi nel mercato dei phablet, sempre più competitivo.


Video Recensione


Unboxing

La confezione che ci è arrivata non è quella di vendita, ma il contenuto sarà esattamente quello che troveremo nella confezione d’acquisto: abbiamo un cavetto Usb-MicroUSB, un alimentatore da 5 Volt e delle cuffiette auricolari in ear davvero molto carine esteticamente, identiche a quelle che abbiamo visto anche nella confezione di One.


Hardware

L’hardware di HTC One Max prevede un processore Qualcomm Snapdragon 600 da 1.7 GHz di frequenza di Clock, praticamente identico a quello presente su One, con 2 GB di Ram e una GPU Adreno 320. La memoria interna è da 16 o 32 GB, questa volta espandibile grazie alla cover che può essere rimossa dando spazio allo slot per la MicroSIM e quello della MicroSD. Troviamo poi una batteria da 3300 mAh, uno schermo da 5.9 pollici Full HD ed il tanto discusso sensore digitale nella parte posteriore.

OM3

La connettività ovviamente è LTE, mentre il display è di tipo Super LCD3. Di sicuro l’hardware è molto performante, ma da un dispositivo che esce in questa parte dell’anno a 699 euro ci saremmo aspettati uno Snapdragon 800 per essere alla pari degli altri top di gamma.

HTC One Max

Processore
  • Qualcomm Snapdragon 600
  • Quad Core 1.7 GHz
GPU Adreno 320
RAM 2 GB
Memoria interna 16 / 32 GB
Espansione memoria Sì, Micro SD fino a 64 GB
Display
  • Super LCD 3
  • 5.9 pollici
Risoluzione 1080 x 1920 pixel
Fotocamera anteriore 2 megapixel
Fotocamera posteriore
  • 4 megapixel
  • Tecnologia Ultrapixel
  • Video fino a 1080p
Connettività 802.11 b/g/n/ac
NFC
GPS Sì, con A-GPS
Sensori
  • Accelerometro
  • Sensore di Prossimità
  • Sensore di Luminosità
  • Sensore di Impronte Digitali
Porte MicroUSB
Batteria 3300 mAh
Materiali
  • Alluminio
  • Vetro
  • Policarbonato
Dimensioni 164.5 x 82.5 x 10.3 mm
Peso 217 grammi
Disponibilità Internazionale
Sistema Operativo Android 4.3 Jelly Bean
Data di lancio Ottobre 2013
Colorazioni Grigio
Prezzo (al lancio) 699 €

Il Design è stato il punto di forza della serie One, materiali ottimi con alluminio nella parte posteriore trattato con tecnologia Zero Gap che permette di avere zero impurità, l’unico appunto è relativo alla cornice in policarbonato che va a coprire anche i bordi laterali, mentre su One rimanevano scoperti lasciando una bella sensazione al tatto. La cover posteriore è removibile ma purtroppo non è stato utilizzato un buon sistema di chiusura: partendo dal fatto che è stato sempre complicato chiuderla in maniera corretta, quando ci siamo riusciti abbiamo notato un piccolo rialzo nella parte superiore della fotocamera, davvero minimo, tuttavia non sappiamo se è un problema del sample ricevuto o di tutti i One Max in commercio.

OM5

Facendo un veloce tour fisico, nella parte superiore troviamo il jack da 3.5 mm e il sensore infrarossi per comandare televisioni ed altri elettrodomestici a distanza, in basso la porta MicroUSB ed il microfono principale, mentre sulla destra lo scalino per estrarre la cover e nella parte sinistra il bilanciere del volume con il tasto di accensione/standby/spegnimento.

OM7

Nella parte posteriore invece abbiamo la fotocamera da 4 MP con tecnologia Ultrapixel, il flashled ed il sensore di impronte digitali, riguardo il quale abbiamo effettuato un focus dedicato al quale rimandiamo per ulteriori approfondimenti, confrontandolo anche con il Touch ID di iPhone 5S. Anteriormente sono presenti i due speaker frontali con tecnologia BoomSound ma purtroppo senza equalizzazione beats audio, oltre ai due tasti soft touch back e home.


Display

Il Display è da 5.9 pollici con risoluzione 1080 x 1920 pixel, quindi ovviamente altissima che su questa dimensione di schermo riesce a dare il meglio di se. La definizione è spettacolare e grazie alla diagonale molto ampia riusciamo a godere di una qualità dell’immagine eccezionale. La tecnologia utilizzata per il display è Super LCD3, quindi molto luminoso con colori molto fedeli alla realtà, praticamente si tratta del display di HTC One, che avevamo tanto elogiato durante la nostra recensione, ingigantito. Il sensore di luminosità funziona in maniera ottima e possiamo quindi tranquillamente utilizzare questo phablet alla luce del sole senza avere particolari problemi.


Fotocamera

La fotocamera è da 4 MP con tecnologia Ultrapixel, praticamente identica rispetto a quella presente su One, con l’unica differenza che la fotocamera di HTC One Max non è dotata di stabilizzatore ottico dell’immagine. Le foto sono discrete, al buio il sensore riesce a catturare molta luce grazie alla tecnologia utilizzata che permette di avere pixel più grandi ma in quantità minore, tuttavia il problema di One sembra ripetersi: foto leggermente sovraesposte in tutte le condizioni di luce, con una definizione purtroppo bassa per uno smartphone top di gamma proposto a questo prezzo.

OM4

Tuttavia bisogna sottolineare che le foto di HTC One Max sembrano leggermente più equilibrate rispetto a quelle di One, sempre per quanto riguarda l’esposizione e la resa degli ambienti molto illuminati, in ogni caso ci riserviamo di giudicare in maniera definitiva con un confronto diretto tra i due dispositivi. Di sicuro HTC dovrà cambiare qualcosa con la prossima generazione di smartphone riguardo il comparto fotografico, magari continuando ad utilizzare gli Ultrapixel che si fondano su un’idea di base più che condivisibile, ma in maniera diversa, limitando l’eccessiva sovraesposizione e permettendo di avere foto più definite.

I video vengono girati come sempre a 1080p e risultano davvero molto buoni. Il software è praticamente identico a quello di HTC One, con l’aggiunta della funzione “Camera doppia” che ci permette di utilizzare contemporaneamente la fotocamera anteriore e posteriore. Presente ovviamente HTC Zoe e la possibilità di creare presentazioni scegliendo il tema musicale, le transizioni e molto altro, il tutto in maniera semplice ed immediata.

IMAG0049 IMAG0051 IMAG0046 IMAG0043 IMAG0045 IMAG0042 IMAG0040 IMAG0037_BURST005 IMAG0036


Audio

I due gradi speaker di One Max si trovano nella parte frontale del dispositivo, purtroppo così come su One Mini non abbiamo l’equalizzazione beats audio. La potenza è davvero molto elevata, il volume impressionante, probabilmente anche superiore rispetto a One; tuttavia la qualità del suono è leggermente inferiore rispetto a quella di One stesso, soprattutto per quanto riguarda i bassi che non sono così presenti ed enfatizzati, visto la mancanza di Beats. Facendo una classifica relativa all’audio degli smartphone attuali però, possiamo tranquillamente dire che One Max è in seconda posizione, sempre molto distante dal resto della concorrenza. Il vivavoce è ottimo, riusciamo perfettamente ad ascoltare il nostro interlocutore, così come l’audio in capsula durante le telefonate.

OM2


Batteria

La batteria da 3300 mAh permette un’autonomia davvero straordinaria: siamo riusciti a coprire circa un giorno e mezzo di utilizzo molto intenso, con 3 caselle email in push, molti messaggi in chat e soprattutto davvero molta navigazione web, con qualche minuto di gioco e chiamate. Con un utilizzo più pacato abbiamo anche raggiunto i 2 giorni. Insomma è difficile al giorno d’oggi trovare un dispositivo che riesca a fornire un’autonomia del genere, di sicuro è un fattore da tenere seriamente in considerazione, anche perché se dovesse capitarvi di arrivare al 30 o 20% di batteria senza avere una presa elettrica a disposizione potrete fare affidamento sulle impostazioni relative al risparmio energetico.

OM8


Software

Il Software è la versione 4.3 di Android Jelly Bean personalizzata da HTC con la Sense 5.5 che introduce alcune novità rispetto alle versioni precedenti, più precisamente si tratta di un perfezionamento della Sense 5. Presente ovviamente Blinkfeed, Zoe e l’interfaccia semplice e pulita che riesce ad essere sempre molto fluida e reattiva in qualsiasi situazione.

OM9

Blinkfeed e fluidità

HTC Blinkfeed ormai lo conosciamo bene, è un aggregatore di notizie  presente direttamente in una delle home page del dispositivo che è possibile personalizzare in base alle fonti delle quali si vogliono apprendere maggiormente le news. Nella nuova Sense 5.5 è stato ampliato il supporto ai social network, e finalmente c’è la possibilità di aggiungere feed personalizzati. La fluidità del sistema è ai massimi livelli, le operazioni avvengono sempre in maniera immediata senza lag o impuntamenti di sorta, anche quando abbiamo più applicazioni aperte.

Centro Notifiche, HTC Zoe e Sense TV

Il centro notifiche rispetto alla Sense 5 ha introdotto la possibilità di personalizzare i toggle, sia per la disposizione che per l’aggiunta o la rimozione di determinati collegamenti rapidi, un grande passo avanti se si pensa alla prima versione della Sense 5 che purtroppo non permetteva di attivare o disattivare rapidamente le impostazioni. Presente ovviamente HTC Zoe per quanto riguarda le funzionalità multimediali che ci permette ad esempio di registrare un breve video attraverso lo scatto di più fotogrammi in sequenza, e poi operare su di essi ad esempio per rimuovere oggetti, sovrapporre più frame oppure semplicemente creare delle gif animate davvero molto carine. Grazie alla presenza inoltre del sensore ad infrarossi possiamo comandare a distanza dispositivi come ad esempio televisioni, impanti stereo e molto altro, con l’applicazione “TV” leggermente modificata nella nuova versione della sense, soprattuto per quanto riguarda l’interfaccia.

Applicazioni aggiuntive

  • Lettore Musicale: particolare attenzione è stata posta anche nella realizzazione del lettore multimediale, che mette a disposizione dell’utente anche la possibilità di visualizzare il testo della canzone che in quel momento sta ascoltando. Il tutto avviene in automatico in quanto l’HTC One scaricherà automaticamente i meta-dati di ogni canzone chiedendo conferma all’utente.
  • 7digital: ormai la conosciamo, è la classica applicazione pre-installata sugli HTC che permette di scaricare musica.
  • TuneIn Radio: applicazione dedicata alla radio.
  • Auto: applicazione che permette di fruire più facilmente dei contenuti mentre si è in auto, una delle migliori per quanto riguarda gli smartphone android.
  • Azioni: applicazione che tiene aggiornati i più appassionati di borsa sulle azioni delle società.
  • Polaris Office: ormai non ha bisogno di presentazioni. Crea, modifica, salva e visualizza documenti Word, Excel e di altri formati.
  • Note: applicazione veramente molto funzionale. Ci permette di registrare l’audio e, contemporaneamente, di prendere note anche direttamente con un pennino capacitivo, cosa che può risultare molto utile con uno schermo cine le dimensioni così elevate.
  • Attività: tiene traccia di tutte le attività che vogliamo fare.

Gaming

La GPU presente su HTC One Max è la Adreno 320, permette di giocare in maniera molto fluida sulla maggior parte dei titoli, tuttavia non è esente da qualche piccolo rallentamento o lag in determinate condizioni. Vi consigliamo di dare un’occhiata al focus che abbiamo girato a riguardo.

Browser

Il Browser di HTC come sempre è tra i migliori, fluidità sempre al massimo sia per i siti web più pesanti che quelli più leggeri. Presente la possibilità di attivare il flash player, e il re-incolonnamento automatico del testo, funzionalità sempre molto comoda e gradita sugli smarpthone, anche di queste dimensioni.


In conclusione

HTC One Max doveva essere la risposta dell’azienda taiwanese al Galaxy Note 3. Si tratta di un phablet molto interessante che però non aggiunge molto all’esperienza tradizionale offerta da HTC One, che seppur ai massimi livelli, può risultare un po’ stretta su un dispositivo con lo schermo di queste dimensioni. Avremmo preferito qualche funzione esclusiva e un processore più potente per essere alla pari della concorrenza, soprattutto se si considera che il prezzo ufficiale di vendita di questo device è di 699 euro. L’esperienza con questo phablet però è stata davvero ottimo, bisogna ammetterlo, un display fantastico che riesce a rendere l’utilizzo del dispositivo molto più piacevole rispetto allo standard.

OM6

VOTI

Ergonomia 6
Hardware 8
Materiali 9
Display 10
Fotocamera 7
Audio 9
Batteria 9
Software 8
Modding n.d.
Esperienza utente 9
Voto Finale

8.3

 

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Nokia Lumia 1520 vs HTC One Max: display oversize a confronto in video - Tutto Windows Phone()

  • Alex Alban

    prezzi di htc veramente esagerati, da sempre. non può permetterselo però continua! anche i nuovi desire prezzi altri con display orribili

  • Emilio Mineo

    confronto con note 3??

  • pippo_bans

    Buon pomeriggio a tutti, volevo chiedere una cosa: visto che la camera è praticamente identica a quella di ONE, avete notato se di “identico” ci sono anche i “famosi” aloni viola??? tappando il sensore per qualche minuto lo schermo diventa di quel colore viola/magenta come su ONE oppure resta totalmente nero? grazie!

    • Emanuele Capone

      Completamente assenti gli aloni, almeno sul nostro esemplare :)

      • pippo_bans

        allora sono dell’idea ke con questa nuova tecnologia (ultrapixel) abbiano avuto dei problemi con i primi esemplari di questi sensori ke risultavano fallati mentre col passare del tempo hanno trovato la soluzione e adesso sono buoni..tant’è vero ke chi mando il ONE ora in assistenza per questo problema se lo vede ritornare indietro sistemato..in più di una circostanza ho letto questo in giro..solo coincidenza? non credo..voi come lo spiegate ciò?

Top