Vietato indossare il Google Glass in un ristorante di Seattle

forbidden-glass

“Vietato entrare a chi indossa il Google Glass”.

David Meinert (in foto, sulla destra), proprietario di alcuni bar negli USA, sembra aver avviato una vera e propria crociata contro il colosso di Mountain View. A David infatti sembra che il Google Glass non piaccia affatto e sta facendo di tutto pur di tenere fuori dai propri locali le persone con indosso gli occhiali di Google.

Dopo aver infatti affisso nel 5 Point Cafè alcuni cartelli in cui negava l’entrata ai “Glass Explorers” al Lost Lake Cafè & Lounge di Seattle è stato letteralmente cacciato un cliente che ha rifiutato di togliersi gli occhiali Google dal naso.

Il malcapitato di turno è l’ingegnere Nick Starr che, recandosi al ristorante sopra citato, è stato prima invitato a riporre i suoi Glass per proteggere la privacy dei clienti del ristorante e dopo è stato cacciato per non aver fatto come richiesto.

Cosa succederà dunque una volta che il Google Glass sarà commercializzato per la massa? Privacy o non privacy guerre simili potrebbero essere all’ordine del giorno restringendo così le possibilità di successo per l’accessorio (così sembra) del futuro. Riuscirà Google a mettere una pezza prima che ciò accada? Ma soprattutto, c’è una così reale paura di essere fotografati o registrati in giro?

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Diego Tognelli

    Ho una domanda per tutti voi, sperando in delle risposte:
    perché è così importante che nessuno vi fotografi mentre siete in un locale qualsiasi o in giro? A me, onestamente, non me ne può fregare di meno. Però vedo un sacco di gente che non la pensa così… Illuminatemi, grazie.

  • alessandro

    qualcuno, in italia, prima di oggi e prima di questo articolo conosceva il “Lost Lake Cafè & Lounge di Seattle”!?!? pubblicità ragazzi, pubblicità

  • Paolo

    Credo che in Europa i Google Glass sarebbero un dispositivo praticamente illegale. Nel nostro paese ad esempio non è consentito filmare o fotografare indiscriminatamente chiunque senza il suo esplicito consenso. D’accordo, i cellulari consentono di farlo di nascosto ma è comunque illegale, e i Google Glass rappresenterebbero una violazione della legge molto più palese e conclamata.

  • kazoo

    I glass posso scattare foto, registrare audio ecc in modo molto più furtivo di uno smartphone, te ne accorgi se uno ti punta una fotocamera, come in molti locali è vietato scattare foto io sono d’accordo con questo barista

  • Radhamantis

    Pubblicità.

  • Red-XIII

    Quindi, alla luce di quanto nel cervello del barista, chi sta sempre con il telefono in mano come me non può entrare?
    Perché il mio telefono, non so il vostro, fa:
    – Foto e Video
    – Si collega ad internet
    – Può mandare, quindi, le foto ed i video appena catturati a chiunque
    – Costa meno del Glass XE, ovviamente…
    Cosa fa Google Glass in più? Giuro che prenderò un volo per andare da quel barista e star tutto il tempo con il telefono in mano, voglio vedere quanto tempo passerà prima che mi caccia! -.-°
    Discorso “privacy”, ma quale privacy e privacy d’Egitto??? Dove l’abbiamo noi comuni mortali la privacy se non dentro al….?

    Privacy, poi, è un concetto che sento spesso nominare da chi, manco a farlo apposta, ha qualcosa da nascondere! Io francamente non mi sento minacciato da Google Glass, come non mi sentivo minacciato quando tutti gli amici iniziarono a comprare i bei Nokia con le fotocamere a 1, 2 o 3 Mpx!

    Che il barista faccia ammenda, la piantasse di dire ciofecate!

    • robby

      Se usi il telefono per fotografare qualcuno, questo qualcuno se ne può accorgere e ti può invitare a non farlo.
      Con i glass ti basta guardare qualcuno e questo qualcuno non sa se lo stai solo guardando, lo stai fotografando o gli stai facendo un video.
      Ma poi il gestore del locale potrà decidere il comportamento da tenere dentro il PROPRIO locale?
      Può essere anche una strategia commerciale, magari chi tiene alla propria privacy può essere invogliato ad andare in un locale del genere…
      Un po’ come se in un locale dove ti vietano la sigaretta elettronica tu vai lì e te la accendi….
      Se sai che lì è vietato non puoi semplicemente andare da un’altra parte e non rompere le scatole a chi non vuole quella cosa?

      • Red-XIII

        Tutto vero, o quanto meno cose a cui non ho pensato su due piedi. Però, mi devi dire una cosa: cacciarlo era necessario? Bastava un “Mi scusi, potrebbe togliere quell’accessorio che ha, potrebbe dar fastidio agli altri clienti”…

        Continuo a dire che, se con il telefono ti vedono, con il Google Glass corri pure il rischio di farti sentire mentre dici “OK Glass, take a picture”.

        Considerato il volume medio nel locale, devi tenere una voce un po’ più sostenuta per farti sentire dal gingillo, o sbaglio?

        A mio modo di vedere è esagerazione, vuoi fotografarmi, fallo! :D
        Tanto poi, chi si lamenta, magari ha le proprie foto taggate qui e lì e o non lo sa o acconsente…

        Tutta questione di pubblicità, andiamo a chiedere al gestore del locale se ha un aumento delle entrate del locale e per quanto tempo durerà. Questo sarebbe accaduto sia se lo avesse cacciato sia che gli avesse offerto una consumazione perché indossava il Google Glass!!! -.-° IMHO

        • robby

          Ma infatti nella realtà magari è stato invitato e nei media è diventato “cacciato”! ;-)

          • Fabio Piccinetti

            Ragazzi, avete letto l’articolo? Potevano chiedergli di togliere i glass, e infatti l’hanno fatto ma lui non ha dato ascolto e solo allora è stato cacciato. Vi riporto il pezzo dell’articolo:

            “Il malcapitato di turno è l’ingegnere Nick Starr che, recandosi al
            ristorante sopra citato, è stato prima invitato a riporre i suoi Glass
            per proteggere la privacy dei clienti del ristorante e dopo è stato
            cacciato per non aver fatto come richiesto.”

            Per quanto riguarda il comando vocale per scattare la foto: non credo proprio che sia l’unico modo per scattarla. C’è una barra touch sul fianco dell’occhiale che permette di navigare nel menu scorrendo verso l’alto e verso il basso e selezionando con un tap.
            Vuoi che non si possa scattare una foto semplicemente selezionando l’app fotocamera e tappando silenziosamente sulla barretta? Voglio vedere poi se ci fai caso in questo modo se uno ti scatta una foto :)

          • Diego Tognelli

            Non capisco una cosa di fondo: che fastidio vi da se un tizio vi scatta una foto?

          • Red-XIII

            Come ho pensato continuamente, si vede che qualcuno ha qualcosa da nascondere!

          • Red-XIII

            Già, quel pezzo preso dalla foga di commentare l’ho completamente dimenticato. Comunque quoto Diego Tognelli….

  • Il Morre

    quando diventerà uno standard e i suoi clienti vorranno indossare questi occhiali? mah..per me è una stupidata..

  • Bitace

    al mio paese se un barista caccia un cliente gli accendono il locale xD

  • Topper Harley

    ma non e’ una notizia di una settimana fa?

  • ticktick

    Google ha sempre il vizietto di ledere la privacy altrui :) (LOL)

    • Giulio

      Si…vero… XD
      Però un proprietario di un locale non può far cacciare un cliente solo perche ha addosso dei fottutissimi occhiali da 1500$…
      E come dire che io a casa mia non faccio entrare quelli che hanno un iPhone 5s…
      Spero fallisca… =D

      • Vale Dl

        Casa tua e un luogo privato e puoi farci quello che vuoi. In un locale pubblico non puoi farlo

        • Marco Taviano

          Anche il locale é privato, attenzione.
          É un locale “aperto al pubblico” ma non cambia il fatto che sia privato, cioé gestito da un privato che ci fa ció che preferisce (nei limiti della legge).

Top