Samsung vs Apple: vittoria per Steve Jobs, 1 miliardo di dollari di risarcimento

| 25 agosto, 2012 | 120 commenti
News | Samsung

È finita. Il più grande processo del mondo della tecnologia si è concluso stanotte all’una, ora italiana – almeno la parte importante ed interessante. Il risultato non piacerà a nessuno: Apple non ha vinto. Ha stravinto, ha distrutto totalmente Samsung, l’ha schiacciata come uno schiacciasassi distrugge una noce, come una bomba termonucleare fa a pezzi una casa in legno.

La giuria ha emesso un verdetto totalmente in favore di Apple: Samsung viola i brevetti ’381 (bounce back), ’915 (pinch to zoom) e ’163 (tap to zoom) per quanto riguarda il software, mentre per quanto riguarda il design dell’hardware Samsung viola i brevetti D’677 (design anteriore dell’iPhone), D’087 (design posteriore dell’iPhone) e D’305 (design della home dell’iPhone). La buona notizia è che non c’è violazione per il brevetto D’889 (design dell’iPad).

Ciò significa che Samsung ha copiato l’iPhone, ma non l’iPad. La maggior parte dei dispositivi commercializzati da Samsung, alcuni dei quali esclusivi del mercato statunitense, sono stati dichiarati colpevoli. Inoltre, la giuria ha dichiarato che la copia di Samsung ha portato a “trade dress dilution”, ovvero a una “svalutazione del trade dress”. Il trade dress è l’insieme del design e dell’aspetto che rende distintivi i prodotti ai consumatori. Una copia svaluta il trade dress perchè fa sembrare peggiore agli occhi della gente il prodotto originale o non ne permette l’immediato riconoscimento. Tutto questo porta in alto la cifra del risarcimento proposta dalla giuria: si tratta di un miliardo di dollari.

Ecco una tabella riassuntiva dei risarcimenti per ogni smartphone:

Captivate (JX 1011) $80,840,162
Continuum (JX 1016) $16,399,117
Droid Charge (JX1025) $50,672,869
Epic 4G (JX 1012) $130,180,896
Exhibit 4G (JX 1028) $1,084,820
Fascinate (JX 1013) $143,539,179
Galaxy Ace (JX 1030) $0
Galaxy Prevail (JX 1022) $57,867,383
Galaxy S (i9000) (JX 1007) $0
Galaxy S 4G (JX 1019) $73,344,668
Galaxy S II (AT&T) (JX 1031) $40,494,356
Galaxy S II (i900) (JX 1032) $0
Galaxy S II (T-Mobile) (JX 1033) $83,791,708
Galaxy S II (Epic 4G Touch) (JX 1034) $100,326,988
Galaxy S II (Skyrocket) (JX 1035) $32,273,558
Galaxy S II Showcase (i500) (JX 1017) $22,002,146
Galaxy Tab (JX 1036) $1,966,691
Galaxy Tab 10.1 (WiFi) (JX 1037) $833,076
Galaxy Tab 10.1 (4G LTE) (JX 1038) $219,694
Gem (JX 1020) $4,075,585
Indulge (JX 1026) $16,011,184
Infuse 4G (JX 1027) $44,792,974
Intercept 4G (JX 1009) $2,242,013
Mesmerize (JX 1015) $53,123,612
Nexus S 4G (JX 1023) $1,828,297
Replenish (JX 1024) $3,350,256
Transform (JX 1014) $953,060
Vibrant (JX 1010) $89,673,957
Totale: 1,049,343,540$

 

Le cifre sono astronomiche. Samsung ha già dichiarato che farà appello e ha rilasciato alcune dichiarazioni dal tono apocalittico che, però, hanno un certo fondamento.

Il verdetto di oggi non dovrebbe essere visto come una vittoria per Apple, ma come una sconfitta per i consumatori americani. Porterà a minori scelte, a minore innovazione, e potenzialmente a prezzi più alti. È una sfortuna che la legge sui brevetti possa essere manipolata per dare ad una compagnia il monopolio sui rettangoli con gli angoli arrotondati, o sulla tecnologia che è migliorata ogni giorno da Samsung e da altre compagnie. I consumatori hanno diritto di fare delle scelte, e sanno ciò che comprano quando acquistano prodotti Samsung. Questa non è la parola “fine” a questo caso o alle battaglie che infuriano nelle corti e nei tribunali nel mondo, alcuni dei quali hanno già respinto le accuse di Apple. Samsung continuerà ad innovare e ad offrire scelta al consumatore.

È indubbio che il bando dei prodotti Samsung diminuisca la scelta del consumatore. Forte di questo precedente, Apple potrebbe portare in causa tutti i produttori Android e far bandire i loro dispositivi, portando di fatto alla morte di Android negli USA. Questo è uno scenario non del tutto improbabile, ma bisogna aspettare l’evoluzione degli eventi prima di poter dire qualunque cosa. Nel frattempo, Tim Cook ha diffuso internamente ad Apple queste parole:

Oggi è stato un importante giorno per Apple e per coloro che innovano, dovunque essi siano. Molti di voi hanno seguito da vicino il processo contro Samsung a San Jose nelle passate settimane. Abbiamo scelto di intraprendere la strada delle azioni legali con molta riluttanza e solo dopo aver ripetutamente chiesto a Samsung di smettere di copiare il nostro lavoro. Per noi questo processo è sempre stato riguardo qualcosa di molto più importante dei brevetti o dei soldi. È riguardo i valori. Valutiamo l’originalità e l’innovazione e spendiamo le nostre vite nel creare i migliori prodotti sulla Terra. E lo facciamo per far piacere ai nostri clienti, non perchè i competitor copino spudoratamente. Abbiamo un grande debito di gratitudine alla giuria che ha speso il proprio tempo nell’ascoltare la nostra storia. Eravamo eccitati di avere finalmente l’opportunità di raccontarla. La montagna di prove presentate al processo ha mostrato che la copia di Samsung è stata più profonda di quanto credevamo. La giuria ha ora emanato il verdetto. Ci congratuliamo con loro per aver dichiarato il comportamento di Samsung volontario e per aver mandato un messaggio forte e chiaro che dice che rubare non è giusto. Sono davvero orgoglioso del lavoro che ognuno di voi fa. Oggi, i valori hanno vinto e speso che il mondo intero ascolti. Tim

Il prossimo passo nel processo è un’udienza per stabilire i termini del bando dei prodotti, fissata per il 20 di Settembre.

Fonti: 1 2 3 4 5 6 7

Condividi l'articolo sui Social!

apple causa Samsung Samsung vs Apple verdetto Samsung vs Apple