Rivelata la roadmap di Qualcomm: processori con architettura Krait presto in arrivo

Come spesso accade, le notizie che dovrebbero rimanere segrete (o quantomeno sconosciute al grande pubblico) trapelano e vengono subito carpite da blog e testate. È questo il caso della roadmap di Qualcomm, che svela che la prossima generazione di processori Snapdragon, basata su architettura Krait, sarà disponibile per l’ultimo trimestre del 2011. Addirittura, si conoscono i numeri dei modelli, i dettagli sulle radio impiegate e anche dettagli sui memory channels. I primi processori saranno dual core, basati su architettura Krait, ed avranno i numeri identificativi 8960, 8270 e 8260A. Con una frequenza tra 1,5 e 1,7GHz, saranno realizzati impiegando il processo produttivo a 28nm, che permette una maggiore potenza con un minor consumo, con una cache L2 da 1MB. Avranno a disposizione due canali per la memoria LPDDR2 a 500MHz, radio LTE “cat3”, e la possibilità di riprodurre video in 1080p a 30fps. La grafica sarà affidata alla GPU Adreno 225.

Più avanti nel 2012 vedremo i processori 8230 e 8930, destinati presumibilmente a una fascia più bassa vista la minore frequenza (1-1,2GHz) e l’adozione della GPU Adreno 305. Per i primi mesi del 2013 sono attese le prime soluzioni quad core con frequenze comprese tra 2 e 2,5GHz, supporto a memorie LPDDR3 a 667/800MHz, LTE “cat4”, riproduzione video in HD a 60fps e GPU Adreno 320 con pieno supporto al 3D. Prospettive interessanti, ma forse un po’ in ritardo rispetto alla concorrenza che propone già ora le prime soluzioni quad core. Il livello prestazionale sarà molto alto e potrà tenere testa alla concorrenza, ma si sa che anche il marketing vuole la sua parte – e “quad core” suona meglio di “dual core” alle masse.

[Via Engadget.com]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • dioniso

    ottimo, un anno in piu per trovare una soluzione e nuove tecnologie per migliorare le batterie. Cmq chi si compra un dual core ora fortunatamente non ha motivo di mettersi a frignare come sempre che l'anno prossimo arrivano chissà quali processori.

  • Gigi7

    speravo prima i quad core….

    • scnada

      davvero? a che pro? x cosa hai bisogna di tanta potenza? per non far laggare la gui?o devi fare video editing a 1080p? suvvia…non scherziamo…io sono pro all'innovazione tecnologica, ma qua si rasenta il ridicolo…non vi fate abbindolare dal fottuto marketing! eh…che cavolo…ricorda che la potenza è nulla senza il controllo (software) dunque è inutile che creano sti mostri se poi ancora no si riescono a sfruttare i dual… :/ ps, da uno che cambiava cel come le mutande e che ha iniziato a comprendere che infondo non serve a nnt rincorrere "l'innovazione" , tanto oramai la maggior parte dei cell funziona bene e permette grandi cose…

      • Soprattutto sarebbe ora pensassero seriamente al problema dell'autonomia.

      • ranf

        Giusto! anche perchè ok ottimizzazione software, ma non si possono parallelizzare tutti tipi di operazioni…..
        Già nell'ambito desktop chi non fa editing si trova meglio con un dual pompato rispetto un quad standard…..

Top