Google Project Tango guiderà i robot sulla Stazione Spaziale Internazionale

Tango-SPHERES

Il fatto che trovo più positivamente sconvolgente e meraviglioso della tecnologia è che c’è sempre un campo nuovo di applicazione per qualunque cosa, che spesso si rivela utile per eseguire compiti cui nessuno aveva pensato prima. Un esempio? Voi avreste mai pensato di utilizzare un telefono per rendere autonomi dei robot in una stazione spaziale?

Google e la NASA hanno effettuato una dimostrazione utilizzando uno smartphone Project Tango leggermente modificato e montato su un satellite SPHERES della NASA. Si tratta di un piccolo robot in grado di muoversi grazie a delle bombole di CO2 che espellono gas. Precedentemente i robot SPHERES si avvalevano di un sistema di “fari audio” che, posti all’interno di un ambiente, permettevano di effettuare una triangolazione della posizione e muoversi quindi in spazi predefiniti.

Grazie a Project Tango, tuttavia, è possibile ricostruire in tempo reale un ambiente e rendere i robot più autonomi ed in grado di superare anche ostacoli non previsti. Precedentemente, SPHERES utilizzava un Nexus S come “cervello” con cui elaborare le informazioni, ma questi non permetteva un’autonomia effettiva come Project Tango.

L’obiettivo finale di questi esperimenti è la creazione di robot che possano aiutare o sostituire l’uomo in missioni su corpi celesti extraterrestri, come Marte o gli asteroidi. Perché, però, la NASA dovrebbe affidarsi a Google per un progetto come questo? La risposta è semplice: è inutile re-inventare la ruota quando l’ha già fatto qualcun altro. Meglio risparmiare i soldi dello sviluppo per portare l’uomo un po’ più in là, più vicino alle stelle.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Vincenzo Signoriello

    Potenza pura O.o

  • Patrizio Bruno

    con “fari audio” immagino ci si riferisca ad un sonar

    • Esattamente. In questo caso, però, ci sono dei dispositivi posti in certi angoli di un ambiente che emettono suoni, un po’ come dei fari radio… ma audio. In questo modo il robot ha delle fonti sonore per effettuare la triangolazione della sua posizione.

      • Patrizio Bruno

        Interessante, grazie! Ho provato a cercare su google ma non ho trovato informazioni tecniche, hai dei link per approfondire l’argomento?

        • Nel sito linkato con “Via” che trovi più in alto ci sono un po’ di link a varie informazioni, compreso il sito ufficiale del progetto sul sito NASA.

Top