Motorola voleva realizzare uno smartphone con Google ma Larry Page si è opposto

larrypage_wide-c26591d4ae77c239b07642f82203b575c1288629

Quello che era (e forse è ancora) il sogno di molti appassionati di tecnologia poteva diventare realtà. In tanti avrebbero infatti desiderato uno smartphone Google realizzato da Motorola e, con l’acquisizione dell’azienda da parte del colosso di Mountain View, iniziarono a crescere le prime deboli speranze.

In seguito poi alla vendita di Motorola a Lenovo, le già fievoli speranze si spensero definitivamente ma, a dire il vero, non pare ci siano mai state. Amir Efrati del Wall Street Journal afferma infatti di essere venuto a conoscenza del fatto che Motorola voleva davvero produrre uno smartphone per Google e portare le sue idee sul riconoscimento vocale all’interno del team Android. Larry Page, CEO di Google, però si sarebbe sempre opposto a tutto questo andando a confermare nuovamente (qualora ce ne fosse stato bisogno) che l’acquisizione di Motorola aveva un solo scopo, cioè i brevetti. Ecco cosa afferma Efrati:

Motorola desiderava lavorare più a stretto contatto con il team Google che sviluppava tecnologie per il riconoscimento del linguaggio naturale, il che avrebbe aiutato i computer a comprendere frasi parlate in maniera naturale invece che solo un set limitato di comandi. Integrando profondamente queste tecnologie con l’hardware di Motorola gli utenti potevano essere in grado di usare una gamma molto più vasta di comandi vocali e velocizzare il tempo che veniva impiegato dallo smartphone per rispondere ai comandi.

In sostanza, quindi, Motorola avrebbe cercato in ogni modo di lavorare al fianco di Google e di usufruire delle sue risorse per migliorare la comprensione del nostro parlato da parte dei dispositivi mobile. Larry Page però avrebbe sempre ostacolato qualsiasi tentativo facendo così in modo che Motorola venisse trattata come una qualsiasi altra azienda esterna, come Samsung, LG, Asus, ecc.

Il Motorola Moto X integra comunque parte di quelle idee che l’azienda dal marchio alato ha coltivato negli anni, e lo smartphone che Motorola avrebbe desiderato sviluppare con Google poteva davvero essere qualcosa di molto più avanzato sotto il punto di vista del riconoscimento vocale.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Davide

    Ma da quello che avevo capito io da un blog inglese Google ha rivenduto la produzione degli smartphone ecc a Lenovo, non tutto, corregetemi se sbaglio

    • Marco

      Esatto, si è mantenuta determinati progetti, come per esempio il Project Ara per la realizzazione di uno smartphone modulare e altri progetti vari, oltre vari brevetti

  • Un vero peccato. Anzi in mia opinione, una mossa decisamente sbagliata. Ma forse Google non è interessata a questo tipo di mercato

    • Andr3a

      Leggendo l’articolo sembra sia stata più una questione di imparzialità. Detto questo dispiace molto anche a me!

Top