Intel scommette su Android (e non su Windows) per i tablet

Galaxy-Tab-Intel

Inutile negarlo: i tablet con Windows sono un flop. Nonostante la possibilità di poter utilizzare i programmi classici (tra cui anche Office), l’utenza ha preferito i tablet con Android. Intel non può che prendere atto della situazione. Il CEO, Brian Krzanich, ha confermato che la sua società si impegnerà maggiormente affinché i tablet Android abbiano la priorità e possano ricevere “tra l’80 e il 90%” dei processori spediti agli OEM. La situazione, quindi, si aggrava ancor di più per Microsoft e la sua piattaforma.

Purtroppo per la compagnia di Redmond, gli utenti sembrano continuare a preferire Android o iOS quando acquistano un tablet. Nonostante alcuni modelli con Windows 8 estremamente interessanti lanciati nel corso del tempo sul mercato (come la gamma ASUS VivoTab o il Transformer Book T100), la piattaforma non è mai riuscita a prendere il volo e ha raccolto pochi successi.

Chiaramente, questo è un problema per Intel: poiché la piattaforme dove viene tradizionalmente utilizzata la sua architettura è proprio Windows, le vendite in discesa di PC la portano a cercare alternative per vendere i suoi processori. Il problema è convincere sia i produttori che, soprattutto, i consumatori che i processori Intel nel mobile funzionano e sono una buona scelta.

Ciò che appare evidente, però, è che se Microsoft vuol far rimontare Windows dovrà convincere tutti i produttori a creare prodotti ed a pubblicizzarli come avviene con i dispositivi Android. Non sarà un’impresa facile.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Roberto Guerra

    Da (per fortuna) ex-possessore di un Tablet Android e neo possessore di un Asus vivotab Note 8 dico solo questo: in ambito PROFESSIONALE (ma direi anche in ambito educativo) i tablet Windows offrono una versatilità senza pari. Non c’è sistema operativo che regga il confronto in tal senso. Se poi mi si vuole parlare di Hardware, allora posso dire che l’Ipad rimane ancora il gioiellino di riferimento in termini di materiali, design e cura. Ma per quanto riguarda il software da tablet (ripeto: per uso professionale), al momento non c’è storia. Tant’è che le varie divisioni business dei vari produttori di tablet (Dell, Lenovo, Hp, Fujitsu etc), si sono tutte rivolte a W8 (in particolare alla versione Pro). E non mi pare un caso. Evitiamo inutili e fuorvianti paragoni con l’ormai defunto Windows RT. Sarebbe come sparare sulla croce rossa….

  • miaopinione

    Il t100 non lo si prende per fare da tablet,,, è un prodotto che sta piu tra netbook notebook ,,,anzi al limite fa concorrenza agli ultrbook e chromebook. poi intel è proprio questi prodotti che sta per lasciare perchè rubando spazio ai piu grandi dove guadagna di piu si sta dando la zappa sui piedi. Per quanto riguarda baytrail é vero che intel si é avvicinsta a arm,,, ma a che prezzo? Ha dovuto anticipare tecnologie a minor nanometri e nonostrante questo il silicio occorrente è superiore agli arm.,,con baytrail e licenze windows intel deve vendere quasi in perdita su quei prodotti. A parita di processo produttivo gia da fine questo anno arm sara di nuovo avanti di molto,,, se google riesce a portare un programma office su android,,,che sempre linux é i giochi sono fatti

  • gianluca

    ahahah, chissà perchè vivotab note 8″, dell venue e l’ormai famosissimo Asus T100 non riescono a star dietro alle vendite e trovarli è solo un miraggio.
    Ma per favore.. Ovvio che la gente sceglierà android, costa il 60% di meno di un Windows 8.1, c’è dietro qualcuno che non sta spingendo a dovere i tablet windows non surface (Microsoft ce l’ho con te!). Baytrail ormai è al passo con ARM. Per la cronaca: ho un nexus 7 2013 e un Vivotab note 8″ e scelgo il secondo ad occhi chiusi sia perchè più fluido, ma anche perchè si possono installare programmi .exe e non ho mai avuto problemi nemmeno con programmi come photoshop e premiere (per non parlare della gestione dei file che su android mi fa vomità!). Invece di stare su internet, andate in giro e provate voi stessi. Euronics, fnac, mediaworld e co. hanno almeno un surface pro acceso, mentre per il resto dei tablet windows è già tanto se li trovate su amazon, perchè vanno a ruba!!

    • Ho provato un Surface RT e, anche se era limitato per via delle poche app disponibili e del fatto che non era possibile (ovviamente) installare i programmi per Windows, sono rimasto entusiasta dell’esperienza. Microsoft ci ha preso in pieno con l’interfaccia di Windows 8, ma ha sbagliato nel proporla anche sui dispositivi non-touch (creando un rigetto nell’utenza) e nel non incentivare la produzione e la pubblicizzazione di dispositivi (ad esempio distribuendo gratuitamente Windows come accade ora).

  • ale

    Ma più che puntare su android io punterei su altri sistemi basati su linux, magari su ubuntu touch che sembra molto interessante, o anche su gnome che dovrebbe girare bene su tablet, così da consentire di usare app desktop su tablet senza problemi.

    Per il resto finalmente si sta assistendo al declino di microsoft e dei sistemi operativi e delle applicazioni proprietarie in generale

    • Drak69

      Sicuro? perche dopo l’abbandono di xp sono aumentate le quote di windows 7 e in parte di windows 8….quelle di linux e macos sono rimaste quasi invariate xD

      • ale

        Ma direi anche di no, installaci te 7 su un pc con su xp, poi molti stanno riconsiderando la scelta, in tempi di crisi spendere 260€ per una licenza windows + altrettanti per office moltiplicato per tutti i pc di un azienda o di una pubblica amministrazione è tanto…

        • Drak69

          Intanto le licenze per quelle strutture non costano cosi tanto, seconda cosa è un dato di fatto e non un ipotesi che le quote di 7 e 8 si sono mangiate quelle di xp (linux e mac a gudardare tranquillamente). Poi chi ha windows xp e vuole passare a linux con ottime probabilita si ritrovera a combattere con il PAE che ha dato non poche rogne anche a me quando ho messo linux sul vecchio pc. Conclusione, chi ha xp puo benissimo comprarsi un pc da 300 euro, io ne ho uno da 370 e qualche volta mi concedo il lusso di giochicchiare.

          • ale

            Il PAE lo disabiliti come nulla, sulle distribuzioni serie poi puoi installare il kernel con pae o no (tipo in debian e centos per citare quelle più usate in ambiente professionale)

            Poi ovvio la crescita va a rilento per ora ma vedo che viene usato sempre di più, non mi capita di rado di vedere pc con linux in giro, una volta lo standard era windows, poi dipende anche cosa ci devi fare col pc che aveva su xp da giustificare una spesa per la nuova licenza, se il pc serve solo per internet e per fare semplici documenti magari passano a linux…

  • miaopinione

    Il problema non sta in windows ma nei tablet per windows fatti con processori intel. Piu grandi pesanti di quelli arm,,, l’errore é di microsoft che per non scontentare intel ha affossato windows rt che poteva far concorrenza a android. Intel credo che dopo anni da padrona é indietro,, vende i baytrail pur se buoni quasi in perdita perche i x86 per i tablet non sono competitivi

  • Drak69

    tablet windows dai 300 in su…tablet android dai 20 euro in su…cosa puo preferire la massa che compra i mediacom a 59,90 all’ipermercato? xD suvvia questi sono articoli un po da fanboy, comprendo che sul sito “tuttoandroid” si debba essere contenti dei risultati ottenuti dal sistema operativo del robottino, ma dire stupidaggini per avvalorare le proprie tesi non è giusto nei confronti di chi legge. Cosi si crea l’ignoranza. Io vi seguo perche uso android, ma uso anche windows e mi informo su entrambi.

    • Umberto M-Hunter Parodi

      Io nell’articolo nn ci leggo nessun parere personale, ma solo una notizia riportata. Intel si è accorta ke i tablet windows nn vendono e decide di puntare di piu su android (probabilmente quella del prezzo è la ragione più valida), è un dato di fatto, nn un parere da fanboy…boh…

      • allexander

        non centra molto il prezzo secondo me. l’ambiente desktop di win 8 su un tablet è scomodo e poco ottimizato, la moder ui è molto meglio però se uno vuole un tab win 8 non cerca la modern ui ma usare programmi x86(exe) in mobilita cosa che non puo fare android

        • Umberto M-Hunter Parodi

          Il problema di fondo è un altro i effetti…windows phone nn tira come android o iPad…personalmente se dovessi cambiare tablet prenderei un windows…

      • Drak69

        Non sarebbe stato un articolo di parte se ad esempio “l’utenza ha preferito i tablet con Android” fosse stato scritto “l’utenza ha preferito i piu economici tablet con Android” :D Ci sono persone che non sanno cosa sia android ios o windows…ma tutti sanno cosa sono i soldi e i tablet. Per loro al momento dell’acquisto non fa differenza uno snapdragon 800 o un atom….non fa differenza android o windows…la differenza è 59,90 e 299,90 ;) Poi il discorso apple è tutt’altro argomento.

    • Microsoft stessa ha ammesso a fine dello scorso anno che i tablet con Win8 sono stati un flop epico, perdendoci tra l’altro poco meno di un miliardo di dollari sugli investimenti fatti quindi direi che questo articolo è tutt’altro che da fanboy e riporta la realtà dei fatti.

      • Drak69

        l’unico flop è stato windows rt, il resto ha venduto tranquillamente ma non quantita industriali perche si parla di cifre ben piu alte rispetto ai tab android che te li danno con la pasta

    • Giusto per completezza: ho fondato TuttoWindowsPhone.net.

  • Pingback: Intel scommette su Android (e non su Windows) per i tablet | RSS News.it()

Top