HTC guarda alla fascia bassa per guadagnare quote di mercato

HTC-low-devices

HTC e la fascia bassa sono come Red e Toby: amici-nemici. Dopo altalenanti e variegate affermazioni sul fatto che HTC non avrebbe “mai più prodotto smartphone di fascia bassa” – reiterate, tra l’altro, più e più volte – sembra che finalmente qualche manager si sia reso conto che la fascia bassa è proprio la base che vende.

È inevitabile approcciarsi a questa notizia con un po’ di bieco sarcasmo, ma pare che finalmente vedremo la compagnia di Taiwan concentrarsi su dispositivi dal costo accessibile e nella fascia intorno ai 150€ in open market.

Il direttore finanziario di HTC ha affermato che “stiamo guardando verso [fasce di] prodotto più ampie in questo trimestre… ambiamo a volumi più alti nel 2014 che daranno maggiori profitti.” È curioso che queste dichiarazioni arrivino poco dopo la presentazione dei risultati finanziari di Samsung dove si è evidenziato proprio che è la fascia bassa a trainare.

Gli errori di HTC sono innumerevoli, ma sicuramente lanciare smartphone di fascia bassa decisamente non all’altezza né del nome che della concorrenza (chi ha detto HTC WildFire?) senza nemmeno pubblicizzarli adeguatamente è stato uno dei più gravi. Speriamo che finalmente la società capitanata da Peter Chou abbia scoperto la formula giusta per sfornare smartphone di qualità (come ci ha abituato finora) con un giusto prezzo. Il mondo occidentale guarda sempre più alle fasce economiche e secondo e terzo mondo possono permettersi solo quelle, dunque qualunque sforzo in questo senso non potrà che premiare una società in difficoltà. Siamo con te, HTC.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: HTC guarda alla fascia bassa per guadagnare quote di mercato … | Gueb – Comparatore di prezzi online()

  • land 110

    ma non erano quelli che dicevano che avrebbero abbandonato i pezzentoni della fascia bassa ??????
    loro dovevano fare solo TOP DI GAMMA
    certo che il mercato li ha puniti
    bastardoni dopo che avete abbandonato i device degli anni passati
    in un secondo penso proprio che faticherei anche a prendere un fascia bassa
    htc
    bella lezione di umiltà vi é stata recapitata dalla vita
    htc barbona

  • Luca

    Visto ormai la presenza del Play Device in quasi tutti i mercati più remunerativi, se fossi in tutti i produttori inizierei a capire che difficilmente la gente comprerà altri terminali a quelle cifre folli, non c’è bisogno di creare terminali di fasce media o bassa, basta abbassare i prezzi dei cellulari e la gente correrà a comprali

    • Matteo Santoro

      Beh.. quanta gente conosce dell’esistenza del Play Device?? Quanta gente sa che N5 nonostante costi la metà di un S4 e meno della metà di un iPhone (prezzi di listino) ha un hardware indubbiamente superiore così come la qualità generale?? Alla fine con l’apertura del Play Device hanno agevolato solo noi Geek, l’utente medio continuerà a spendere 700 euro per un telefono senza problemi.. In ogni caso trovo che la “strategia” di HTC sia vincente.. Anche se non è una strategia.. E’ stato stupido non vendere Devices di fascia bassa fino ad ora.. Basti considerare che se WP è abbastanza diffuso in Italia è solo grazie al Lumia 520, cioè un device a basso costo che molti si possono permettere di comprare.

      • Alessandro G

        Hardware superiore (escluso il comparto fotografico) non significa telefono piu’ performante.. e poi ad essere sincero, la qualità dei materiali di un N5 è misera rispetto ad un iphone o un HTC one. sono validi telefoni nel software con un hardware adeguato al sistema che ci gira sopra. tutto qui. per il resto mi trovi d’accordo.

        • land 110

          tutte cagate fossero fatti in argento
          per quel che mi riguarda l alluminio fa cagare
          poi,troppo vetro significa solo che sono piu delicati
          in ogni caso
          sono due mondi che ho abbandonato perche fallimentari in tutto
          samsung fara anche cagare ma meno di questi due
          resta il fatto che non sono ferrari sti due telefoni l anno prossimo avremmo un salto generazionale
          con nuovi schermi nuovi processori e nuove batterie
          tutto migliore e i vostri iphone e one saranno abbandonati e cestinati dai produttori

          l’ n5 sopravvivra!!!

          e questi cambieranno modelli per sopravvivere

          • drumbo

            quante cagate…..

        • Matteo Santoro

          Hardware superiore non vuol dire più performante, certo.. Ma continuiamo col discorso di prima: questo lo sappiamo io, te e quelli che si informano, per conquistare il pubblico vince chi ce l’ha più grosso. E in ogni caso ricorda che parliamo di un Nexus, il device android per eccellenza in fluidità. Poi concordo, N5 in quanto ha costruzione è un obbrobrio rispetto a N4 e a capolavori come One e iPhone. Resta anche il fatto che se magari N4 l’anno scorso si distingueva dalla concorrenza per la sua fluidità, almeno quest’anno N5 ha degni rivali come One e Z1 (iPhone è sempre stato fluidissimo)… Ma per il rapporto qualità prezzo.. Beh, non si discute: è almeno un centinaio di gradini avanti! Però purtroppo la gente paga 700 euro per un nome, non per un device (che vale di gran lunga di meno) e continuerà a farlo: PlayStore o no i Nexus non credo che ritaglieranno mai una buona fetta di mercato in Italia (in altri paesi forse un po’ di più).. Tanto se l’anno scorso qualcuno voleva N4 riusciva comunque a prenderlo da PlayStore stranieri.. La mia conclusione è che il Play Device aperto in Italia agevola solo noi, il resto della popolazione se ne sbatte altamente.

Top