Intel Atom mostra i muscoli nei benchmark

Medfield-Vellamo

Intel vorrebbe tanto riappropriarsi del mercato smartphone e MID che un tempo era di suo esclusivo appannaggio: l’avvento delle soluzioni ARM di maggiore potenza e capacità elaborativa, assieme ad una scarsa innovazione di Intel nel settore, ha decretato l’espulsione di fatto di Chipzilla dal mercato. Precedentemente, l’azienda di Santa Clara utilizzava per i propri processori mobile una architettura RISC totalmente differente dalla ben più nota architettura x86. Il nuovo tentativo di entrare nel mercato mobile è però effettuato proprio con l’ausilio della suddetta architettura CISC, “castrata” e portata a livelli di consumo bassissimi. Intel vuole mostrare al mondo la potenza della sua architettura, e ci sta riuscendo.

L’Atom Z2460 è il primo processore della piattaforma Medfield a trovare impiego negli smartphone, e pur avendo un solo core riesce a sottomettere buona parte della concorrenza. Tramite TalkAndroid apprendiamo che Caschys Blog è riuscito a mettere le mani su un prodotto con processore Intel e a effettuare dei benchmark. Il benchmark Vellamo è stato creato da Qualcomm per testare undici aree e valutare le prestazioni di un browser mobile. Il risultato combinato delle undici aree dà vita ad un punteggio unico che è possibile utilizzare per confrontare differenti dispositivi.

Come potete vedere dalla foto, l’Atom batte molti avversari “illustri” come il Galaxy Nexus e il Galaxy Tab 10.1. Solo il Transformer Prime e lo Xiaomi Mi-One Plus riescono a tenere testa alla creatura di Intel. Il secondo benchmark, invece, è BrowserMark di Rightware: questo benchmark misura l’abilità di uno smartphone di effettuare il rendering di JavaScript e HTML. In questo benchmark, il Medfield ha battuto iPhone 4S, seppur di poco (89180 punti contro 87801). Per dare un’idea, il Samsung Galaxy Tab 7 di prima generazione dà un risultato di 24’076, mentre il mio PC (Linux Mint 12 su Core i7 950 con 6GB di RAM) dà un risultato di 564’560.

Intel è riuscita nel suo intento di creare una piattaforma hardware molto potente, ma i dubbi rimangono circa i consumi: sarà Atom in grado di rivaleggiare con ARM anche in questo campo? In ogni caso, i benchmark non sono tutto: attendiamo di poter toccare con mano un prodotto con Intel Atom prima di esprimere un giudizio definitivo su questo prodotto.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • “Chipzilla”? Prendiamo i termini di The Register? XD

  • Minkiux

    Non per fare quello che ce l’ha più lungo, ma il mio Galaxy Tab 7, con ICS 4.03, Google Chrome, OC 1.4 GHz, ha appena realizzato un punteggio browsermark di 81886…..
    Questo per dire che anche il software sul quale si esegue browsermark conta tantissimo…

    • Trudtilp

      Se è per questo io ho eseguito Browsermark sul mio pc (Linux Mint 11 su Core i7 740 con 6GB di RAM) con tre browser differenti (Firefox, Opera e Chrome) ottenendo 3 risultati differenti. Opera e Chrome quasi simili. Firefox ha dato un valore osceno!
      Direi che come test conta un po pochino. Poi il mio GS2 ha dato un valore molto vicino a quello del procio Intel nel benchmark di Vellamo.

Top