Energous WattUp: la ricarica wireless fino a 4 metri di distanza

wattup

La ricarica wireless è già realtà per un gran numero di device Android e non solo, tuttavia i metodi di implementazione adottati finora non rappresentano una reale comodità per l’utente. Nonostante la mancanza di fili, lo smartphone deve comunque essere appoggiato sul caricatore e non può venir spostato durante il processo di ricarica.

La compagnia statunitense Energous potrebbe ben presto cambiare le carte in tavola con l’implementazione di un sistema di wireless charging avanzato, denominato WattUp. Il funzionamento è presto detto (a grandi linee, i dettagli tecnici non sono stati diffusi): un apparecchio trasmettitore emette delle onde (lasciateci passare il termine) le quali vengono recepite dal chip integrato sullo smartphone avviando il processo di ricarica.

Come potete notare nel video esemplificativo mostrato di seguito, le apparecchiature riescono a funzionare fino ad una distanza di 15 piedi, ovvero circa 4.5 metri. L’attivazione e la disattivazione viene gestita con l’aiuto di un’app dedicata.

Nei progetti dell’azienda WattUp dovrebbe rivoluzionare l’intero panorama tecnologico attuale. Staremo a vedere se da queste premesse scaturirà qualcosa di utile o se, viceversa, i rischi per la salute si riveleranno troppo elevati.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Energous WattUp potrebbe sbarcare sul mercato già nel 2016 - Tutto Android()

  • Gigi

    Stupendamente assurdo, si prospetta l’inizio di una rivoluzione.

  • Erminio Ottone

    Da quello che ho capito ora manca solo la messa a punto della stoffa per fabbricare mutande in filo di piombo da dare un omaggio al carica batteria… Anche perché senza quelle, mi sa che i testicoli non durerebbero molto

  • MaxArt

    L’idea di base è vecchia quanto Tesla, ma finora si è sempre trascurata per via dell’alta inefficienza del sistema.

    • Apocalysse

      Peccato che il principio di funzionamento è stato scoperto nel 2002 …. Piantatela di addebitare a Tesla invenzioni che manco ha ipotizzato come se fosse il salvatore della Terra con l’energia.

      • MaxArt

        No, ho detto in maniera corretta: l’idea *di base* (cioè la “trasmissione di elettricità” a distanza) è di Tesla. Niente di sbagliato qui.

        • Apocalysse

          Giusto, allora chi ha inventato il primo carro ha in realtà inventato l’automobile visto che l’idea base è quella.

          • MaxArt

            Scusa, e chi ha parlato di “invenzioni”?
            E in ogni caso mi pare improbabile che chi ha inventato il carro lo immaginasse con propulsione interna. Fa’ paragaoni più calzanti.

            Il *principio* alla base di WattUp è la creazione di una differenza di potenziale tramite l’uso di microantenne sul ricevitore. Ma anche questa è una teoria vecchia non quanto Tesla ma quanto la *radio* (cioè più o meno lo stesso, Marconi usò diversi brevetti di Tesla).
            La *fattibilità* della cosa non era certo alla portata di Tesla o Marconi.

            Non è comunque l’unica strada tentata di recente per la trasmissione di energia a distanza. Un’altra si basa sulla risonanza magnetica nucleare, ma anche questo è un principio vecchio, degli anni ’40. Quindi non so a cosa ti riferisca che il principio è del 2002.

          • Apocalysse

            Chi ha inventato il carro si immaginava 4 ruote che venissero mosse da un qualcosa, a quei tempi erano animali, quindi è calzante ^^

            Il principio è “Induction Magnetic Resonance”, la risonanza magnetica tra 2 avvolgimenti che avviene ad una frequenza precisa in base al numero di spire

          • Non so quando e da chi l’induzione tramite risonanza magnetica sia stata scoperta, ma di certo Tesla la conosceva dato che la famosa “spira di Tesla” (Tesla coil) si basa proprio su questo principio. Peraltro, nella pagina Wikipedia (lo so, non è affidabile al 100%) si parla proprio di Tesla come scopritore: http://en.wikipedia.org/wiki/Resonant_inductive_coupling#History

  • danitkd93

    se non ci fossero rischi per la salute e avrebbe una buona resa sarebbe un must have!!

    • LoL

      Avrebbe?

      must have?

      OMFG!

      • u

        Un must avrebb

      • danitkd93

        corretto la prima, ma must have non ha nulla di sbagliato. forse al posto di perde tempo a fa il professorino di sto caz.zo potresti andar a studiare un pò di inglese.

    • LoL

      Era semplicemente per enfatizzare il fatto che usi termini non in lingua italiana, quando non sai nemmeno scrivere nella stessa.

      Calm down, and study more…

      • danitkd93

        e te non hai ancora capito come rispondere correttamente a un commento piuttosto che a un altro a quanto pare. Eppure non ti vengo a rompere con commenti inutili.

Top