AMD guarda al futuro con i processi produttivi a 16nm, 14nm e 10nm

amd-k12-01_t

L’incedere inesorabile dello sviluppo di nuove tecniche di produzione dei processori e, in generale, dei chip basati su silicio è alla base di molti dei miglioramenti prestazionali e di consumo che tocchiamo con mano tutti i giorni sui nostri dispositivi. AMD, secondo produttore per volume di vendita di CPU x86 e preso produttore di processori ARM per il mondo mobile, guarda al futuro con i processi produttivi a 16nm, 14nm e 10nm.

Sono ormai anni che AMD non naviga in buone acque e non riesce ad ottenere risultati soddisfacenti con le vendite; tuttavia, un accordo stretto con Synopsys dovrebbe darle un po’ di sollievo e permetterle di risparmiare intorno ai 450 milioni di dollari l’anno. Come? AMD e Synopsys si sono accordate per scambiarsi alcune proprietà intellettuali relative a interfacce di memoria, librerie logiche e tecnologie di produzione, con alcuni ingegneri di AMD che si trasferiranno in Synopsys per continuare il lavoro che finora hanno svolto nella casa di Sunnyvale.

AMD ha quindi meno flessibilità perché dipende da Synopsys per queste tecnologie, ma ha costi minori e può portare sul mercato i prodotti in anticipo grazie alle ricerche svolte da Synopsys. I minori costi che dovrà sopportare possono essere reinvestiti in ricerca e sviluppo e, magari, anche in marketing – che male non può fare, viste le vendite basse di AMD.

Se AMD riuscisse ad arrivare sul mercato con prodotti sia x86 che ARM fabbricati con processi produttivi avanzati potrebbe avere un vantaggio sulla concorrenza che potrebbe spendere per uscire dal dissesto finanziario e creare prodotti in grado da un lato di farle acquisire una buona posizione nell’affollato mercato ARM e, dall’altro, di recuperare terreno su Intel nel mercato x86.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • MaxArt

    Mi ricordo quando AMD era riuscita a mettere in grossa crisi Intel 10-15 anni fa. Erano stati davvero anni di grande innovazione tecnologica e CPU valide a prezzi abbordabili.

    Ma AMD non è mai riuscita né a monetizzare efficacemente il vantaggio tecnologico, né a sormontare gli ostacoli commerciali posti da Intel (e per la quale è stata anche multata – di due spiccoli, relativamente parlando).

    In passato AMD ha navigato in acque anche peggiori, andando avanti solo con la produzione di memorie flash ai tempi del K5. Poi ha saputo risollevarsi, per fortuna.

    Ora sono tempi diversi, c’è da vedere. Se non altro ha dalla sua una vagonata di proprietà intellettuali, oltre che un ottimo caposaldo commerciale e tecnologico come la ex ATi, nonché la fornitura esclusiva di processori per X360, XBOne e PS4.

Top