L’FBI preoccupato della crittografia predefinita di Android L e iOS 8

fbi

Solo la settimana scorsa, Apple ha dichiarato che con il nuovo iOS 8, grazie ad una crittografia avanzata, sarà impossibile per chiunque voglia poter accedere al dispositivo. Anche Google, con il nuovo Android L, abbandonerà la crittografia facoltativa per renderla invece predefinita: nemmeno Google dovrebbe avere gli strumenti in grado di sbloccarla.

Con la parola chiunque, infatti, intendevo proprio tutti: e non solo le aziende, ma anche le forze dell’ordine, che utilizzano questi sistemi per recuperare prove che magari sono contenute nel device dell’indagato. Questi sistemi di crittografia, precisiamo, riguarderanno solamente i dati contenuti nella memoria del device, e non ad esempio quelli salvati su cloud.

Queste novità hanno messo in allarme addirittura l’FBI, che tramite il suo direttore James Comey, si è dichiarato preoccupato per questi smartphone non controllabili dalle forze dell’ordine. Ciò che preoccupa Comey, è come le aziende stanno pubblicizzando le nuove funzionalità utili a porsi al di là della legge.

Tim Cook di Apple ha dichiarato come le persone abbiano il diritto alla privacy, e che questo argomento sarà un tema chiave per il prossimo anno. Ron Amadeo, avverte invece gli utilizzatori di Android, avvisandoli di come Google possa reimpostare la sequenza di sblocco del dispositivo in favore delle forze dell’ordine, e consiglia quindi di utilizzare PIN o password.

Fateci sapere la vostra opinione con un commento qui sotto. Ritenete sia giusto che i dati interni al vostro dispositivo restino inaccessibili?

Via

 

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • dado

    Meglio la privacy o le prove per trovare in criminale? Senza dubbio la seconda…

    • Simone Erle

      Sono daccordo con te. Capisco che la privacy sia importante. Ma le forze dell’ordine devono avere la possibilità di recuperare dati utili. Ovviamente nei limiti della legge. Non che entrino così per sfizio e per farsi gli affari defli altri

      • Apocalysse

        Infatti del caso Yara sappiamo quante volte ha scopato l’indagato con la moglie, ma ancora non sappiamo se è valido il test del DNA.
        Privacy e nostri inquirenti … Credici :D

        • Simone Erle

          Il tuo nome è tutto un programma. Controllando il telefono uno può anche sapere dove ti trovavi in un certo orario.

          • Apocalysse

            Non serve certamente il telefono per quello.

    • iFonz

      “Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza” Benjamin Franklin

  • dinozzo123

    si sono d accordo i miei dati devo vederli solo io bene apple

Top