Google vuole ottenere la registrazione del marchio “Glass”

Google-Glass-Italia

Stando alle ultime indiscrezioni provenienti dagli Stati Uniti, Google negli scorsi mesi avrebbe tentato di ottenere la registrazione del marchio “Glass”, termine sempre più associato dagli utenti agli occhiali super-tecnologici lanciati sia dallo stesso colosso di Mountain View che da altre aziende.

Pare, tuttavia, che l’Ufficio Brevetti statunitense abbia negato tale possibilità al produttore, ritenendo questa parola troppo simile a quelle utilizzate già in altri brevetti (con evidenti rischi di generare confusione) e costringendolo, così, a ripiegare su “Google Glass”.

A dire della commissione che ha esaminato la richiesta di Google, vi sarebbero alcune parole di uso molto comune che non è possibile registrare come marchi e Glass è proprio uno di questi termini.

Il tentativo del colosso di Mountain View ha inoltre incontrato una forte opposizione da parte di diverse aziende concorrenti, preoccupate dalla possibilità che a seguito della concessione di un tale marchio derivi l’obbligo di modificare il nome dei propri prodotti.

Google si rassegnerà o proverà ancora a registrare il marchio “Glass”? Staremo a vedere.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • iBacco

    Sono dei plasticoni. Li prenderò in considerazione solo se ne faranno una versione di ghisa.

  • Theo

    Se non ricordo male (e se è ancora così) in Italia non si possono ottenere i diritti su parole comuni proprio per evitare queste cose. Purtroppo in USA se hai i soldi puoi permetterti tutto, anche di comprarti una parola che sta per vetro, occhiali e bicchiere

    • Roberto Tosi

      Concordo ed inoltre ricordiamoci che qualcuno in USA aveva brevettato il “rettangolo con angoli arrotondati” .

    • Roberto Tosi

      Concordo ed inoltre ricordiamoci che qualcuno in USA aveva brevettato il “rettangolo con angoli arrotondati” .

Top