Google: in futuro avremo il riconoscimento vocale per ogni cosa

google-now-speak-620x387

Scott Huffman è un ingegnere che lavora in Google, in particolare è Senior Engineering Director. Sappiamo che spesso alcuni esponenti di spicco a Mountain View rilasciano delle interviste che riportiamo puntualmente in articoli dedicati, ed oggi non si fa eccezione. Quest’oggi, infatti, Huffman rilascia un’intervista al Guardian dove dice la sua su come sarà il futuro dei dispositivi mobile e cosa ci aspetta dagli smartphone. Secondo Huffman, gli smartphone attuali saranno solamente un reperto archeologico, in quanto in futuro non ci sarà bisogno di un display poichè non si avrà la necessità di interagire fisicamente con un dispositivo, ma tutto funzionerà attraverso il riconoscimento vocale. Tutto quello che dovremmo fare, potremmo farlo grazie ai soli comandi vocali:

Stiamo pensando ad un futuro in cui abbiamo una grande varietà di dispositivi. Adesso abbiamo un super computer nelle nostre tasche, ma anche uno nel nostro orologio, uno nei nostri occhiali, potremmo averne uno nella giacca così come abbiamo il nostro laptop. Alcuni di questi dispositivi hanno un display e una tastiera, ma altri no, e stiamo assistendo ad una forte crescita del numero di persone che interagisce con il proprio dispositivo attraverso il riconoscimento vocale.

Il numero a cui si riferisce Huffman è relativo al 3% della popolazione americana che ogni giorno utilizza i comandi vocali sul proprio dispositivo, mentre circa la metà dei consumatori USA possiede un dispositivo che è provvisto di questa funzionalità. Di questi utenti, circa i 2/3 non sanno neanche che il proprio smartphone è dotato di comandi vocali. Tutto quindi è ancora da scoprire, sia da parte di Google che da parte degli utenti, ma naturalmente un futuro del genere dovrà essere regolamentato a dovere.

Si avranno infatti molti problemi relativi alla privacy che dovranno essere risolti, dato che tutti sapranno cosa stanno facendo tutti in quel preciso momento e si potranno fornire involontariamente delle informazioni magari personali che andrebbero tenute private.

Vedremo Google quale soluzione darà a questo che oggi è visto come un grosso problema.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Gabriele Bariselli

    Io personalmente penso che parlare con il telefono sia inutile se non si è impossibilitati perché alla guida di un veicolo o se si han handicap fisici…
    Tutti abbiamo 10 dita e la tastiera qwerty è ormai indispensabile per qualsiasi cosa…
    Io sinceramente vedere mio padre che ha 50 anni (fissato con tecnologia) parlare alla TV come se fosse una persona mi fa Ridere parecchio…
    Io sono pro nei confronti dello sviluppo… Ma sempre se è utile e non inutile!! Io preferisco scrivere con la tastiera piuttosto che parlare al mio telefonino… Poi non so voi…

  • GLIVEX

    speriamo che si possano fare domande libere e ricevere risposte o aprire applicazioni in modo rapido sul cell

  • Myzhar

    Sinceramente? Sono un amante della tecnologia. Campo a pane e Computer da quando avevo 7 anni (sono un vecchietto di 36 anni), ma proprio non riesco a parlare a un dispositivo elettronico. Sì, mi capita di farlo in auto per non usare le mani… ma tutte le volte mi sento totalmente SCEMO…

    • Giancarlo Coni

      Ciao Myzhar, sono un vecchietto di quasi 57 anni, e come inizio avrei voluto nascere chattando su msn con mia madre ahahah, ho usato e comprato di tutto, dalle consolle ai famosi e da me mai dimenticati Comodore Vic 20, 64, Amiga ecc., primi pc passando da dos fino a ora, contento possessore dell’ ultimo nexus 5. Come te mi sentirei totalmente scemo a parlare a um dispositivo elettronico, ma devo anche ammettere che forse e una delle poche volte che a sentirmi scemo non mi imbarazzerebbe ahahahaah.

Top