Google e diritto all’oblio: ecco come rimuoversi dai risultati di ricerca

diritto oblio

Da ieri su giornali e TV l’espressione “diritto all’oblio” è diventata piuttosto comune: il merito va ad una sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea che ha stabilito che i cittadini possono pretendere che il proprio nome non venga associato dai motori di ricerca a risultati ritenuti ” inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati”.

Ebbene, Google ha deciso di adeguarsi piuttosto rapidamente alla decisione presa dalle autorità comunitarie, pubblicando un’apposita pagina Web (la trovate seguendo questo link) attraverso la quale chi lo desidera può provare ad esercitare il proprio diritto all’oblio.

Il sistema studiato dal colosso di Mountain View non è però automatico: una volta inseriti i dati dagli utenti, questi saranno valutati caso per caso  e solo dopo verrà presa la decisione se rimuovere i link desiderati o lasciare tutto così com’è per tutelare l’interesse all’informazione pubblica (“Durante la valutazione della richiesta stabiliremo se i risultati includono informazioni obsolete sull’utente e se le informazioni sono di interesse pubblico, ad esempio se riguardano frodi finanziarie, negligenza professionale, condanne penali o la condotta pubblica di funzionari statali.”).

Il dibattito, in sostanza, è ancora aperto e probabilmente lo resterà per molto tempo. Basti pensare che nel solo primo giorno le richieste di cancellazione dei propri dati piovute addosso a Google sono state oltre 12.000, il che renderà molto complicata al team incaricato la valutazione dei vari profili per stabilire quali accontentare e quali no.

Diritto all’oblio o tutela all’informazione dell’interesse pubblico?

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: L'Unione Europea vuole che il "diritto all'oblio" venga applicato da Google a livello globale - Tutto Android()

  • Morgan

    devi fornire una copia della carta d’identità con foto???? non è che cosi vogliono sapere chi siamo? Ma non esiste ;D

  • mariocco

    Google, facebook, twitter, g+, instagram e via dicendo: i diritti e la privacy se ne sono andati a quel paese da anni ormai!!!
    questa è solo una goccia nel mare…

  • MaxArt

    Questa decisione della Commissione Europea è stata molto criticata.
    Sostanzialmente, anziché forzare la rimozione del contenuto indesiderato dai server che li ospitano (cosa che, del resto, è già possibile), si preferisce la scorciatoia di impedire che si arrivi facilmente al suddetto contenuto indesiderato tramite motori di ricerca.

    Forse è più facile per gli utenti (certi contenuti potrebbero essere stati abbandonati), ma in linea di massima non è un procedimento a mio avviso corretto, e potrebbe invece suggerire una linea d’azione sbagliata.

    Senza contare che i link diretti funzionerebbero comunque.

    • DaViDe

      Ci sono tanti aspetti da valutare e in effetti la strada che hanno scelto di seguire è probabilmente la più semplice.

      E’ anche vero che Google gestisce i motori di ricerca e può solo rimuovere i link dai risultati. La tutela di privacy e la rimozione dei contenuti dai server sono argomenti su cui si dibatte già da anni e sui quali difficilmente si troverà una politica comune da seguire

  • Pingback: Google e diritto all’oblio: ecco come rimuoversi dai risultati di ricerca - RSS News.it()

Top