Teardown Google+ 4.6: in arrivo le schede celebrità, i sondaggi e altro

gooooooooooooogle

Non sono trascorsi nemmeno tre giorni dal rilascio dell’aggiornamento 4.6 di Google+ ed è già tempo di teardown, attraverso il quale possiamo dare uno sguardo a qualche altra novità che presto verrà aggiunta.

Presto gli utenti Google+ potranno seguire le celebrità e gli account popolari in modo ancora più semplice, poiché gli verranno proposte delle schede con un gruppo di celebrità, o account di persone popolari, con cose in comune fra di loro, con tanto di titolo in alto a descrizione della categoria.

In arrivo c’è anche il supporto alle notifiche attraverso lo smartwatch Android Wear, in stile Gmail. L’ultima novità scovata non arriva a sorpresa, poiché ce l’aspettavamo in seguito all’acquisizione di Polar. Google+ introdurrà presto i sondaggi, i quali supporteranno diversi layout e serviranno per coinvolgere maggiormente il pubblico.

Le descrizioni saranno limitate ad un massimo di 40 caratteri e le opzioni da votare potranno essere aggiunte oppure rimosse anche dopo la pubblicazione del sondaggio. Le preferenze scelte dagli utenti, infine, non saranno anonime e i sondaggi potranno offrire delle limitazioni, in modo da impedire a chiunque di votare. Queste novità saranno implementate con i futuri aggiornamenti.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Io utilizzo quotidianamente le Gapps e quindi anche Google+, ma a mio parere non riuscirà mai a sfondare se non dopo un profondo rinnovamento. La gente utilizza facebook perchè semplice e intuitivo, Google+ ha troppe finestre nascoste o menù non visibili a primo impatto, insomma potrebbe risultare poco intuitivo per i meno pratici. Se Google volesse veramente migliorare il suo prodotto, dovrebbe chiedere agli utenti perchè non lo usano, ma forse google stesso non crede in questo progetto…

Top