The Maze, un rotolante puzzle game gratuito per Android

The Maze

Al rientro delle vacanze, vi presentammo il secondo capitolo di Labyrinth, il noto gioco arrivato nel lontano 2009. Si tratta di una versione moderna del buon vecchio gioco in cui la pallina doveva rotolare in determinate posti senza finire in delle trappole.

Quasi sicuramente, il gioco che vogliamo presentare questa sera prende ispirazione proprio da questo titolo, stiamo parlando di The Maze. L’app è scaricabile gratuitamente da Google Play e vi permetterà di ritrovare alcune delle caratteristiche di Labyrinth.

The Maze

Gameplay

Anche in quest’avventura dovrete divenire dei perfetti piloti: ci sarà bisogno di comandare un’auto da corsa? No, una sfera d’acciaio. Come ricorderete, anche in Labyrinth la protagonista era una pallina di ferro che doveva rotolare su un piano. Lo scopo di The Maze, dunque, è molto simile a quello del vecchio game, ma allo stesso tempo ci sono alcune differenze evidenti.

The Maze (2)

Per prima cosa lo scenario sarà del tutto diverso e, soprattutto, la visibilità non sarà la stessa. L’intero schermo risulterà oscurato e solo una piccola porzione che circonda la sfera sarà illuminata. Rotolando lungo il percorso, dunque, non avrete una visione completa dello stage, quindi dovrete prestare la massima attenzione.

The Maze (2)

L’obiettivo principale è quello di conquistare delle particolari maschere posizionate lungo il tragitto, ma per riuscire a raggiungerle dovrete cercare di evitare le tante trappole. La prima difficoltà è rappresentata dal trovare la strada giusta: a causa dell’oscurità e del percorso insidioso, un vero e proprio labirinto, trovare i corridoi giusti sarà davvero un’impresa difficile.

The Maze (2)

La pallina di ferro, avrà come obiettivo non solo quello di conquistare tutte le maschere, ma dovrà anche trovare il “portale” d’uscita. Dopo aver conquistato gli oggetti, dunque, la missione non sarà terminata ma dovrete raggiungere il passaggio per accedere ad un nuovo livello.

The Maze (2)

Come vi abbiamo detto, ci saranno delle trappole che cercheranno di bloccare l’avanzata della sfera di acciaio. I buchi saranno i maggiori pericoli: queste fosse terrose risucchieranno la sfera e la faranno tornare al punto di partenza.

The Maze (2)

Inoltre, oltre ad essi dovrete prestare attenzione alle punte che spunteranno dal pavimento e ad altri pericoli particolari. Ad esempio, ci saranno delle mattonelle che faranno attivare delle trappole come quella che restringerà ancora di più la visuale.

The Maze (2)

Il sistema di controllo non poteva non basarsi sull’accelerometro del device Android. Ci sarà bisogno di inclinare il dispositivo per far muovere la pallina, ma dovrete compiere dei movimenti molto lenti per non far correre eccessivamente la sfera di acciaio.

The Maze (2)

Grafica e suoni

La grafica di The Maze si discosta totalmente da quella di Labyrinth. Mentre quest’ultima risultava chiara, quella di questo gioco è scura e misteriosa. I livelli vengono suddivisi, per ora, in due capitoli che sfoggiano una propria ambientazione. Nel primo vi troverete su delle mattonelle scure (come se fosse un castello antico), mentre nel secondo sarete trasportati in degli scenari ghiacciati. Per quanto riguarda la musica, troverete solo una leggerissima musica di sottofondo.

Conclusione

Se amate i giochi che vi permettono di sfruttare l’accelerometro del vostro device, allora The Maze è il game perfetto. Se, invece, preferite dei controlli diversi, forse il titolo potrebbe non riuscire a conquistarvi. Qui sotto trovate il link, per scaricarlo gratuitamente da Google Play, ed il video del gioco.

[app]com.mpisoft.themaze&hl=it[/app]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

Top