Editoriale: Windows Phone, io l’avevo detto

Lasciatemelo dire: io l’avevo detto. E avevo ragione. Non è mia intenzione autocelebrarmi e perdermi in un monologo tanto narcisistico ed egocentrico quanto inutile. Voglio solo mettere il proverbiale puntino sulla i, perchè sono stato attaccato da più parti quando in realtà avevo espresso una posizione rivelatasi poi veritiera con l’annuncio di Windows Phone 8.

Il segnale di una frammentazione da parte di Microsoft del suo ecosistema Windows Phone era partito quando era stata rilasciata la build per il Nokia Lumia 610: contrariamente a tutti gli altri produttori, Nokia ha voluto scendere molto con la fascia di prezzo e ha creato un dispositivo con appena 256MB di RAM, ovvero esattamente metà di quanto normalmente consentito sui Windows Phone (512MB). Cosa significa questo? Se io penso un sistema operativo avendo in mente una piattaforma con un certo quantitativo di RAM, farò in modo da far operare il sistema in un certo modo – ovvero lascerò a disposizione delle applicazioni una certa quantità di RAM, avrò un certo spazio di swap, una certa gestione della memoria virtuale e così via. Nel momento in cui dimezzo la RAM, questo si rivela un castello di carte su un tavolo senza una gamba su una nave che naviga in un mare in tempesta. Ovvero, devo ripensare tutto.

Ed infatti Microsoft ha dovuto creare una versione apposita di Windows Phone per il Lumia 610, poichè una versione normale non avrebbe mai potuto funzionare. Ciò ha portato a dei compromessi in termini di multitasking, di applicazioni che possono girare e così via. Insomma: un Lumia 610 non è un Windows Phone come gli altri. E gli sviluppatori lo sanno, tanto che Rovio dovrà sfornare una versione apposita di Angry Birds e Microsoft dovrà ripensare la sua applicazione per Skype (che, contrariamente a quanto certi avevano affermato, è sviluppata da Microsoft). Questi sono solo alcuni esempi.

E qui arriva la nota dolente: Windows Phone è frammentato. E non siamo ancora arrivati alla parte più bella! Perchè Microsoft ha da sempre puntato il dito contro Android e contro Google affermando che Android ha un grosso problema con la frammentazione e che Google dovrebbe fare di tutto per evitarla mantenendo la compatibilità tra le versioni. Parole giustissime e sacrosante, che però presuppongono un comportamento diverso da parte di Microsoft. È pur sempre Microsoft, però, dunque non ha un comportamento diverso.

Con l’annuncio di Windows Phone 8 è stato annunciato non solo che gli attuali smartphone non saranno aggiornabili, ma che addirittura non potranno utilizzare le applicazioni per WP8. Insomma, frammentazione a mille. Se Microsoft fosse stata zitta e non avesse detto nulla sulla frammentazione allora non ci sarebbe nulla da dire. Il problema è che ha fatto una gran caciara, e ora fa la figura dell’idiota (com’è giusto che sia).

Ciò non toglie che sia WP7 che WP siano dei gran bei prodotti – e sul secondo ne sono convinto a priori senza mai averci messo mano, visto il predecessore. Come sempre, però, il problema è uno solo: è Microsoft. Ottimi prodotti, ma gestione più che pessima.

 

Un editoriale è un articolo che rispecchia la visione di un singolo autore su un dato argomento.  È quindi un punto di vista personale valido come un altro.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Microsoft non ha sviluppato Skype per Windows Phone, ma se ti diverte puoi continuare a scriverlo nei tuoi articoli, io a contestarti ^^

  • pier luigisilvi

    Io non la definirei frammentazione… WP8 sarà un nuovo OS, come WP7 lo è stato rispetto al vecchio windows mobile. Che la scelta non sia delle migliori perché delude chi ha comprato ora un WP7 non ci piove. Stupida M$ e ancor di più Nokia, che già è in cattive acque ed ha ben pensato di deludere ancora i suoi clienti.
    Ma quello che capita nel mondo android è ben altra cosa. Ci sono mille risoluzioni di display diverse per mille device diversi, processori, gpu, ram. E sopra ogni altra cosa c’è la libertà che google ha lasciato alle case di modificare android e metterci sopra le proprie interfacce.
    Gli aggiornamenti di WP7 sono disponibili molto più rapidamente di quanto non lo sono ne mai lo saranno quelli di android, dove dopo 10 mesi dall’uscita di ICS meno del 10% dei terminali ha questa versione… ed è già uscita una nuova release.
    I terminali android non vengono aggiornati non certo perché non hanno hardware a sufficenza.
    Colpa delle case costruttrici? per me la colpa è di google. Le regole le ha fatte lei. Senza lungimiranza direi.
    Io ho un GS2. Bel terminale. Potente. Soddisfatto? Poco. Se mai dovessi scegliere di prendere un altro terminale android nel mio prossimo cambio cell, prenderò un Nexus o quello che sarà il cell google ufficiale.
    Android è solo quello.
    Tutto il resto è un marasma per smanettoni, che costa un sacco di soldi e che viene abbandonato a se stesso dopo pochi mesi. Prendi i soldi e scappa, ecco come mi sono sentito nei confronti del mio GS2. (Dico grazie ad xda, ma allora i soldi avrei dovuto darli a loro dal principio e non certo a Samsung…)
    Se WP8 non sarà compatibile con il 7 per un’architettura diversa, ciò non è vero per android, dove non ci sono scuse per i mancati aggiornamenti e i tempi biblici nei rari casi che gli aggiornamenti arrivano.

  • Da utente android (acer liquid) e wp7 non capisco tutte queste critiche verso quest’ultimo S.O.
    Il mio Omnia 7 in quanto a fluidità fa impallidire il liquid con un hw solo leggermente superiore(qsd 8250 1000mhz 512mb ram vs qsd 8250 768mhz 256mb di ram).
    Tanti diranno che è grazie alla pochezza di funzioni di WP7…ma io quello che faccio con il liquid riesco a farlo anche con l’omnia.
    ps. WP 7.8 permette l’esecuzione delle app di wp8, basta che queste non siano scritte in codice nativo!

    • Riccardo Robecchi

      Nessuno critica la bontà di WP7. Ho un LG Optimus 7 e anch’io apprezzo la fluidità. Se guardi, non ho criticato per niente l’OS – anzi – dunque non vedo il motivo d’essere del tuo commento da questo punto di vista.
      WP7.8 non permetterà l’esecuzione di applicazioni per WP8. Le applicazioni pensate per WP8 saranno solo in codice nativo. Viceversa, quelle pensate per essere compatibili con WP7 saranno scritte in .NET.
      Riguardo il confronto delle funzioni: con l’Omnia trasferisci file da Linux? No. Hai un file manager? No. Hai un indicatore della batteria preciso sulla home? No. Hai un toggle per le principali funzioni (WiFi, Bluetooth, ecc) direttamente dalla home? No. Hai i trasferimenti file da Bluetooth? No. Insomma, per quanto un buon sistema (ribadisco, lo uso anch’io e mi piace moltissimo), WP7 è davvero molto molto limitato.

  • con ios e android su questi livelli di eccellenza, a microsoft è rimasto poco spazio. dovrebbero valorizzare di più il loro cavallo di battaglia e renderlo totalmente operativo su tutti i futuri smartphone: OFFICE!!!
    così almeno l’utenza business comprerebbe un microsoft phone, contando sull’affidabilità della nokia.
    e ora di rilanciare il communicator ragazzi!!!

  • MaxArt

    E c’è di peggio.

    Il fatto è che Android è stato pensato per una moltitudine di dispositivi ed ha una filosofia che ben si adatta a questo sistema. Windows Phone 7 no.

    Non so cosa faranno con Windows Phone 8, comunque.

    • MaxArt

      Comunque annunciare già da ora che i terminali WP7 non potranno essere aggiornati a WP8 sa tanto di Osborne effect. E’ come dire che WP7 è morto: quale produttore si azzarderà mai a fare terminali WP7, adesso? Solo Nokia che viene foraggiata da Microsoft.

      E tanti saluti agli utenti e agli sviluppatori WP7.

      • Facevano più bella figura a dire: “Avete comprato un WP7? Bene, ora compratevi un WP8 perché se aggiorniamo i vecchi telefoni, Nokia rischia di fallire ancora di più!” :P

Top