Un Sony Xperia V ritrovato funzionante dopo essere stato 4 giorni perso in mare

sony-xperia-v-1

Incredibile ma tutto vero. Un Sony Xperia V di uno studente taiwanese che aveva perso il suo smartphone sulla spiaggia delle Isole Penghu, è stato ritrovato dopo essere stato perso per 4 giorni in mare. Non è ancora chiaro come l’utente possa essere stato avvisato del ritrovamento del dispositivo, fatto sta che il suo Sony Xperia V è perfettamente funzionante anche se probabilmente non potrà più effettuare “immersioni”.

Il Sony Xperia V di questo fortunato/sfortunato studente è sopravvissuto all’acqua salata per ben 4 giorni, nonostante l’indicatore del livello di impermeabilità dello smartphone sia completamente giunto a fine corsa. Il dispositivo, che è provvisto come Xperia Z di certificazioni IP55 ed IP57, al momento dello smarrimento in acqua stava registrando un video, che ha continuato a registrare ancora per molto tempo sott’acqua. Lo studente, poi, quando successivamente ha ritrovato il suo smartphone, ha estratto circa 30 minuti del video registrato dal dispositivo in balia delle onde.

Di seguito abbiamo postato il video della registrazione effettuata con il Sony Xperia V sott’acqua. Chi lo guarda ed ascolta con le cuffie, afferma che la qualità dell’audio registrata e gli effetti che si sentono sono assolutamente eccezionali.

Questo, invece, il video del ritrovamento.

Morale della favola: Sony realizza smartphone estremamente impermeabili, nonchè validi sotto il profilo delle performance.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Max

    Good try sony…

  • TraceX

    Mi sembra strano che dopo 4 giorni l’abbia ritrovato, come avete scritto nell’articolo d’altronde

Top