Smartphone che si ricarica da solo? Forse…

Non è affatto una provocazione quella che è stata scritta come frase di titolo dell’articolo, ma è la pura e semplice verità. Infatti, un ricercatore è riuscito nell’intento di creare un prototipo di display che incorpora al suo interno delle celle solari, le quali praticamente ricaricano il cellulare ogni qual volta si è in presenza di luce.

Questo prototipo è stato creato dal ricercatore Arman Ahnood, il quale ha sfruttato un display OLED per inserirgli delle celle in grado di catturare energia proveniente dalla luce esterna. Mentre oggi il display di un dispositivo consuma il 100% di tutta la luminosità che emette, il prototipo di Arman Ahnood permette di catturare la luce con un’efficienza che va dall’11% al 18%. Tutto questo si traduce in circa 5 milliwatt di potenza in più su un dispositivo avente un display da 3,7 pollici.

Facendo delle semplici proporzioni, un display delle dimensioni del Galaxy Nexus permetterebbe di recuperare circa 6,3 milliwatt, mentre uno delle dimensioni del GS2 circa 5,8 milliwatt. In termini di durata della batteria, si stima che su un display simile a quello del Galaxy Nexus, il recupero di energia possa essere pari a circa 1-2 ore di autonomia. Nulla di eccezionale per ora, il nuovo prototipo non fa ancora miracoli, ma se esso venisse sviluppato ulteriormente e finanziato come si deve, molto probabilmente potrà dare una mano pesante alla durata della batteria.

Sicuramente è un primo passo verso smartphone più evoluti tecnologicamente (non solo a livello di caratteristiche hardware) e che possono offrire più durata. Ricordiamo ancora che Samsung, proprio pochi giorni fa, ha annunciato che quest’anno inizierà a produrre smartphone che potranno offrire un’autonomia finalmente soddisfacente. E siamo sono all’inizio…

[Via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Andrea “Bruno” Brunato

    si ma io il telefono lo tengo in tasca, se devo tenerlo rivolto alla luce del sole per farlo funzionare di più è scomodissimo. Può essere utile in qualche caso di emergenza ma non pagherei di più un telefono solo perchè incorpora questa cosa.

  • lover707

    Ragazzi volete un consiglio da un esperto del settore?
    Compratevi una o 2 batterie da ebay.
    NON FATE LA CAZZATA DI COMPRARE LA BATTERIA NEI NEGOZI DELLA VOSTRA CITTA’!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    CI RIMETTERESTE LE PENNE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    da ebay la pagate anche forse piu’ della metà.
    Io ne ho prese 3 e non ho problemi……appena si consuma una …metto l’altra.
    Ho sempre il telefono al massimo durante la giornata.
    Quindi, siccome lo so….siete tutti innervositi….per la scarsa durata della batteria, SEGUITE IL MIO CONSIGLIO!
    e compratevi pure un caricabatteria da muro!
    Se volete ascoltarmi, non ve ne pentirete, altrimenti, se siete ricchi, andate nei centri TIM, WIND e VODAFONE, ma non tutti avranno la vostra batteria e se ce l’avranno ve la venderanno a peso d’oro!
    COMPRATEVELA DA EBAY!!!!!!
    Vostro
    LOVER707

    • Anonimo

      ehm.. si ok è risaputo tranquillo

    • Daniele Santi

      sei un genio

      • archivi della luce

        [ZEUS News – 18-07-2002]

        Si chiama FreeCharge ed è il nuovo caricabatterie manuale lanciato in questi giorni da Motorola. Si tratta di uno strumento in grado di generare una fonte di energia inesauribile per i nostri telefonini, visto che in realtà sfrutta l’energia cinetica da noi generata.

        Per chi fino ad oggi ha limitato l’utilizzo del telefonino in casi estremi, da oggi la reperibilità non sarà più un problema: basta inserire il telefono e girare la manovella. Tenete presente che approssimativamente 45 secondi di rotazione consentono 4-5 minuti di tempo di conversazione e parecchie ore standby.

        Attualmente questo sistema include l’apposito connettore HotPod; prossimamente saranno disponibili nuovi connettori per permettere una compatibilità maggiore.

  • Anonimo

    Riprendendo i soliti discorsi, Tesla già 80 anni fa sapeva come ricavare energia elettrica “dal nulla”… la tecnologia la hanno ma tra ricaricare miliardi di smartphone dalla presa o dal sole beh, a qualcuno i conti in tasca poi non tornano più :-)

    • Creare l’energia elettrica dal nulla?

    • tesla

      mi sto rivoltando nella tomba X-D

    • Dare270

      Hai scoperto l’acqua calda!

  • Alex

    1-2 ore di autonomia se si lascia il telefono appoggiato su una finestra colpita direttamente da luce solare per tutta la giornata.
    A quel punto lo attacco alla corrente e in 2 ore ho il 100% di carica e altre 20 ore tranquille di autonomia, rovinando anche meno la batteria.
    Non è certo per caso che Nokia ha abbandonato l’idea…

    • Anonimo

      Hai ragione, queste cose, almeno per ora, servono solo a far scrivere qualche articolo.
      Non abbiamo tecnologie decenti per i pannelli solari che mettiamo sui tetti, figuratevi se possiamo usarli negli smartphone.
      Ne dovrà passare di acqua sotto i ponti…

    • Anonimo

      è comunque importante sapere queste cose a titolo personale per essere acculturati sull’argomento e per essere preparati a quello che ci attende in futuro :)

    • È giusto un inizio, queste cose hanno ancora bisogno di tempo per la commercializzazione.
      L’energia che può dare una cella solare è quella che è, cioè molto poca. Ma è sempre qualcosa, e chissà che in futuro non ne serva davvero di meno per far andare il cellulare.
      Nel frattempo si saranno fatti progressi nel campo degli accumulatori, per renderli meno suscettibili ai meccanismi di continua carica/scarica.
      Tra 10 anni potrebbe essere un nuovo standard per i dispositivi mobile.

  • Anonimo

    ci avevo pensato anch’io a qualcosa di simile, teoricamente si potrebbero sfruttare anche le onde delle reti wifi, 3g ecc… ma già questo è un buon passo avanti, aspettiamo che la ricerca faccia il suo corso :)

    • Marco83

      yes, fuck me yes

Top