Lanciata su Indiegogo una raccolta fondi in favore di @evleaks

@evleaks

La notizia del ritiro di @evleaks è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Non avremmo mai pensato che, un giorno, il re dei leaker potesse decidere di concludere la sua avventura e invece ciò è successo. Il nostro dispiacere però non è legato solo a ciò per cui è diventato famoso, ma anche, e soprattutto, per le motivazioni che l’hanno spinto a prendere questa decisione.

@evleaks, o meglio Evan Blass, è malato di sclerosi multipla e il lavoro di leaker gli permetteva di lavorare direttamente da casa e di guadagnare il necessario per vivere e per pagarsi le cure. Tuttavia, a causa anche di ADBlock, i guadagni attraverso gli annunci pubblicitari e le sponsorizzazioni sono diventati insufficienti per lui e così ha deciso di smettere e di cercare un’altra professione. Evan si è raccontato, più o meno in linea generale, nella nostra intervista di qualche settimana fa, che vi invitiamo a leggere qualora vogliate conoscerlo meglio.

Adesso siamo qui a raccontarvi tutto questo perché è stata lanciata una raccolta fondi su Indiegogo in favore di Evan, che mira a raggiungere l’obiettivo di 100.000 $, denaro che potrà usare per pagare le sue costose cure. Sono già stati raccolti oltre 3.000 $, ma al termine della raccolta mancano ancora oltre 30 giorni e perciò speriamo che l’obiettivo venga raggiunto. Potete contribuire voi stessi visitando la pagina di Indiegogo raggiungibile mediante il link qui sotto.

Link: Indiegogo

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Conoscendo Indiegogo sarà la solita truffa.. Poi si può offrire o 500$ (sold out) oppure 1500$.. Giustamente, se ho 1500$ in mano penso a donarli, senza che mi torni nulla in cambio, piuttosto che magari prendere i Google Glass.

    Io non dico che Evan non abbia bisogno di soldi, ma non è l’unico. Oltretutto non vedo di buon occhio il lavoro di Evleaks, ma forse perché sono uno a cui piace aspettare il giorno della presentazione per scoprire un device.

Top