Tethering e hotspot su Android: come funzionano e come usarli su tutte le reti

Tethering-hotspot-Android

Una delle funzionalità più comode ed utili quando si possiede più di un dispositivo è sicuramente la possibilità di poter condividere la connessione ad Internet dal proprio smartphone. È possibile fare questo sia tramite la funzione tethering (via Bluetooth o via USB) sia tramite la funzione hotspot. Nel primo caso abbiamo una condivisione con un singolo dispositivo tramite Bluetooth o USB; nel secondo caso il telefono si trasforma in un hotspot (o punto di accesso) che può far connettere fino a 5 terminali tramite WiFi. Ma come funzionano su Android tethering e hotspot?

In buona sostanza, il dispositivo Android si trasforma in un router NAT che raccoglie le richieste dei client e le inoltra ai vari server utilizzando il proprio indirizzo IP. In questo senso, dunque, il servizio è opaco per l’operatore telefonico perché non ci sono i mezzi tecnici per capire se ad usufruire della connessione sia direttamente lo smartphone (o il tablet) oppure se sia un dispositivo connesso in tethering o con hotspot. Fino ad Android 4.1 il sistema non comunicava alcunché all’operatore ed era possibile utilizzare il tethering sempre e comunque, anche quando il contratto non prevedeva esplicitamente questa possibilità.

A partire da Android 4.1.2, invece, il sistema utilizza un meccanismo che permette all’operatore di sapere che avete attivato l’opzione hotspot/tethering e che, quindi, state usufruendo della connessione anche su altri dispositivi. La maggior parte degli operatori non prevede malus per questo (esempi: TIM, H3G/Tre, Wind), ma alcuni fanno invece pagare per usufruire dell’opzione (Vodafone). Andiamo a vedere come si comporta quindi il dispositivo per informare l’operatore dell’utilizzo della condivisione della connessione.

Come ben spiegato da Daniel Pocock, Android ha due dispositivi di rete, rmnet_usb0 e rmnet_usb1:

shell@android:/ # ip route
0.0.0.0/1 dev tun0  scope link
default via 100.66.150.89 dev rmnet_usb0
83.224.66.138 via 100.87.31.214 dev rmnet_usb1
83.224.70.94 via 100.87.31.214 dev rmnet_usb1
100.66.150.88/30 dev rmnet_usb0  proto kernel  scope link  src 100.66.150.90
100.66.150.89 dev rmnet_usb0  scope link
100.87.31.212/30 dev rmnet_usb1  proto kernel  scope link  src 100.87.31.213
100.87.31.214 dev rmnet_usb1  scope link
128.0.0.0/1 dev tun0  scope link
192.168.42.0/24 dev rndis0  proto kernel  scope link  src 192.168.42.129

Controllando la tabella degli indirizzi del telefono, si scopre che esiste una tabella apposita per il tehering:

shell@android:/ # ip rule show
0:      from all lookup local
32765:  from 192.168.42.0/24 lookup 60
32766:  from all lookup main
32767:  from all lookup default

Guardando questa tabella, ci si accorge che tutto il traffico di tethering e hotspot viene reindirizzato verso il dispositivo di rete rmnet_usb1.

shell@android:/ # ip route show table 60
default via 100.87.51.57 dev rmnet_usb1
100.87.51.57 dev rmnet_usb1
192.168.42.0/24 dev rndis0  scope link

È proprio questo l’inghippo che permette agli operatori di sapere che sì, state condividendo la connessione con altri dispositivi.

Per Google questa è una funzionalità, perché rende Android più controllabile dagli operatori e meno indigesto. Di fatto, per gli utenti è un bug. Il vecchio adagio it’s not a bug, it’s a feature ben si applica a questo caso.

Essendo, però, una funzionalità che non tutti vogliono sul proprio smartphone, qualcuno ha trovato il modo per disattivarla.

Disclaimer: i contenuti qui esposti sono a solo scopo informativo e divulgativo. TuttoAndroid declina ogni e qualunque responsabilità per un eventuale utilizzo da parte dell’utenza di questo materiale per aggirare clausole del proprio contratto telefonico che impediscono la condivisione della connessione dal proprio terminale mobile.

Oltre a vari metodi che richiedono l’accesso con root, esiste un modo piuttosto pratico e veloce per modificare il comportamento di Android con il tethering. Richiede che abbiate abilitato il debug USB, configurato ADB sul vostro computer e un cavo USB. Trovate tutte le informazioni sul metodo seguendo il link qui sotto.

Link | Tethering e hotspot WiFi su Android

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Ewangelo

    Ciao, scusate come è possibile che io con Nexus 5 abbia gia come APN mobile.vodafone.it? non ho mai seguito la procedura @dodicix:disqus

    • dodicix

      E’ normale che se usi una SIM Vodafone, tu abbia impostato l’APN mobile.vodafone.it … Quel che ho scritto nellla “mia” (ma in realtà non lo è, mia!) procedura, serve solo per poter ottenere di NON pagare il sovrapprezzo chiesto da Vodafone per ogni connessione al Tethering entro le 24 ore con 500 MBytes di utilizzo, ottenuto bypassando l’APN che attiva tale extra-costo. Devi verificare di NON avere un APN che punti a: web.omnitel.it e solo se ce l’hai, seguire la “mia” procedura. :-)

  • Pingback: Hotspot e thering su Android | Tech News()

  • Matteo

    Ragazzi io ho un problema con il tethering del mio Galaxy Tab 2 10.1: attivo il tethering, mi connetto con il computer e dopo un po smette di funzionare (anche se la connessione del Tab funziona benissimo) e sono costretto a spegnere il tethering e riattivarlo. Ho provato a fare un wipe cache e dalvik ma niente. Ora ho la CM11 ma me lo faceva anche con un’ altra rom stock based. Consigli? Vi ringrazio!

  • helmut

    Funziona anche con operatore diverso da vodafone?io ho tim su nexus 4 senza root

    • “La maggior parte degli operatori non prevede malus per questo (esempi: TIM, H3G/Tre, Wind), ma alcuni fanno invece pagare per usufruire dell’opzione (Vodafone).”

      • helmut

        Nella mia tariffa c’é scritto che ho 2 giga da utilizzare su telefono ma non come modem,per cui io ci sono dentro,per questo volevo sapere se la procedura era per altri operatori che non fossero vodafone

        • Con TIM il tethering e l’hotspot funzionano senza bisogno di modificare nulla.

  • cappius

    Di seguito i passaggi per cancellare definitivamente il profilo “ tethering Vodafone“:

    -selezionare il profilo con APN web.omnitel.it;

    -selezionare*nome*e inserire uno 0;

    -selezionare* APN *ed inserire uno 0;

    -selezionare*MCC*ed inserire tre 0;

    -selezionare*MNC*ed inserire due 0.

    Ora premete il pulsante per tornare indietro e il profilo non sarà più presente!
    Io ho fatto cosi e navigo da qualche mese col notebook utilizzando il cell come modem

    Funziona sia col mio S4 kitkat che con il mio tablet android 4.1

  • Potresti riportare la procedura anche sul forum, nella discussione linkata? Grazie!

    • dodicix

      Mi sono appena iscritto. Appena trovo la discussione sul Forum, incollo questa procedura… :-)

      • Grazie mille!

        • dodicix

          Potreste togliermi dall’attesa della moderazione? Ho solo aggiunto una riga molto importante, ma ancora non appare il post e nel frattempo altri lo copiano. Non che ne abbia diritti d’autore, però… mi faceva piacere vederlo pubblicato. Grazie.

          • Non mi ero proprio accorto che fosse in moderazione! Ora è visibile :)

  • dodicix

    Procedura ancora più semplice, trovata in rete e funzionante.
    NON richiede permessi di Root.

    Andare nella configurazione dei profili di rete mobile (APN):
    -selezionare il profilo con APN web.omnitel.it;
    -selezionare nome e inserire uno 0
    -selezionare APN ed inserire uno 0
    -selezionare MCC ed inserire tre 0
    -selezionare MNC ed inserire due 0
    Ora premete il pulsante per tornare indietro e il profilo non sarà più presente!

    Il Tethering da ora in poi (fino a un Reset ai valori di Fabbrica del dispositivo) sarà abilitato e passante per l’APN dei Dati (mobile.vodafone.it).
    La procedura va ripetuta d’accapo dopo ogni Reset.

  • Umberto Sulla

    Strano, ho provato a verificare sul mio galaxy s4 kitkat e il valore restituito è 0… quindi non comunica nulla ad operatore…
    Strano perché io non ho mai fatto nulla per disattivare la comunicazione.

    • Può essere una impostazione di Samsung. Purtroppo non ho un dispositivo Samsung sotto mano per verificare al momento.

  • ale

    Ah alla fine ecco come fanno a vederlo, me lo sono sempre chiesto…
    Però penso che se uno sa come si crea una nat sotto linux il procedimento sia uguale anche su android alla fine quindi si aggira facilmente

    • Vero, ma solitamente sono necessari i permessi di root e, per questo motivo, tanti non possono o non vogliono intervenire.

  • Luigiantonio Calò

    Veramente un ottimo articolo! Bravi e bravo Riccardo Robecchi! :)

  • Jack86

    sono fortunato ad essere tre! cmq un mio amico ha provato con vodafone su android 2.3.6 e non ha pagato niente, poi lo ha provato sul iphone e mi pare che gli hanno scalato 2 euro o qlcsa del genere nn sn sicuro della cifra pero ha pagato

    • Emanuele

      Confermo che su 2.3.x non ho problemi ma sono su un dispositivo “no brand” quindi immagino che siano sbloccati se non legati ad un operatore.

    • Enibe

      se non si toglie il punto di accesso web di solito accede con quello e con vodafone di solito scala 5€

    • Come riportato nell’articolo, il problema sorge da Android 4.1.2 in poi. Le versioni precedenti (fino ad Android 4.1.1) non hanno questo problema.
      Vodafone fa pagare 4€ per ogni giorno in cui si usa il tethering. In pratica, una volta attivato si pagano 4€ e si può navigare in tethering fino alla mezzanotte.

  • Jack86

    sulla cyanogen mi pare che sia sempre sbloccato di default

    • robroberto89

      quindi posso navigare tranquillamente con vodafone e cyanogen di default? o per evitare costi aggiuntivi tocca fare qualcosa?

      • Felle

        la Vodafone genera una punto di accesso ad hoc per il tethering che usa web.omnitel.it (che non e’ incluso nelle offerte consumer) e vengono presi 4 euro e rotti al giorno

        cambiando il punto di accesso a mobile.vodafone.it si aggira il problema (trick che funziona su Moto G non brandizzato)

        • Jack86

          come con tim per la sim sulla chiavetta che bisogna cambiare da wap.tim.it a ibox.tim

    • Cyanogen eredita questo problema nella sua forma ufficiale. Nelle ROM Cyanogen non ufficiali è possibile che sia stato eliminato.

  • Pingback: Tethering e hotspot su Android: come funzionano e come usarli su tutte le reti | RSS News.it()

Top