Rilasciato il codice GPL di Honeycomb 3.2

Come è tristemente noto, Google ha deciso di non rilasciare pubblicamente i sorgenti di Android Honeycomb. La decisione è stata presa per la non maturità del codice e per evitare che le comunità (come ad esempio XDA) potessero effettuare dei porting su telefono nonostante l’alta controindicazione dell’operazione: interfaccia non ottimizzata per schermi piccoli, mancanza di programmi adatti, e così via. Le critiche sono subito sorte: essendo Android un sistema operativo open source derivato da Linux, la licenza GPL del kernel fa sì che Google ha l’obbligo di rilasciare i sorgenti. Finora non s’era visto molto, ma Google ha rilasciato sul sito dell’Android Open Source Project il codice sorgente di quelle parti con licenza GPL ed LGPL all’interno di Android 3.2. Ovviamente non si tratta dell’intero codice sorgente dell’ultima versione di Honeycomb, ma è un segnale positivo proveniente da Mountain View che ci fa capire che non hanno intenzione di dimenticarsi totalmente della licenza. Ciò non toglie che la scelta di non rilasciare l’intero codice sorgente è da condannare e mina la libertà del codice che Android vanta e che lo distingue da altre realtà mobile.

[Via phandroid.com]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • daimon

    dannata Google Inc. E' il male minore ma rimane un grosso male. Ci vorrebbe meego mannaggia, per ora possiamo solo supportare il meno peggio.

    Dannata google!

  • Pingback: Rilasciato il codice GPL di Honeycomb 3.2 | _INFORMARMI Titles Directory()

  • LuLi

    @dioniso: Non si tratta di bambini che piangono, si tratta che la licenza con cui è ditribuito quel codice che loro hanno con molta comodità usato HA DELLE REGOLE!

    Non pubblicare il codice sorgente di un programma sotto GPL è una VIOLAZIONE della licenza, possono essere portati in tribunale. Ma tanto loro sono Google… possono fare quello che vogliono.

    Per fortuna, dopo un bel pò di pressioni si sono degnati di rispettare le regole.

  • mick

    Se il codice non è "maturo" fanno bene a non rilasciarlo…
    Se avessero rilasciato il sorgente com'era già avresti tablet con interfacce personalizzate su un SO non definitivo…
    Almeno arginano la tanto discussa frammentazione e quando sarà pronto gli sviluppatori che avranno aspettato avranno le basi adatte per implementare.

  • dioniso

    fa bene google a non accontentare i bimbiminkia che piangono se non hanno il loro giochino, google fai quello che devi fare, produci un prodotto ottimo come ci hai sempre abituati e poi puoi tranquillamente rilasciare il codice.

  • MaxArt

    Aspettate un attimo, non mi risulta che Google abbia detto "non pubblicheremo MAI il codice di Honeycomb", ma solo "non lo pubblichiamo ORA".
    Per la precisione, lo pubblicheranno solo quando l'avranno unito con Gingerbread in Ice Cream Sandwich, più avanti quest'anno.

Top