Recensione Samsung Galaxy Note 4

galaxy-note-4

La serie Note di Samsung è arrivata alla quarta edizione con il Samsung Galaxy Note 4. Il nuovo phablet della casa coreana arriva sul mercato con poche idee nuove rispetto allo scorso anno, ma con hardware davvero al top che gli permettono, come sempre, prestazioni elevatissime ed una durata della batteria molto soddisfacente. Il tutto viene sommato ad un telaio in alluminio molto simile al Samsung Galaxy Alpha che gli dona quel senso di pregio in più che lo fa apparire ancor più un dispositivo di fascia alta quale è.

Vediamolo più nel dettaglio con la nostra recensione di Samsung Galaxy Note 4, ringraziando EvolutionServiceStore che ci ha gentilmente procurato il sample in prova.

Video recensione di Samsung Galaxy Note 4

Hardware & Ergonomia

Il Samsung Galaxy Note 4 si differenzia subito dalla line-up degli smartphone Samsung grazie al telaio in alluminio: i bordi, infatti, assomigliano molto a quelli del Galaxy Alpha, essendo interamente realizzati in alluminio (compresi i pulsanti di accensione/spegnimento e di regolazione del volume). L’alluminio, tuttavia, non è così vistoso, perché è stato ricoperto di una colorazione bluastra che lo rende invisibile alla vista e fa sì che sia possibile rendersi conto del materiale impiegato solo al tatto.

Il telaio in alluminio, il fronte in vetro leggermente curvo ai lati e la cover ben fissata sul retro conferiscono al dispositivo una buona robustezza ed una buona ergonomia, seppur nei limiti delle dimensioni di 153.5 x 78.6 x 8.5 mm. Il peso risulta abbastanza contenuto in rapporto alle dimensioni complessive, essendo pari a 176 grammi. Il processore varia in base alla versione dello smartphone, ma per quella italiana ed europea è previsto il Qualcomm Snapdragon 805 quad-core che opera a 2.7 GHz, in accoppiata con 3GB di memoria RAM e 32 o 64GB di memoria interna espandibile attraverso scheda MicroSD.

Sul fronte il display misura 5.7 pollici di diagonale e ha risoluzione 2560×1440. Nel comparto audio invece, che completa il lato multimediale dello smartphone, troviamo un singolo altoparlante posizionato nella classica posizione posteriore dello smartphone.

Samsung Galaxy Note 4 è dotato di due fotocamere: una principale, posta sul lato posteriore, che sfrutta un sensore Sony da 16 megapixel, ed una frontale con sensore da 3.7 megapixel.
La connettività dello smartphone risulta essere poi molto completa e non si fa mancare proprio nulla: LTE Cat6 (300Mbps), WiFi a/b/g/n/ac MIMO, Bluetooth 4.1, IR Blaster, A-GPS, GLONASS, Baidu, micro-USB 2.0, NFC, MHL 3.0 e jack audio da 3,5 mm.

Ultime, ma non per minore importanza, sono la presenza del sensore per rilevare le impronte che permette sbloccare lo smartphone semplicemente trascinando il dito sul tasto home, la presenza del sensore per rilevare il battito cardiaco e la batteria da 3220 mAh.

Nel complesso è un comparto hardware completo e ben strutturato che offre su (quasi) tutti i fronti un’esperienza coinvolgente.

note-4-retro

Display, Audio & Multimedia

Il display di Samsung Galaxy Note 4 è un pannello Super AMOLED da 5.7 pollici di diagonale. Il pannello gode di una definizione molto elevata: con questo dispositivo Samsung ha deciso di andare oltre il Full-HD ed ha raggiunto il cosiddetto “2K”, ovvero 2560 x 1440 pixel (da cui deriva l’abbreviazione “2K”: “k” sta per “1000” e, infatti, ci sono più di 2000 pixel sul lato lungo!). Si tratta di un display molto definito, con colori brillanti, neri perfetti e bianchi molto accesi – insomma, come da tipicità Samsung, si tratta di un ottimo schermo che permette una ottimo angolo di visuale e una buona visibilità sotto al sole.

I colori sono sovra-saturati e appaiono quindi estremamente vividi e brillanti; questo può risultare piacevole in alcune situazioni (es. giochi), ma risulta invece molto meno utile e piacevole se si vogliono, ad esempio, scattare o visualizzare foto: i colori risultano totalmente falsati rispetto all’originale.

Quando la luce del sole colpisce direttamente lo smartphone, questo lo percepisce tramite il sensore di luminosità, e tende a saturare maggiormente i colori per permetterci di vederlo chiaramente. Questa funzionalità non è una novità di questo modello, poiché è già presente sui recenti smartphone Samsung.

Nel comparto audio, invece, abbiamo solamente un altoparlante posizionato sul retro, nell’ormai classico angolo in basso a sinistra. L’altoparlante rientra nella media in quanto a volume e qualità di riproduzione; spesso si tende a coprirlo quando lo smartphone è tenuto in orizzontale (ad esempio quando lo si poggia su un piano) con il risultato che il volume ne risente parecchio. Questo porta, ad esempio, ad una minore udibilità quando il telefono squilla. Insomma, su questo fronte Samsung poteva fare di più.

note-4-display

Fotocamera

Dal Samsung Galaxy S5 la compagnia coreana ha trovato una sua qualità fotografica al di sotto della quale ancora non è scesa. Anche con questo Samsung Galaxy Note 4 infatti, grazie alla fotocamera da ben 16 megapixel, si riesce a scattare delle buone fotografie con colori reali e ben messe a fuoco. Inoltre, caratteristica decisamente importante, abbiamo finalmente uno stabilizzatore ottico oltre alla possibilità di registrare video fino alla risoluzione 4k.

Anche la fotocamera frontale non è stata tralasciata più di tanto, abbiamo la possibilità infatti di registrare video fino alla risoluzione di 2k.

Batteria & Autonomia

La serie Note di Samsung è sempre stata sinonimo di autonomia a lunga durata e anche questo modello non delude nonostante l’hardware più affamato di energia (soprattutto lo schermo). Sul Samsung Galaxy Note 4 troviamo una batteria da 3220 mAh che ci permette un utilizzo fino a sera assicurato. Staccando lo smartphone dalla corrente al mattino, infatti, arriveremo a sera con ancora un 15% di batteria con un utilizzo intenso, mentre con utilizzo più blando ci si arriverà con ancora un buon 40% di batteria residua.

Durante le nostre prove siamo riusciti a tenere acceso lo schermo per più di 4 ore e mezza durante la giornata prima di dover ricaricare lo smartphone. Si tratta di un risultato indubbiamente ottimo sotto tutti i punti di vista e che pone il Samsung Galaxy Note 4 tra gli smartphone con la più alta durata del 2014.

Il rapporto rapporto performance/autonomia appare decisamente ottimo, come d’altronde ci si aspettava da questo dispositivo.

note-4-frame

Software

Il sistema operativo preinstallato sul Samsung Galaxy Note 4 è Android 4.4.4 con interfaccia grafica Samsung TouchWiz. Si tratta della nuova interfaccia grafica di Samsung che già dal Samsung Galaxy S5 non presenta importanti lag o scatti e, anzi, funziona in modo fluido e reattivo.

Samsung pare quindi riuscita a risolvere i problemi di prestazioni che da sempre hanno afflitto i telefoni con la sua interfaccia proprietaria e propone quindi smartphone che risultano fluidi e senza incertezze anche sotto stress. Non si tratta di un aspetto da prendere alla leggera: i cali di prestazioni in molti modelli passati di smartphone Samsung erano anche importanti, ma paiono finalmente risolti con l’ultimo rilascio della TouchWiz. Anche all’interno del browser e del gaming il Galaxy Note 4 non si comporta affatto male, offrendo prestazioni da dispositivo di alta fascia e senza alcuna perdita di frame.

Fra le applicazioni pre-installate troviamo l’applicazione S Note che ci permette di dare spazio alla nostra creatività per mezzo della S-Pen, il pennino con tecnologia Wacom in dotazione con lo smartphone, creando immagini o più semplicemente prendendo appunti o scrivendo note. Non mancano poi applicazioni come il Lettore musicale, Video, Registratore Vocale, Galaxy Apps (contenitore di applicazioni suggerite da Samsung), Smart Remote per controllare la TV di casa o dispositivi per mezzo degli infrarossi, Flipboard per non perdersi le ultime notizie, Evernote, S voice e Album ritagli.

Particolari funzionalità del Samsung Galaxy Note 4 sono poi l’ormai classico multi-window, che ci permette di aprire contemporaneamente più applicazioni, ed il menu rapido della S-Pen che si apre premendo il pulsantino fisico posto sulla pennetta e avvicinandola allo schermo. Tra le funzioni che il menù della S Pen mette a disposizione troviamo un’opzione potremo accedere rapidamente alla scrittura su schermo (per prendere note sull’immagine mostrata sullo schermo), alle clip immagini (per ritagliare e copiare porzioni dello schermo), alla selezione intelligente (per ritagliare una parte di testo scritto a mano in modo che questa venga riconosciuta come testo o numero da chiamare) e al memo rapido (per prendere note al volo).

Nel complesso si tratta di un software molto completo per varie attività, compresa quella business o più classica da studente. Non ci sono, tuttavia, vere novità rispetto al modello lanciato un anno fa: le funzioni sono più o meno le stesse, con alcuni miglioramenti distribuiti qua e là ma senza quel passo in più rispetto al Note 3 che ci si aspettava.

software-note-4

In conclusione

Dopo quasi 4 anni dall’inizio della serie Note sembra che Samsung abbia esaurito le idee. Le differenze, soprattutto software, tra questo Galaxy Note 4 ed il Galaxy Note 3 sono irrisorie e non aggiungono niente di speciale, se non una interfaccia leggermente rinnovata che riprende in buona parte quella del Samsung Galaxy S5 e che risulta finalmente veloce e fluida.

Questo non vuol dire che non si tratti di un buon prodotto, anzi: la batteria permette un utilizzo intenso e prolungato dello smartphone, il display è definito e ben visibile, la fotocamera scatta ottime fotografie ed il processore con i 3GB di RAM permette un utilizzo fluido dello smartphone. Un ottimo prodotto, in sintesi, ma che non vale la pena acquistare a prezzo pieno soprattutto se per sostituire un Samsung Galaxy Note 3. Meglio aspettare che i prezzi scendano!

Ringraziamo EvolutionServiceStore che gentilmente ci ha offerto il sample oggetto della recensione e che lo vende a 599 euro.

VOTI

Ergonomia 7.2
Hardware 10
Materiali 8.5
Display 9.8
Fotocamera 9
Audio 8
Batteria 8.5
Software 9
Qualità/Prezzo 9
Esperienza utente 9
Voto Finale

9.2

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Samsung Galaxy Note 4 riceve le patch di sicurezza di novembre in Europa - Tutto Android()

  • Pingback: Samsung Galaxy Note 4 si aggiorna in Europa con le ultime patch di sicurezza - Tutto Android()

  • Pingback: Samsung rilascia le patch di sicurezza di settembre per i Galaxy Note 4 e Galaxy Note Edge europei - Tutto Android()

  • Pingback: La TWRP è disponibile per Lenovo Moto Z, Huawei Ascend Y550 e altri - Tutto Android()

  • Pingback: Samsung Galaxy Note 4 (N910C) riceve Marshmallow via OTA - Tutto Android()

  • Pingback: MediaWorld presenta un nuovo volantino per i suoi 25 anni - Tutto Android()

  • Pingback: Natale 2015, idee regalo: smartphone tra 350 e 500 euro - Tutto Android()

  • Pingback: Ecco un assaggio del Black Friday di MediaWorld - Tutto Android()

  • Pingback: Samsung Galaxy Note 4 a soli 599 € da Euronics! - Tutto Android()

  • Pingback: Recensione Nexus 6 - Tutto Android()

  • LG G2 <3

    Recensione così così si poteva dire di più almeno si quella scritta(non ho possibilità di vedere il video). Mio padre é passato da note 2 a note 4 e devo dire che la differenza sotto il profilo prestazionale dell’hardware in generale si vede eccome. La fotocamera batte quella del mio g2 e lo schermo é più luminoso e nitido anche se come colori preferisco quelli del mio lg. solo una cosa non mi ha fatto gridare al miracolo, ok che ho un g2 e lui aveva un note 2 , ma l’autonomia mi è sembrata peggiorata rispetto a questi due modelli anche se la giornata si copre tranquillamente. Non sono d’accordo col voto dell’hardware che dovrebbe essere 9.5 perché checchesenedica la resistenza a polveri e acqua avrebbe fatto comodo inoltre non viene citato che la porta usb3.0 manca. Infine l’ergonomia mi è sembrata almeno da 8 perché non è più scomodo di note 2 da tenere in mano. Ultima cosa mi è parso che i tasti accensione e volume siano troppo sensibili e facilmente premibili.

  • Aurelio

    Fantastico! se riesco a convincermi che nell’uso quotidiano non risulta troppo grande ed ingombrante lo prendo…non credo ci sia di meglio…

    • Packy Ricucci

      Non ci vuole molto ad abituarsi…io ero dell’idea che la serie note era troppo grande per i miei gusti!!ora posseggo uno splendido note 4 e devo dire che oltre a trovarmi da dio non tornerei mai indietro!s4 ad esempio lo trovo troppo piccolo!!

  • Packy Ricucci

    Ottimo terminale!ottimo schermo,ottima fotocamera e il più completo di tutti!per me il meglio che si possa trovare in campo mobile!!

    • allexander

      meglio opo soprattutto per prezzo e modding(mia opinione personale)

      • Packy Ricucci

        Per il prezzo sono d’accordo,ma per il modding non credo!l’unica limitazione sta nel knox ma nessuno vieta di rootare il note
        .è vero perderesti la garanzia ma questo è il 4 samsung che ho è non ne ho mai avuto bisogno.avevo s4 e dopo un anno gli ho scaricato i permessi di root e mi sono divertito col modding!ora ho il note 4 e sinceramente non ne ho sentito l’esigenza!per me è già perfetto così

  • Fabrizio68

    Anche nella sezione fotocamera un’inesatteza: La fotocamera può girare video fino alla risoluzione 4k (3840×2160) e non 2k.
    Io sono passato dal Note 2 al Note 4 la differenza in termini di prestazioni e qualità dello schermo è notevolissima. Lo Snapdragon 805 spinge il tutto senza alcun lag, mai.
    Prima di comprare il Note 4 ho provato l’iphone 6 plus e non mi ha dato la stessa impressione di fluidità, di agilità.

    • Leggi bene, quel punto si riferiva alla fotocamera frontale. Solo quella posteriore può registrare fino in 4k.

  • Domenico Cinalli

    Altro commento costruttivo: la risoluzione 2k nn si chiama 2k perchè sul “lato più lungo” ci sono 2000 pixel. Credo sia solo un modo per dire che è il doppio (in termini di pixel totali) del 1080 ( 1080 consideriamolo 1k). Altrimenti nn si spiegherebbe perchè il 4k ( 4 volte il 1080) ha una risoluzione di 3840×2160.

    • Invece si chiama 2K proprio perché sono più di 2000 pixel: 1920×1080 fa 2’073’600, mentre 2560×1440 fa 3’686’400 che non è il doppio (ma è quattro volte l’HD). Anche il 4K, in realtà, si chiama così per lo stesso motivo: inizialmente le specifiche prevedevano che ci fossero più di 4000 pixel sul lato lungo. ;)

      • Domenico Cinalli

        x me nn ha senso..cmq ok! ;)

  • Fabrizio68

    Devo segnalare un’inesattezza nella descrizione delle caratterische hardware: Il Note 4 supporta LTE Cat.6 (300Mbit) ovvero il cosidetto LTE-A (advanced)

    • Corretto grazie. Nel video chiarisco infatti che supporta la connettività 4G+ che ora Vodafone ad esempio permette a 225Mbps.

  • Diamen91

    ciao Mikhael, non voglio fare una critica ma solo un commento costruttivo…personalmente non mi piace questa recensione perchè non ho alcun interesse a vedere la tua faccia per più della metà del video, niente contro di te ovviamente ma il video è sul note 4 e vorrei vedere quello…inoltre suggerirei di aggiungere più illuminazione sul dispositivo perchè quando è inquadrato si vede poco…e infine ‘la ESSE pen’ non si può proprio sentire :/ è la ‘ES pen’…
    Come detto, non voglio criticare o offendere ma cerco di contribuire costruttivamente al vostro lavoro…per il resto vi seguo sempre da mesi e mi voglio complimentare con voi per tutto quello che fate! continuate così ;)

    • Ti ringrazio per le critiche costruttive, sono esattamente questi i commenti che cerchiamo per migliorarci e continuare ad offrire un servizio migliore e utile :-).

  • _Tua madre è leggenda_

    esteticamente è spettacolare, aspetterò la fine dell’anno scolastico per ricomprare un padellone del genere, cosi intanto ha tempo di svalutarsi!!!

  • il nazareno

    faccio una precisazione: album ritagli c’era già sul note 3

  • Jack

    Ma ancora chiamate smartphone queste padelle? :D

    • Io, ad esempio, odio il termine phablet. Anche se padella, è pur sempre uno smartphone. :P

      PS: poi, viste le ultime novità, ormai 5,5/7 pollici sono smartphone, i phablet sono dai 6 ai 6,99 pollici. xD

      • mikiblu

        anche io odio sta parola,e poi non è mica una specie di tablet,è solo una specia di telefono,quindi smartphone!

      • Jack

        smartphone? phablet?, tablet?, carret? :D
        Rimpiango il nokia 8210, cosi piccolo e stava addirittura nei calzini quando si girava d’estate in T-shirt!

        • mikiblu

          pensa che essendo cosi diversi, il rapporto del volume di un note 3 rispetto a un nokia 8210 è di 1.26

        • Io mi trovo bene con G3 :)

    • Giampi

      E’ Smart? Direi di si. Puo’ telefonare? Direi di si. Il nome mi sembra appropriato

    • mikiblu

      ma ancora polemica sulle padelle?

      • Jack

        Tra un po gireremo con un 8 pollici fra le mani!
        Tanto vale prendersi Ipad air

        • mikiblu

          chi ti obbliga a farlo?
          ormai lo smartphone “fa praticamente tutto” e per farlo al meglio servono schermi piu grandi,senza però essere piu voluminosi dei primi smartphone (io avevo il nokia7650 con uno schermo che sembrava gia grande era un 2.1″,eppure era piu voluminoso di un note3).
          quindi è una cosa naturale,con i 5.5./6 siamo al limite ok,ma finchè non arriverà qualcosa di nuovo a cambiare le carte in tavola,staremo su queste dimensioni

          • allexander

            per me 5″ è la dimensione limite per usarlo con una mano, inoltre per me ha poco senso per me che poi riducono le diagonali oppure che abbassino le app per usarlo ad una mano…tanto vale farlo più piccolo dall’inizio

          • mikiblu

            Io lo uso con 2 mani, anche perché se uso lo smartphone non ho anche necessità di pettinarmi nello stesso momento

Top