Qualcomm Snapdragon 1.5 Ghz in arrivo dal 4Q

Qualcomm ha presentato allo scorso Computex di Giugno 2010 i suoi nuovissimi processori Snapdragon QSD8672 con velocità di clock da ben 1.5Ghz.

Quelli da 1.2Ghz sono già stati inseriti in commercio e li vedremo sui primi dispositivi nell’Autunno prossimo, mentre oggi Mark Frankel ha affermato che i processori Snapdragon da 1.5Ghz inizieranno ad essere commercializzati a partire dal 4° trimestre del 2010.

HTC aveva comunque già annunciato nei mesi scorsi un certo HTC Scorpion che arriverà nel 2011 proprio con questo processore. Sarà quindi il 2011 un anno dove i processori nella “media” saranno quelli da 1.2 e 1.5 Ghz? Fino a che livello si spingerà poi Qualcomm?

[Via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Rino

    ..mi rendo contro, che di maestri c'è ne sono tanti in giro.
    Prima di creare processori potenti, assicuriamoci che addiamo addastanza energica per farli girare.
    In primis bisognerebbe creare batterie potenti, e per favore, non venitemi a dire che i nuovi processori sono meno dispendiosi di energia.
    Non vorrei ritrovarmi con un terminale potente, e con le mani bruciate..

  • dert86

    immaginiamo uno smartphone del 2015…sapete cosa potrà fare?

    TUTTO!!

  • pinello

    pippicalzelunghe non ti sei accorto di cosa sta succedendo? i portatili sono arrivati a potenze di calcolo mai immaginate prima, c'è chi ci fa anche videoediting o simili.

    L'utenza comune non ha bisogno di notebook con i7 e compra netbook o simili, quindi va in giro con un netbook e un cellulare… e se tra 4 anni non fosse più così? magari lo smartphone sostituirà le funzioni netbook.

    Quando misero il display a colori, o la prima fotocamera su un cellulare o ancora la possibilità di connettersi wap c'era tanta gente che la pensava come te, ora hai un dispositivo android che fa tutte quelle cose e quando sei senza magari ne senti anche la mancanza(o magari no).

    L'ibridazione tecnologica è una delle principali vie dell'evoluzione tecnologica, quindi non poniamoci in maniera troppa rigida su "i cellulari devono fare i cellulari!"

    • walla walla

      quoto spinello :ihih:

  • pippicalzelunghe

    io vorrei tanto sapere che cosa ci dobbiamo fare con certe frequenze….

    perchè non si mettono ad ottimizzare piuttosto che fare a gara su chi ce l'ha più lungo???

    sono e rimangono cellulari, con funzioni fantastiche…i computer devono fare i computer, e i cellulari i cellulari…già oggi sul nostro dispositivo android gira tutto strabene, non vedo il motivo, se non per farei fighi o per giochicchiare, cosa che poi non è vera visti i deludenti risultati di titoli in campo videoludico dei nostri dispositivi..

  • Rino

    ..1.5GHz, azzz na' saetta!!. :fumo:

  • stardev

    non capisco il vostro stupore, ARM ha prodotto anche un chipset specifico per i server chiamato Smooth Stone (http://www.smooth-stone.com/) è finita l’epoca del chip stufa a legna , i prossimi tablet avranno potenze molto più basse nell’ordine dei Mhz rispetto alle controparti x86 , ma molto piu performanti e meno dispendiosi di energia .
    ARM è il futuro , x86 ha soltanto stradominato un territorio per anni non contrastato da nessuno , è arrivato finalmente il momento di prendere tablet senza ventole di raffreddamento che dopo 2 anni inchiodano il pc perchè piene di polvere .

    • MaxArt

      No, questo non credo.

      E' possibile che i processori ARM invaderanno anche il mercato dei PC da ufficio nei prossimi anni. Quelli da segretaria, tanto per intenderci, che oltre alle applicazioni office ed il solitario non fanno! :ihih:

      Monteranno probabilmente versioni specifiche di Linux, oppure qualcosa di più adatto come Chrome OS. Useranno Google Docs e qualche app fatta apposta, con un costo estremamente competitivo.

      Ma è inutile stare a rigirarci: ci sono professionisti che hanno bisogno di ogni minima stilla per il calcolo, ed è lì che ci saranno ancora i processori x86, ed ancora per parecchi anni. Parlo di desktop e notebook "desktop replacement".

      Può darsi che i processori ARM si diffondano anche in server e mainframe, ma sono un'altra categoria.

      Il fatto è che gli ARM sono stati da sempre sviluppati per un certo tipo di dispositivi, cioè quelli a basso consumo ma anche a basse potenze elaborative. Gli x86, più potenza e più consumo.

      Non è però detto che le loro strade non si incrocino.

      Un Atom single core da 1.6 GHz consuma 4.5 W di TDP, ma fa a pezzi uno Snapdragon da 1 GHz, con prestazioni che vanno ben oltre il 60% di frequenza in più. E l'Atom fa schifo, come CPU… Non è manco out of order.

      Insomma, si tratta di mondi che a mio avviso rimarranno ancora distinti per i prossimi 3 anni, avranno qualche intersezione per i successivi due, forse cominceranno a mescolarsi decentemente tra 10.

Top