Nexus S raggiunto Overclock a 1.6 Ghz!

Gironzolando su XDA si fanno sempre piacevoli scoperte, il Team Whiskey e Moric hanno continuato il loro lavoro sull’overclock del Nexus S e sono riusciti a portare il processore fino alla frequenza di 1.6Ghz!!!

Cliccando qui potrete accedere alla discussione su questo kernel sul forum XDA e qui a quella sulla ROM del Team Whiskey.

E’ bene ricordare che è sempre rischioso operare sul processore e quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità nel caso di eventuali danni procurati al vostro smartphone. Questi kernel non sono perfettamente stabili e non è raro, infatti, assistere a fastidiosi riavvii improvvisi ed ad altre piccole anomalie.

Se però siete dei temerari e volete provare ad ottenere ancora di più dal vostro Nexus S allora procedete pure a vostro rischio e pericolo. Io ho spinto il mio fino ad 1.3Ghz (kernel Netarchy) e svolgendo il quadrant test ho ottenuto un buon 3.000.

Per installare un nuovo kernel è necessario ottenere i permessi root, ecco quindi la guida specifica per utenti linux e quella generale!

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • eros

    I processori dei cellulari fondamentalmente sono downclockati appunto per batteria è co….c'è da vedere questi processori a che frequenze dovrebbero lavorare "nativamente"

    Thetap non funziona proprio cosi..i processori nuovi dei pc e/o bios sfruttano una tecnologia integrata che alza e abbassa la frequenza della cpu a seconda dell'uso..spingendola al massimo solo quando serve.

    • MaxArt

      Penso che in realtà volesse dire proprio quello.
      Prendi un processore a 1 GHz che in full load consuma 1 W e in idle 0.1 W; prendi poi un processore a 500 MHz che in full load consuma 0.8 W. Supponi che per fare un certo task, quest'ultimo ci impieghi 10 secondi: avrà consumato 8 J.
      Il primo invece ci impiega 5 secondi, e per i restanti 5 è in idle: quindi consuma in totale solo 5*1+5*0.5 = 5.5 J nello stesso lasso di tempo.

      Naturalmente dipende se il rapporto tra la potenza dissipata in full load è migliore del rapporto delle frequenze massime. Se il processore da 500 MHz consumasse 0.5 W o meno in full load le cose si ribalterebbero.
      Ecco perché molti processori sono downclockati. In definitiva, dipende molto dalle specifiche del processore…

  • thetap

    al contrario, con più potenza il terminale fa meno fatica e la batteria dovrebbe durare di più se si svolgono determinate azioni che non richiedono lo sforzo della cpu.

  • io sono contrario all'overclock in terminali che hanno una ottima risposta come lo è il nexus s, al contrario del liquid che molte volte era lento…vai a stressare il sistema riducendo la vita del terminale in modo esponenziale!!!

    • luigiandroid

      Condivido, essenzialmente va già benissimo così ;)
      Ho provato l'overclock a 1.3 solo per curiosità e per poche ore, poi sono tornato alla "normalità" :)

  • Pingback: Overclock Nexus S, raggiunti i 1,6GHz!! | Technology Mania()

  • immagino la batteria come se ne va via…

    • Enrico

      quoto, stavo pensando la stessa cosa. Coi dual core non succede lo stesso?

    • dio

      finchè non ti tocca il voltaggio la batteria non ne risente minimamente

      • MaxArt

        Sì che ne risente, non diciamo inesattezze. Il consumo aumenta in maniera grossomodo quadratico.
        La cosa risulta ovvia se si pensa che ad ogni passaggio di stato dei transistor c'è una certa dissipazione di energia. Aumenti la frequenza, e aumenti la dissipazione.
        Si aumenta la tensione quando non si riesce ad avere un certo delta V sufficiente a distinguire uno 0 binario da un 1.

        • concordo con maxart…il terminale subisce un aumento delle prestazioni e conseguentemente consuma più batteria..mica le fa con l'aria!!!!

          • MaxArt

            Sì, ma non è l'aumento delle prestazioni che determina l'incremento del consumo, bensì entrambi i fenomeni sono conseguenze dell'aumento della frequenza.

            Scusa la pignoleria, è che ho appena scritto un papiro di risposta :/

        • dio

          Non diciamo inesattezze, la frequenza influisce molto poco sul consumo rispetto all'aumento del voltaggio e quindi della tensione di alimentazione. un aumento di frequenza di un 50% non significa un aumento di consumo del 50% ma molto molto di meno.
          Inoltre hai detto un'altra inesattezza: confondi, come il 90% delle persone, l'energia che viene dispersa e quindi quella la dissipare con il consumo. Sono due cose totalmente diverse. Quando nei pc la gente legge accanto al processore (125W) si pensa al consumo quando invece è l'energia da dissipare che sono due cose diverse.
          Quindi aumenti la frequenza NON aumenti la dissipazione. Nei pc la frequenza varia ma varia pure il voltaggio chiaramente quindi in questo caso varia la dissipazione.
          Su ste cose sono ben afferrato.
          Cmq in questo caso è stato sicuramente toccato il voltaggio quindi si la batteria ne risente

          • MaxArt

            Ti consiglio di rivedere qualche semplice grafico, stai prendendo un abbaglio.
            Innanzitutto ho detto che l'aumento del consumo con la frequenza è "grossomodo quadratico", e non lineare come hai fatto intendere tu con l'esempio del 50%. Dipende molto da come vengono fatti gli overclock rispetto alle specifiche. Se sono conservative, un overclock minimo corrisponde ad un aumento dei consumi irrisorio, ma nel caso generale ti ho anche spiegato *perché* c'è un aumento della dissipazione. Cos'è che non ti è chiaro?

            Per quanto riguarda energia dispersa e consumo, forse dovresti dire tu la differenza, relativamente ad un processore. Un utilizzatore come un chip in che modo può disperdere energia? Non ha parti meccaniche, emette pressoché *solo* radiazione elettromagnetica, e *quasi tutta* dall'infrarosso in giù (o mica verdrai il processore brillare?).
            Se consideri la CPU come un corpo nero, la lunghezza d'onda della radiazione di intensità massima è data dalla legge di Wien: supponiamo una temperatura del processore di 315 K, hai che la radiazione ha un picco sui 9200 nm. Siamo precisi precisi nell'infrarosso termico. Se vuoi sapere quanto viene dissipato in calore integra la legge di Planck nell'infrarosso medio e fa' la proporzione con l'integrale su tutta la retta reale.
            Certo, ci sono anche altre voci da considerare quando si parla di un consumo del processore, ma solo del tutto trascurabili ed è assurdo pensare che "consumo" e "dissipazione termica" non debbano essere considerati valori interscambiabili quando si parla di CPU.
            Per un ricercatore sui semiconduttori, magari. Ma per tutti gli altri, no.

            La potenza indicata nei processori è solitamente il TDP, thermal design power, ed è una specifica per il sistemi di dissipazione, che dev'essere in grado di dissipare quella potenza per essere certificato per quel processore. Non è ovviamente una misura del consumo, ma puoi star certo che i produttori fanno aumentare il TDP con la frequenza di specifica del processore *pur mantenendo il Vcore*, e anche questo ti dovrebbe fare rendere conto che la frequenza *influisce* sulla dissipazione termica.
            (Ad esempio, da' un'occhiata alla tabella: http://it.wikipedia.org/wiki/Pentium_4 )

            Ovviamente il Vcore del processore influisce sul calore generato. La CPU si può assimilare ad una resistenza ohmica, quindi P=V^2/R (in realtà è un po' peggio, ci sono anche le correnti di leakage).
            Ma nei sistemi più classici di frequency throttling il Vcore cala generalmente di un 30% al massimo, il che vuol dire che solo in base ad essa la potenza dissipata si dimezza all'incirca. Tuttavia, quando il processore è in idle la potenza dissipata può essere abbattuta anche del 90%: come te lo spieghi, se per te il calo della frequenza *non* influisce sul calore dissipato dal processore?

            Mah, mi sa che alla fine su 'ste cose sono assai più ferrato io, non avertela a male.

            Edit: alla fine c'era anche questa pagina semplice semplice: http://en.wikipedia.org/wiki/CPU_power_dissipatio
            C'è pure una legge di Ohm riadattata per i processori, ovviamente è un'approssimazione ma davvero spero che basti per convincerti…

      • Alex

        mi pare ovvio e scontato che ne risenta non diciamo sciocchezze

Top