Microsoft e Barnes & Noble arrivano ad un accordo, addio cause

A quanto pare, a vincere è stato chi ha avuto il coraggio di non farsi mettere i piedi in testa e di resistere agli assalti. Barnes & Noble, nota catena di librerie statunitense e società tra le più attive nel mondo ebook assieme ad Amazon, ha vinto contro Microsoft. Il processo è stato sospeso, poiché Microsoft ha accettato di investire 300 milioni di dollari in una nuova sussidiaria di B&N che si occuperà del Nook e del mercato ebook ed e-reader. Microsoft possiederà il 17.6% dell’azienda, mentre a B&N spetterà il restante 82.4% del valore di 1.4 miliardi di dollari.

Tutto questo avviene dopo che il processo è stato sospeso per accordo stragiudiziale tra le parti con termini sconosciuti, di cui l’unica cosa certa è che Microsoft ha concesso a B&N le licenze dei brevetti violati dai tablet ed e-reader Nook. Secondo B&N, questo accordo “espanderà significativamente il business” degli e-reader e, anche se non si sa quale sarà l’intervento di Microsoft in questo, è possibile immaginare che la società di Bill Gates stringerà accordi di licenza per l’uso delle sue piattaforme Zune e Xbox Live per fornire musica e video.

Dunque, alla fine, quella che sembrava una via senza uscita si è rivelata una doppia vittoria per Barnes & Noble: ancora una volta ha vinto Davide e Golia ha dovuto pagare (letteralmente) per le sue azioni. La vittoria è doppia perché non solo B&N non ha dovuto pagare eventuali sanzioni per la violazione dei brevetti Microsoft, ma quest’ultima ha addirittura dato dei soldi alla prima partecipando in una sussidiaria – e con ogni probabilità anche in denaro contante. Complimenti a Barnes & Noble per il coraggio dimostrato e per essersi opposta a Microsoft uscendo vincente dallo scontro!

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • MaxArt

    Timeo Danaos et dona ferentes!

    Microsoft non fa mosse che non gli convengano, a breve o a lungo termine.
    Cosa avrebbe da guadagnarci?

    • Riccardo Robecchi

      Questa è la domanda chiave. Entra nel mondo ebook ed e-reader, territorio a lei sconosciuto finora. Insomma, un sacco di soldi. E si è evitata lo scoperchiamento di un vaso di Pandora di proporzioni galattiche.

Top