Secondo McAfee, gli utenti non proteggono abbastanza i propri dispositivi mobili

1306831781_2142-mcafee20logo

Il Mobile World Congress si rivela un’occasione, non solo per le aziende produttrici di dispositivi mobili ma anche per le società di software, per pubblicizzare i propri prodotti. È questo il caso di McAfee che, tramite un comunicato stampa, afferma che gli utenti non proteggono i propri dispositivi mobili. McAfee, però, non parlerebbe solo sulla base di qualche sondaggio qua e là, ma perchè sarebbe in possesso di dati reali.

Stando alle stime pervenute, circa il 55% degli utenti ha condiviso il PIN del proprio dispositivo con altri utenti, mentre il 15% memorizza le proprie password sul telefono. Il fatto allarmante, però, è che molti siano del tutto estranei ai meccanismi di violazione della privacy che possono essere attuati da malintenzionati anche su smartphone e tablet, per cui il potere dei pirati e dei criminali informatici si rafforza sempre di più.

Per questo motivo, McAfee ha deciso di redigere un comunicato stampa in cui fornire agli utenti un po’ di informazioni a riguardo e anche dare qualche consiglio, che è sempre il benvenuto. Vi lasciamo quindi al comunicato stampa di McAfee sulla sicurezza e la protezione dei dispositivi.

McAfee: gli utenti non proteggono i propri dispositivi portatili

  • Il 55% degli utenti ha condiviso con qualcuno il PIN del proprio cellulare o tablet
  • Più di uno su dieci utilizza lo stesso PIN per più dispositivi
  • Il 15% memorizza le password sul telefono

 

Mobile World Congress, – 26 febbraio 2013 – In base a un’indagine realizzata a livello globale da McAfee e One Poll che ha coinvolto 3.000 utenti di dispositivi mobili, un terzo della popolazione non si preoccupa di proteggere il proprio telefono cellulare o tablet con un PIN o una password. Dai risultati è inoltre emerso che, mentre la maggior parte degli intervistati non è consapevole delle possibili violazioni alla loro privacy tramite smartphone e tablet, queste piattaforme diventano sempre più attraenti per i criminali informatici.

 

Scegliere un PIN

Quando si tratta di scegliere un PIN, la maggioranza degli utenti nel Regno Unito e in Germania ha rivelato di aver mantenuto il PIN ricevuto la prima volta, al contrario, gli intervistati francesi e americani scelgono quasi sempre il proprio numero fortunato. Il dato più preoccupante è però che più di uno su dieci utilizza lo stesso codice PIN per più dispositivi.

 

Password: pubblica o privata?

Anche se è un’ottima abitudine, impostare una password o un PIN non garantisce una protezione completa dei dati, anche perché oltre la metà degli intervistati (55%) ha ammesso di aver condiviso queste informazioni con altri. È interessante notare che questo numero è più alto per i tablet (con il 61% che ha condiviso il proprio PIN) di quanto lo sia per i cellulari (49%), lasciando intuire che agli utenti stanno maggiormente a cuore i dati conservati sul telefono cellulare rispetto a quelli presenti sul tablet.

 

Errori comuni

L’indagine ha evidenziato che gli utenti sembrano non porre grande attenzione alla protezione dei dati conservati sui propri dispositivi. Ad esempio, solo un intervistato su cinque ha effettuato un backup dei dati del proprio telefono cellulare o tablet, nel caso vanga rubato. Inoltre, più di uno su dieci (15%) salva le proprie password sul telefono cellulare, spesso nella sezione “note”, il che significa che, se il telefono cade nelle mani sbagliate, sono in pericolo tutte le informazioni personali come i dettagli dei conti correnti bancari o i dati di accesso ai negozi online preferiti.

 

Non è un gioco

Quasi la metà degli intervistati fa utilizzare ai figli il proprio cellulare o tablet, e uno su sei ammette che ne conoscono anche il PIN o la password. Il 10% inoltre condivide con loro la password per iTunes o altri siti di vendita di app per consentire ai figli di acquistare applicazioni.

 

“Risulta chiaro che gli utenti stanno completamente dimenticando la quantità di informazioni preziose che sono memorizzate sul proprio cellulare o tablet”, ha commentato Raj Samani, CTO di McAfee per il mercato EMEA. “Questi dispositivi possono contenere dati personali come i dati bancari e memorizzarne gli accessi, quindi è fondamentale che le persone se ne preoccupino, esattamente come fanno con il loro portafogli o il computer. Non impostare un PIN o una password è come lasciare la porta di casa aperta: sareste sorpresi se tornando a casa scopriste che manca qualcosa?”.

“Il report McAfee Consumer Trends appena annunciato indica come i dispositivi mobile stiano diventando sempre più attraenti per i criminali informatici che sono alla ricerca di nuovi modi per rubare le identità digitali e commettere frodi”.

 

Per garantire che le informazioni personali e i dati sensibili rimangano privati, McAfee Mobile Security offre una protezione completa contro la perdita dei dispositivi mobile, virus e minacce web. Inoltre fornisce protezione contro spyware e phishing, applicazioni pericolose e spam e consente all’utente di bloccare, monitorare e cancellare i dati in remoto, e, se necessario, offre la possibilità di eseguire il backup e il ripristino dei dati personali.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • trudtilp

    Probabilmente Mcafee sta pensando seriamente di commissionare ad un hacker qualche Virus per il mondo mobile! :-D

    Altrimenti poi, come li vende i suoi prodotti?

Top