Matias Duarte spiega perchè i Nexus non hanno MicroSD e perchè hanno i tasti software

nexus-4-1

Al principio fu Nexus One. Fu l’unico Nexus nella storia di Google ad offrire la possibilità di inserire una MicroSD, poi il nulla. Tutti gli altri Nexus che gli si sono susseguiti non hanno più avuto memoria espandibile: Nexus S, Galaxy Nexus, Nexus 7, Nexus 10 e Nexus 4.

Da qui nasce l’interrogativo che molti di voi si saranno posti: perchè Google non implementa la MicroSD nei Nexus? La risposta arriva direttamente da Matias Duarte, direttore della Android User Experience, il quale sul suo profilo Google+ risponde a questa ed altre domande. Ecco le sue parole a tal proposito:

A tutti piace l’idea di avere una scheda SD, ma in realtà è solo fonte di confusione per gli utenti.

Se salvate le foto, i video o la musica, dove si vanno a memorizzare tutti i contenuti? Sullo smartphone? O sulla scheda SD? Dovrebbe esserci un’impostazione a tal riguardo? Bisogna chiedere conferma ogni volta per il salvataggio? Cosa succede sotto il profilo dell’esperienza quando si cambia scheda sul proprio dispositivo? E ‘troppo complicato.

Adottiamo un approccio diverso. Il Nexus ha una quantità fissa di spazio che è possibile usare senza problemi per l’installazione di applicazioni, senza mai doversi preoccupare di file o di qualsiasi altre delle sciocchezze.

Con un Nexus si sa esattamente quanta memoria si possiede ed ognuno può decidere qual è la dimensione giusta. E’ semplice e buono per gli utenti.

L’altra domanda a cui risponde Matias Duarte è la seguente: perchè i tasti software e la barra delle notifiche sono gli stessi in tutti i dispositivi con Jelly Bean? In effetti, già da Android ICS Google aveva voluto uniformare l’interfaccia grafica tra smartphone e tablet, ma con Jelly Bean 4.2 si è fatto un ulteriore passo in avanti. La barra delle notifiche ed i tasti software sono gli stessi su tutte le piattaforme. Vediamo come ha risposto Matias Duarte:

L’uniformità e l’usabilità sono molto importanti per noi, e questo è quello che cerchiamo di migliorare in qualsiasi versione di Android. Con Honeycomb abbiamo introdotto per la prima volta l’dea di una navigazione nella UI completamente onscreen che ci ha dato una flessibilità senza precedenti per quanto riguarda l’adattamento e la trasformazione della UI – entrambi quando si gira il device nelle mani i tasti software cambiano direzione come tutti i relativi controlli. Ora in Jelly Bean abbiamo fissato i pulsanti universali di navigazione all’interno del software e la barra delle notifiche risulta uniforme per tutte le dimensioni dei display.

Questa nuova configurazione è basata su una ricerca che abbiamo effettuato sull’usabilità relativa a differenti form factor e a diverse risoluzioni su cui gira Android. Jelly Bean mantiene quindi i classici 3 pulsanti software che si spostano dinamicamente a seconda di come si ruota il display.

Inoltre i tasti software si adattano bene a qualsiasi tipo di utente, sia per coloro i quali utilizzano il dispositivo con la mano destra che con la sinistra, ed offrono un buon feed back sempre.

[Via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Daniele De Giorgi

    Il motivo per cui non è presente la scheda MicroSD sui dispositivi Android ufficiali di Google è uno solo si chiama GOOGLE PLAY.
    Il motivo per cui non è presente la scheda MicroSD sui dispositivi Apple è uno solo e si chiama APPLE STORE.

    Si possono intervistare dozzine di direttori, responsabili, progettisti..ma la verità non la potranno mai dire perchè costa troppo in termini d’immagine e una azienda leader nel settore tecnologico …è leader perchè deve dimostrare anche sul piano del marketing di innovare sempre e comunque per rendere l’esperienza degli utenti migliore. Deve dimostrare di FARLO PER NOI.

    Nessuno dirà veramente…che Google e Apple…guadagnano molto più dalle commissioni che hanno su ogni prodotto (applicazione, gioco, musica, libri) comprato dai loro negozi online rispetto ai margini di profitto che ottengono vendendo i loro device. Nessuno dirà che le MicroSD sono per l’utente una scorciatoia troppo semplice per stoccare decine di gigabyte di materiale coperto da copyright…..Non diranno mai insomma…che lo fanno perchè danno per assunto che dare tutta quella disponibilità di spazio…trasformi ogni utente in un potenziale ladro dei loro profitti…

  • MarcoMale

    Scopro solo oggi che Nexus 5 non ha la scheda SD… male molto male.
    Veramente un duro colpo… Che poi mi fa impazzire che io spendo 349€ + 39,99 per il caricatore Wireless e ci metti sopra 12€ di costo di spedizione… ma dai!
    GRATIS! Spedizioni GRATIS!

  • salvatore

    ma vai a cagare…

  • Angelo

    cioè quindi credono che chi utilizza questi terminali sia scemo ? noi che non sappiamo usare una semplice micro sd ?? ma vogliono scherzare spero ! cioè non ci vedono come utenti ma come utonti ?? senza contare che in caso di rottura del telefono improvvisa, ci dobbiamo perdere i NOSTRI DATI dentro la memoria di questa schifezza ? ma che vadano a quel paese !!

  • anty

    Non sarà il problema di dover pagare (pochi $) di royalties a Microsoft, per via della formattazione FAT32 delle schede SD… Gli utenti Android non sono utonti!!!
    Non mi piace questo approccio, temo Google si stia montando la testa, come ha già fatto Apple.
    Nessuno si è mai lamentato della presenza di schede (micro)SD, forse il problema nasce in quei telefoni ove la memoria intera è ridicola ed alcune app non vanno sulla scheda esterna. La soluzione è avere una buona memoria interna, e lasciare la (micro)SD ad esclusivo uso dati e/o backup.
    Poi non capisco come tale tesi si sposi con i prodotti Android più economici, che vivono di sola SD…
    Di questo passo toglieranno anche le possibilità di spostare file, come già fa Apple, per evitare confusione…

  • rupert

    La risposta sull’assenza della scheda sd è assolutamente perfetta. Per gli utenti iPhone, però. Da quando in qua gli utenti di android si spaventano per la presenza di opzioni, o per l’esistenza di file nei loro smartphone? “I file sono sciocchezze” è una citazione di un pensiero di Steve Jobs?

    • Angelo

      allora credono che la gente sia scema a tal punto da non saper usare uno smartphone con una scheda di memoria ? no scusa ma come lo dice sembra una scemenza andiamo !

  • che bello sentire tanti ingegneri o presunti tali..ma per favore!
    La microsd incide sulle prestazioni del sistema in negativo (ho avuto un nexus s , ho un galaxy nexus e vari telefoni con microsd) e la differenza si nota .
    Le app spostate su microsd “girano” più lentamente e in più .. montare , smontare la microsd sarebbe un gran rottura. Hai quei 16 gb integrati e via!
    Personalmente 16gb mi bastano e mi avanzano ..

    • Angelo

      si, tra clip video, immagini e programmi vedo te ! che stupidaggine ! e poi non è vero che tutte le app girano più lentamente, bisogna solo aver occhio di scegliere la micro sd con classe giusta ! per esempio la migliore sd in circolazione per cellulari di fascia media, è la classe 4 !

  • Secondo me hanno torto:
    – 1) a livello commerciale il diverso taglio di memoria integrata comporta una differenza di prezzo spesso notevole rispetto al costo effettivo di una scheda sd, se per esempio comprassi il Nexus 4 da 8gb aggiungendo una sd da 16gb di circa 10$, avrei il device con 24gb a 309$, con bel risparmio rispetto al 16gb da 349$ (nel mio caso spenderei solo 299$ perchè ho già una sd da 16gb..).

    – 2) La maggior parte dei giochi su telefono di ultima generazione ha un consumo di memoria importante (parliamo di singoli giochi che raggiungono e spesso superano il gb di spazio occupato), che aggiunto alla possibilità di voler installare un navigatore diverso da maps (io uso l’ottimo Navigator di Navigon, che da solo “mangia” circa 2gb di spazio), nonchè alla possibilità di inserire le proprie canzoni sul device (per non parlare dei film nel caso si voglia passare il tempo durante spostamenti lunghi) comporta il dover fare “dolorose” selezioni, o comunque l’avere la senzazione di avere un device “castrato”.

    Per meglio capire il punto 2 posso portare la mia esperienza su telefono Galaxy Next e su Sony Tablet S. Su entrambi i device ho una scheda aggiuntiva SD da 16gb.
    Sul galaxy next al momento ho la rom Cyanogenmod 7.0. La memoria interna libera è di circa 170 mb, quella della sd di circa 200 mega. Il resto è riempito da navigatore, qualche ebook, una decina di programmi vari ( soapcast, evernote, briscola..) e la mia collezione musicale.
    (Considerato che il device è di fascia medio-bassa non ci sono giochi “pesanti” installati, per fortuna ;) ). In ogni caso, tra App2Sd e la memoria di buona qualità, il sistema è fluido e l’esperienza di utilizzo è eccellente, considerato anche il rapporto qualità-prezzo.

    Sul Tablet S da 16gb ho aggiunto la scheda sd, il che è un pò laborioso per via dell’approccio di Sony al concetto di memoria esterna. Infatti il tablet “vede” la scheda come una seconda sd (la prima, stranamente, viene considerata la memoria interna del tablet disponibile per l’utente, cioè 8,92 gb) a questo si aggiunge che qualsiasi operazione l’utente voglia fare su i files della scheda sd devono essere fatte tramite il programma “trasferimento files”, altrimenti i files vengono visti come in sola lettura. E’ però possibile usare la scheda tranquillamente per i files multimediali, quindi libri, film, musica e fumetti; l’unico limite è legato appunto alla loro gestione: per passare un file dal pc lo si deve mettere nella memoria interna del tablet e dopo passarlo tramite la app di trasferimento (ovviamente la cosa si può risolvere togliendo la scheda e modificandone il contenuto direttamente da pc, anche se è un passaggio in più rispetto a quanto si vorrebbe). Posso assicurare che sebbene macchinoso, il sistema garantisce un notevole alleggerimento della memoria interna, in quanto è molto facile riempire la memoria di musica, libri, riviste e film che andrebbero a riempire il tablet in un attimo, permettendo di usare la memoria interna per le app e i giochi.

    E’ giusto che nel proporre un device di fascia alta ad un prezzo contenuto si facciano delle rinunce ( la mancanza di LTE nel Nexus 4 per me è un’ottima scelta, considerato lo stato delle linee 2/3/4G italiane), però secondo me, se si decide di non permettere l’utlizzo di memorie esterne, sarebbe giusto proporre device con MINIMO 16gb di memoria integrata (che già con un utilizzo “medio” sarebbero utilizzati in pieno), altrimenti l’esperienza utente ne risente. E’ vero che se un prodotto è troppo “buono” ne potrebbero risentire le linee successive ( perchè comprare l’ultimo super-smartphone se il suo predecessore, alla metà del suo prezzo, ha già tutto per soddisfare le mie esigenze?), e che alcuni utenti comprano un device di ultima generazione solo per telefonare e messaggiare e non hanno interesse nella quantità di memoria integrata, ma solo nella qualità del telefono, e ritengo sia un loro diritto avere questa possibilità (per quanto per me sia uno spreco), però un produttore dovrebbe puntare a fornire un prodotto equilibrato.

    Spero di non avervi tediato con questo lungo commento, ma ci tenevo ad esprimere al meglio il mio punto di vista.

  • La cazzata della SD potevano evitarla perche è troppo utile io non comprerei mai un cell a memoria fissa( vedi iPhone) peccato e Cmq w android sempre e comunque!! ;)

  • con questa logica dovremmo eliminare la notifica led perchè potrebbe urtare la sensibilità dell’occhio, o togliere la fotocamera frontale perchè crea confusione(sto fotografando con la fotocamera avanti o dietro?) anche il bluetooth dovrebbe essere eliminato, non vorrei che qualche utente nel cercare di capire se è acceso o spento diventasse pazzo… Ma magari dire semplicemente “abbiamo creato uno smartphone con caratteristiche top e ad un prezzo pari alla metà o meno della concorrenza abbiamo dovuto effettuare delle rinunce, abbiamo concordato che il modulo sd è un aspetto marginale per un cellulare con una memoria così elevata”

    • Bella risposta :) (anche se 8b e “memoria così elevata” nel 2012 non concordano)

    • Blackgin

      Sinceramente non credo sia un problema di costi.. Quanto può costare un componente come un lettore micro sd?
      Io credo che sia vero quanto dice, perché tra l’altro, neanche il Galaxy Nexus ha lo slot micro sd, e costava ben 600 euro.

  • e certo poi ti si pianta il sistema operativo o si brucia il cellulare per un motivo qualunque e i tuoi dati restano là dentro… ecco perchè nonostante il mio amore per android i nexus per me non saranno mai un opzione di acquisto.

    POI C’E’ SECONDO ME ANCHE UN PO DI DISONESTA’ DA PARTE DI GOOGLE
    che lo fa anche per invogliare/costringere gli utenti a comprare spazio di archiviazione su Drive perchè parliamoci chiaro lo spazio free è veramente poco, non mi ci entra nemmeno tutta la mia collezione musicale, pensiate se si aggiungono foto, video, documenti pesanti come riviste o libri….

    • andcas

      Si ma ricordiamoci che Google punta al cloud totale! Tra Google Play Music su cui carichi fino 20.000 canzoni della tua libreria a cui hai sempre accesso (connessione internet permettendo), Google+ che con il caricamento istantaneo puoi caricare foto e video a palate e ritrovarteli immediatamente nella galleria, Play Book per i libri e così via, in fin dei conti se si riesce ad utilizzare a pieno i servizi cloud di google, lo spazio su drive può bastare (io lo uso perlopiù per condividere file con altra gente) e la memoria del terminale va praticamente solo per applicazioni installate.
      Ci stavo pensando l’altro giorno che se cambio/perdo/rompo il cellulare mi basta fare l’accesso ai vari servizi che mi ritrovo praticamente tutto!

  • trudtilp

    Io sul cellulare ho informazioni personali che preferirei non perdere mai. Alla faccia del Cloud che (in Italia con la copertura dati 3G che abbiamo sai che comodo) comunque non mi da sicurezza. Io li sopra i miei dati bancari non c’è li metto! Tanto per dire.
    Poi una microSD per me vuol dire….. Mi si scassa il terminale….. se proprio ne ho bisogno un’altro passo da un negozio e poi infilo la mia memoria li dentro e ho nuovamente tutti i dati che mi servono!
    Il Cloud sarebbe la cosa giusta ma a che prezzo? Velocità e sicurezza intendo.
    Poi, l’altro giorno smanettando col cellulare l’ho inchiodato! Niente da fare. Non c’era modo di farlo riavviare. Collegato al PC, lanciata procedura di ripristino immagine della ROM e via! Perso tutto quello che c’era dentro…. di cui non mi importava nulla!! La mia micro SD era fuori dal cellulare e poi c’è ritornata. Con tutto il suo contenuto.
    Ok! Colpa mia! Se mi mettessi le manine in tasca, invece di smanettare con Mod o altro sul cellulare sarebbe meglio. Ma allora che divertimento c’è?

  • che cazzata l’sd -.-

  • Luca

    Io invece sono d’accordo!

    • Luca

      Ho cliccato invio per sbaglio. dicevo: sul mio one S ho 2 GB di memoria interna e 13 sul telefono. Quando installo qualcosa devo ricordarmi di spostare sulla memoria del telefono, ma se voglio usare i widget devo asciare tutto sulla memoria interna. Paradossalmente se volessi usare i widget di ogni applicazione, la memoria effettiva sarebbe di soli 2GB!
      Sul nexus7 invece sto benissimo, senza menate, installo, metto foto e musica e finiti i 16GB ciao.
      Secondo me è una buona scelta e la condivido.

  • Claudio Colombo (FB)

    Si ma allora dovrebbero fare almeno 30 gb di memoria!!!

  • Ha il suo porco senso… e per fortuna si sono decisi ad abbandonare quell’orrendo layout dei bottoni per qualcosa di più ergonomico.

  • Angelo Blerpa Allegra (FB)

    Logica molto da babbei, alla Apple.
    Persino con il tanto vituperato Windows è semplicissimo installare applicazioni in versione portable su chiavette usb o hard disk esterni. O vogliamo tornare al vetusto Symbian che semplicemente lasciava l’opzione di installare l’app su telefono o memoria esterna? Le cavolate sulla lentezza di accesso alla MicroSD sono appunto scuse dello staff Android, è tutta chiacchera. Ora attendo solo i paladini idioti del cloud che verranno a dire che le cose le puoi salvare online, peccato che pure nel Nordamerica fuori dal wifi di casa e le poche zone in LTE siano messi peggio dei paesini sugli Appennini in quanto a copertura.
    E non contiamo quanto l’essere schiavi del cloud incida molto di più di una semplice ed economica MicroSD nei tempi di accesso, consumo batteria e consumo anche economico di traffico dati.
    Male, molto male, pessima risposta.

    Riguardo i tasti software non ne sono un fan, ma ben venga invece una chiara omogeneità fra terminali sulla disposizione sullo schermo.

  • lorenzozaccomer

    Ha ragione, è scomoda la SD, dato che rallenta tutto il dispositivo e sopratutto lo rallenta se si carica troppe robe, adesso si può caricare praticamente tutto in cloud.

  • scusate l’ignoranza…ma il supporto micro sd non era stato tolto per contenere le spese?(sarebbe piú coerente dato che il galaxy nexus originariamene doveva montare un sensore da 8mpx ma lo avevano messo da 5 per lo stesso motivo) hahahaha poi fanno ridere certe giustificazioni del tipo: “non si creano problemi per file e sapete la memoria effettiva” perchè non cè scritto nelle micro sd?xD e poi non credo che non avere un supporto micro sd possa aumentare la semplicitá anzi credo la diminuisca..era meglio dire:che cazzo pretendete signori? il nexus 4/7/10 insieme costano quasi quanto un iphone da 64gb!

  • scusate l’ignoranza…ma il supporto micro sd non era stato tolto per contenere le spese?(sarebbe piú coerente dato che il galaxy nexus originariamene doveva montare un sensore da 8mpx ma lo avevano messo da 5 per lo stesso motivo) hahahaha poi fanno ridere certe giustificazioni del tipo: “non si creano problemi per file e sapete la memoria effettiva” perchè non cè scritto nelle micro sd?xD e poi non credo che non avere un supporto micro sd possa aumentare la semplicitá anzi credo la diminuisca..era meglio dire:che cazzo pretendete signori? il nexus 4/7/10 insieme costano quasi quanto un iphone da 64gb!

  • Federica Feffina Quarta (FB)

    Massimiliano Galeone

  • è troppo complicato avere una scheda SD? avere solo memoria interna è “semplice e buono per gli utenti?” con questo spirito corriamo tutti a compare Apple.

    • hybrid2102

      Ci sono anche motivazioni prestazionali.

    • stefanoriffaldi

      concordo con Mat, avere una e una sola scelta è più semplice, soprattutto per l’utonto medio. E poi, come detto più volte, la sola presenza dello slot ( anche vuoto ) rallenta il sistema. Personalmente ritengo che per uno smartphone 16GB siano più che sufficienti per qualsiasi utilizzo che concerne questo tipo di disponitivo.

Top