L’aggiornamento del Nook blocca le app di terze parti

Il Nook Color era un vero e proprio giocattolo per i modders Android e rimane un dispositivo popolare per le rom personalizzate ed altre modifiche. Il tablet più recente della Barnes & Noble si è dimostrato un osso più duro da rompere, con un bootloader bloccato e solamente 1 GB di spazio accessibile all’utente.

Gli utenti appassionati di modding però hanno approfittato di una scappatoia all’interno di Gingerbread modificando il software e permettendo di installare qualsiasi tipo di app direttamente dal Market. Il nuovo firmware rilasciato ossia la versione 1.4.1 però risolve questo problema (per l’azienda ovviamente) non consentendo più l’installazione di app di terze parti.

Considerando il bootloader bloccato, la Barnes & Noble è consapevole di quanto sia stato popolare il Nook Color, soprattutto tra i modder, ma ha deciso ugualmente di fare questa scelta. Ciò è dovuto ad una politica di vendita, l’aspettativa dell’azienda è quella di vedere gli utenti acquistare libri per il loro eBook reader. Chi non utilizza il tablet per questo sta minando il loro modello di business.

La soluzione per coloro i quali vogliono mantenere la possibilità di installare app sul Nook è quella di non aggiornarlo alla versione 1.4.1, almeno per il momento, magari si troverà una soluzione anche sul nuovo firmware.

[via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Non mi piacciono queste politiche ma bisogna capire il loro business: loro vendono un ebook reader con Android, non un tablet Android.

    • Djkashfkdadad

      Sí vabbé, ma questo é il modo ideale per perdere clienti, capirai, con Amazon dietro alla porta!. Stessa politica di Sony… non li capisco. Uno compra una cosa e magari gli piace anche smanettarci sopra. Gli togli il gioco, compra da un’altra parte, no?

  • Inoltre l’Android Market negli states vende anche libri, e la Barnes & Noble non vuole avere una ‘concorrenza interna’

Top