Google Now è più preciso di Siri, lo confermano gli analisti

now-vs-siri

Google Now contro Siri. L’eterno scontro tra Google ed Apple si ripropone quest’oggi sotto forma di confronto tra i due assistenti vocali.

L’importanza dell’input vocale nei moderni OS mobili è fuor di dubbio, tuttavia la precisione di questi ultimi lascia spesso a desiderare. L’analista Gene Munster, impiegato presso lo studio Piper Jaffray, ha recentemente svolto un test approfondito sulle capacità di interpretazione vocale di Now e Siri. Le prove sono state suddivise in cinque macro categorie – informazioni sui luoghi, attività commerciali, navigazione, informazioni generali e comandi relativi all’OS – per un totale di 800 domande.

Tale test era già stato svolto durante il mese di Dicembre 2012, verrà di conseguenza utilizzato come indice di confronto. Scopriamo dunque il comportamento dei due assistenti vocali.

Google Now ha risposto correttamente all’86% delle domande che gli sono state poste, dimostrando un’ottima accuratezza per quanto concerne le informazioni sui luoghi, la navigazione e le informazioni generali. A Dicembre le risposte corrette erano state l’81%.

Siri, viceversa, ha raggiunto un punteggio pari all‘84%. I punti forti del software made in Apple sono state le azioni collegate all’OS (“riproduci un brano musicale”, ad esempio). Nel precedente test le risposte corrette erano state l’83%.

In termini di voti, Google Now ha raggiunto la valutazione “B” mentre Siri “B-“.

Prima di chiudere vale la pena di segnalare anche la sempre maggiore indipendenza di Siri da Google: solo il 3% delle domande hanno trovato risposta tramite il sistema di ricerca di Big G, mentre a Dicembre 2012 erano state ben il 27%.

via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Frà

    Già, peccato che a differenza di Siri, non è possibile attivarlo quando lo schermo è spento, con il tasto degli auricolari a filo

    • Giulio

      E’ passato un pò, ma con il mio DHD ed il Sensation, con gli auricolari si poteva far partire la ricerca vocale di Google (non era ancora GNow). Magari settando qualche parametro è possibile impostarlo.

      • Frà

        Paradossalmente con in dispositivi Nexus non è possibile, prova a googlare e vedrai che di soluzioni non ce ne sono.

        Lo scenario è il seguente: sei in bici e hai addosso gli auricolari. Quindi le mani sono occupate. Hai bisogno del navigatore ma non lo puoi far partire utilizzando gnow o gsearch a meno di non fermarti, tirare fuori il cellulare e usare le mani.

        Per quanto mi stia antipatica Apple, bisogna ammettere che con un iPhone basta usare la voce

        • Giulio

          Ho un Nexus 5, vedo che si può fare, mi sono incuriosito.

        • davidemo89

          ho un nexus 5 anch’io e lo posso fare.

          • Frà

            Da schermo spento? Non credo proprio

        • andreabode

          io sono su un galaxy s advance con AOSP 4.4.4, con le cuffie samsung
          inserite appoggiandomi ai trigger di pressy (volendo anche quelli di
          tasker ma non serve) posso accendere la torcia, avviare la ricerca
          vocale di google now e 1000 altre cose solo premendo una volta il
          bottoncino delle cuffie. A schermo spento.
          Mi sembra sia quello che
          cerchi, no? eppure sono su un medio-gamma di 2 anni fà che ora costa 139
          euro, non su un’Iphone o su un potentissimo N5.

    • Luca Audrito

      con il moto x non serve neanche toccarlo

    • Davide Amenta

      io lo faccio con z2

Top