Google Now potrebbe segnalarci la presenza di amici nelle vicinanze

google-now-android-jelly-bean

Una delle novità che Google dovrebbe introdurre con il prossimo (o i prossimi) aggiornamenti di Google Now riguarderebbe il fatto di essere avvertiti quando abbiamo un amico nelle vicinanze del luogo nel quale ci troviamo. Inizialmente si pensava che questa novità fosse sostanzialmente un rumor, ma poi sono state scovate delle prove alquanto eloquenti che andrebbero a confermarla.

Ad oggi, se a Google Search chiediamo a voce “ricordami di fare qualcosa”, la scheda che ci viene proposta ci permetterà solo di scegliere “Quando” e “Dove“, oltre ad altre opzioni, ma tra non molto potrebbe essere introdotta anche una terza scelta, cioè “Chi” (Who), come si vede anche nello screenshot qui in basso a destra che però è stato realizzato solo per dare un’idea di cosa potremmo aspettarci:

Screenshot_2014-03-18-09-15-03 nexusae0_who_m_thumb

Una conferma sul fatto che questa novità verrà introdotta giunge direttamente dall’applicazione Google Search, nel cui codice è stata scovata questa particolare stringa:

<string name=”set_reminder_who”>Who</string>

Molto probabilmente, quindi, Google si baserà sui parametri di localizzazione per determinare la posizione in tempo reale condivisa anche su Google+ ed avvertirci se nelle nostre vicinanze c’è un contatto presente nelle nostre cerchie. Nonostante si nutrano dei dubbi sulla sua utilità, questa nuova funzione potrebbe risultare comoda in particolari circostanze.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Lorenzo

    Chissà se utilizzerà solamente la posizione condivisa di Google+, nel qual caso non si attiverà mai vista la diffidenza degli utenti, oppure se forzerà un po’ di più sulla privacy attivando i remainder quando Google è “sicuro” che si è insieme, al di la delle autorizzazioni.
    Io avrei trovato utile il remainder anche quando avvio una chiamata ad un contatto, tipo: stai chiamando Bill, ricordati di chiedergli la password del PC.

  • marco

    se gli amici nelle vicinanze si baseranno sulla posizione condivisa su google plus sto sicuro che nn vedrò mai un amico nelle vicinanze!!

  • Alessandro

    Uno stalker-radar.

  • Mattia

    In realtà non serve proprio per avvisarci quando un contatto è vicino. Semplicemente è un nuovo trigger per i promemoria. Per esempio: “Ricordami di dare la chiavetta a Mario Rossi” –> Quando saremo insieme a Mario Rossi, Google Now ci ricorderà di consegnargli la chiavetta. Sembra abbastanza comodo :)

  • vincenzo

    Galaxy s5 in vendita a 599

Top